Adam Rapoport, caporedattore di Bon Appétit, si dimette dopo che una foto dalla faccia marrone ha scatenato la rabbia

La scorsa settimana, dopo che Rapoport ha scritto a Pubblicare per il sito web Bon Appétit sulle proteste innescate dalla morte di George Floyd, la scrittrice culinaria Korsha Wilson ha consultato Twitter e accusato la compagnia di donne di colore al gas. Numerose altre accuse sono emerse online lunedì, innescate in parte da una foto Instagram di Rapoport del 2013 con una faccia marrone per Halloween.

Alla fine di una giornata in cui il mondo dei media alimentari era stato pieno di discussioni sulla cultura delle riviste e l’inclusione o la mancanza di voci diverse nel settore, diversi membri dello staff di Bon Appétit avevano dichiarato pubblicamente che “Smetterebbero di apparire nei popolari video della rivista fino a quando non verranno apportate o pubblicate modifiche che avevano richiesto le sue dimissioni.

Rapoport ha annunciato le sue dimissioni lunedì sera. “Mi dimetto dal mio incarico come editore di Bon Appétit per riflettere sul lavoro che devo fare come essere umano e consentire a Bon Appétit di andare in un posto migliore”, Rapoport pubblicato sul suo Instagram.

La controversia porta nuova attenzione al problema della rappresentazione nei media alimentari. E sarà anche un duro colpo per la rivista e Condé Nast, che ha recentemente considerato Bon Appétit un successo a sorpresa, soprattutto con un pubblico più giovane le cui riviste sono disperate.

Il mese scorso, Bon Appétit ha vinto quattro premi nella rivista nazionale dell’American Society of Magazine Editors, tra cui l’eccellenza generale nel servizio e nello stile di vita. Oltre alla rivista stampata, il marchio è cresciuto canale YouTube di successo.

“In qualità di società di comunicazione globale, Condé Nast si dedica alla creazione di un ambiente di lavoro diversificato, inclusivo ed equo. Abbiamo una politica di tolleranza zero per le discriminazioni e le molestie in tutte le sue forme Con questo in mente, ci impegniamo a garantire che i dipendenti siano retribuiti in modo equo, in base ai loro ruoli ed esperienze, in tutta l’azienda. Prendiamo seriamente il benessere dei nostri dipendenti e favoriamo un approccio della nostra cultura “, ha dichiarato Joe Libonati, direttore delle comunicazioni per Condé Nast.

Tra i dipendenti della rivista che hanno chiamato Rapoport c’era Sohla El-Waylly, editore associato. In uno Storia sul suo Instagram Lunedi, El-Waylly ha detto che stava guadagnando solo $ 50.000 e che solo i publisher bianchi sono stati pagati per apparire nei video della rivista, anche se non lo era nonostante la crescente presenza nei video e in alcuni numero di fan.
Collaboratore di Bon Appétit Priya Krishna retweeted Il post di Rapoport su Instagram con la faccia marrone e scrive: “È pronto, chiaro e semplice. Cancella il lavoro di BIPOC sul personale è stato a lungo dietro le quinte. Ho intenzione di fare tutto ciò che è in mio potere sostenere l’EIC e i sistemi che ritardano azioni come questa sono responsabili “.
L’editore alimentare Molly Baz, una star di YouTube, ha dichiarato in a Storia di Instagram che non comparirà nei video fino a quando la società non garantirà la stessa retribuzione
Alex Lau, ex fotografo dello staff, tweeted quello uno dei motivi per cui ha lasciato Bon Appétit è stata la mancanza di supporto per le persone di colore e un problema che ha portato i leader ad ascoltare i problemi della rappresentazione.

Condé Nast è stato nominato caporedattore di Rapoport de Bon Appétit nel 2010. In precedenza era caporedattore di GQ e aveva lavorato nel conglomerato della rivista dal 2000.

READ  Il lottatore di sumo Shobushi, 28 anni, la prima morte per coronavirus sportivo

Rapoport non ha risposto a una richiesta di commento.

Correzione: una versione precedente di questa storia aveva assegnato erroneamente a Claire Saffitz una citazione che non era sua.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *