Aggiornamenti coronavirus in tempo reale: i casi superano i 2,1 milioni in tutto il mondo
Il leader dell'opposizione venezuelana Juan Guaido parla ai media il 9 marzo a Caracas, in Venezuela.
Il leader dell’opposizione venezuelana Juan Guaido parla ai media il 9 marzo a Caracas, in Venezuela. Carlos Becerra / Getty Images

Il leader dell’opposizione venezuelana Juan Guaido ha annunciato giovedì che il suo ufficio avrebbe pagato gli operatori sanitari $ 100 al mese per i prossimi tre mesi per aiutarli a combattere la pandemia di Covid-19.

Non è chiaro come Guaido intenda consegnare il denaro direttamente agli operatori sanitari.

In una dichiarazione video pubblicata su Twitter, Guaido ha affermato che il denaro verrebbe da risorse estere recuperate da alleati internazionali, anche se non ha detto quanto sarebbe costato il suo piano.

Lo sfondo: Dal 2019, Guaido è stato riconosciuto come il legittimo capo di stato venezuelano da oltre 50 paesi, tra cui gli Stati Uniti e l’Organizzazione degli Stati americani (OAS).

Attività sequestrate: A tal fine, i paesi stranieri, compresi gli Stati Uniti, hanno sequestrato beni venezuelani precedentemente controllati dal governo del presidente Nicolas Maduro e trasferito tali beni sotto il controllo di Guaido.

All’inizio di questo mese, Guaido ha annunciato che il suo ufficio aveva “recuperato” più di $ 200 milioni e che intendeva spendere i soldi per il coronavirus in Venezuela.

Portafoglio virtuale: Guaido, che non ha regole in Venezuela, non ha spiegato in che modo il suo ufficio pagherà gli operatori sanitari, ma ha annunciato che i fondi sarebbero stati trasferiti attraverso un “portafoglio virtuale” istituito dall’OAS.

Il bonus è un importo significativo in Venezuela: La maggior parte degli operatori sanitari pubblici guadagna un salario minimo di 250.000 bolívars venezuelani, meno di $ 2 al mese.

Finora, 204 casi di coronavirus e nove morti sono stati registrati in Venezuela, secondo le statistiche diffuse dal governo Maduro.

source–>https://cnn.it/34KDnq9

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *