(ANSA) – ROMA, 15 AGOS – Un “profondo rimorso” per le azioni del Giappone durante la seconda guerra mondiale è stato espresso dall’imperatore Naruhito in una cerimonia in occasione del 75 ° anniversario della fine del conflitto, mentre che il premier Shinzo Abe ha promesso che “la tragedia non si ripeterà mai”. Quest’anno le commemorazioni si sono svolte in forma ridotta a causa della pandemia di coronavirus. “Guardando indietro al lungo periodo di pace postbellica, riflettendo sul nostro passato e tenendo presente sentimenti di profondo rimorso, spero sinceramente che le devastazioni della guerra non si ripetano mai più”. , ha detto l’imperatore davanti al memoriale di Tokyo alla presenza di sole 500 persone, contro le 6.000 dello scorso anno.

Quattro ministri del governo, compresi i ministri dell’istruzione, hanno visitato il controverso Tempio Yasukuni, dedicato a diversi importanti politici condannati per crimini di guerra e 2,5 milioni di giapponesi morti. Un politico non andava al tempio dal 2016. (MANIPOLARE).

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA