GERUSALEMME – Un piano di pace per il Medio Oriente, con Israele pronto a rinunciare alla controversa annessione di parti della Cisgiordania, decisa dallo Stato ebraico ma non ancora completata. L’accordo è stato annunciato dal presidente degli Stati Uniti Donald Trump, che ha mediato tra i due paesi e ha riferito sull’inizio delle relazioni diplomatiche tra Israele e gli Emirati Arabi Uniti.

Si tratta di “un accordo storico” secondo i partecipanti all’accordo, che hanno rilasciato una dichiarazione congiunta. “ENORME svolta oggi! Storico accordo di pace tra i nostri due GRANDI amici, Israele e gli Emirati Arabi Uniti!”, Ha twittato Donald Trump. “Ora che il ghiaccio è stato rotto”, ha detto in seguito ai giornalisti dello Studio Ovale, “mi aspetto che altri paesi arabi e musulmani seguano l’esempio degli Emirati Arabi Uniti”.

rappresentante

Dopo la svolta diplomatica e per volere del presidente Trump con il sostegno degli Emirati, Israele sospenderà la dichiarazione di sovranità sulle aree menzionate nella visione di pace del presidente e concentrerà ora i suoi sforzi sull’espansione dei legami con altri paesi e il mondo musulmano. Lo ha scritto su Twitter lo stesso capo della Casa Bianca.

E subito dopo, è stato lo stesso primo ministro israeliano. Benjamin netanyahu per ritwittare il commento del presidente Usa sulla “grande svolta”, annunciando a breve una conferenza stampa per spiegare nel dettaglio l’accordo raggiunto.

Gli Emirati Arabi Uniti sono così diventati il ​​primo paese del Medio Oriente dopo l’Egitto e la Giordania ad avere rapporti con Israele.

(notizie in aggiornamento)

READ  Gli Stati Uniti avvertono ufficialmente la Cina degli attacchi informatici per rubare la ricerca sul coronavirus

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *