Ai Weiwei: il virus ha solo rafforzato lo “stato di polizia” cinese

Scritto da Stephy Chung, CNN

Mentre il mondo alle prese con misure di preclusione senza precedenti, Ai Weiwei si ritrova in un territorio familiare. L’artista schietto ha trascorso quasi tre mesi in una piccola stanza quando è stato arrestato dalle autorità cinesi nel 2011.

Fu più tardi accusato evasione fiscale, un’accusa ampiamente interpretata come una punizione per il suo attivismo politico. Dopo il suo rilascio, il passaporto di Ai fu confiscato e messo sotto attento monitoraggio A Pechino
A Cambridge, in Inghilterra, dove ora risiede il dissidente di 62 anni, l’autoisolamento ha creato simili sentimenti di solitudine. “Tu (senti) dissociato, disfunzioni e non sei sicuro del tuo futuro … cerchi di immaginare un comportamento rispetto agli altri”, ha detto, telefonicamente, le restrizioni poste in atto per contenere il file coronavirus.

Una foto scattata il 16 maggio 2019 mostra una vista dell’installazione “S.A.C.R.E.D” di Ai Weiwei durante una retrospettiva dell’opera dell’artista presso il museo d’arte K21 Kunstsammlung Nordrhein-Westfalen a Düsseldorf, Germania. I diorami di “S.A.C.R.E.D” (2013) illustrano il periodo di detenzione dell’attivista. di credito: INA FASSBENDER / AFP / AFP tramite Getty Images

Ai ha criticato il modo in cui la Cina ha gestito l’epidemia, che è stata identificata per la prima volta nella città di Wuhan e da allora si è diffusa più di 210 paesi e territori, colpendo oltre 2,5 milioni di persone. In un recente articolo di opinione per The Art Newspaper, lui sostenuto che le tattiche di contenimento del Partito Comunista al potere hanno dimostrato “l’efficacia delle regole autoritarie”, mentre l’incapacità di altri paesi di controllare la pandemia ha messo in evidenza “gli svantaggi e le cattive pratiche delle società libere e democratico “.

Questi commenti sono coerenti con la sua valutazione più ampia dei poteri estesi dello stato cinese. Molte questioni sollevate dalla pandemia, dalla censura alla sorveglianza, sono argomenti che Ai ha trascorso anni a esplorare.

Controllare la storia

Molto è stato fatto nelle ultime settimane presunto gli sforzi per coprire l’epidemia virale iniziale – un’accusa che Pechino nega fermamente.

Secondo Ai, la trasmissione selettiva di informazioni della Cina fin dall’inizio ha fornito una “possibilità per il virus di diffondersi”. Tuttavia, comprendere le motivazioni della Cina è importante per Ai come il presunto insabbiamento o il suggerimento che il numero di infezioni e decessi nel paese è stato sottostimato.

READ  Incredibile ponte galleggiante dall'Italia

“La colpa dall’Occidente è molto superficiale”, ha detto Ai. “Parlano (in Occidente) solo della Cina praticamente – (lasciamo che) non rivelino informazioni. Ma non chiedono mai, ‘Perché?'”

Secondo Ai, la Cina non funzionerebbe come uno stato senza il “controllo e la manipolazione” delle informazioni.

“Per la Cina, tutto è per uso politico. E hanno una chiara ragione per dare le cifre che vogliono, o per limitare o cambiare o distorcere la cosiddetta verità”, ha detto Ai.

“Un numero non significa nulla per loro”, ha detto, aggiungendo che c’è poco riconoscimento degli individui e delle “anime profonde” che fanno il punto sui morti. “In molti casi in Cina, non si ottengono nemmeno i veri nomi o il numero di persone. Sono completamente persi perché lo stato vuole (preservare) la propria immagine”.

L’interrogazione dei conti ufficiali non è un nuovo motivo per Ai. Dopo il terremoto del Sichuan del 2008, che secondo quanto riferito sfilza Quasi 90.000 persone nella Cina occidentale, Ai ha istituito un team per identificare le vittime più giovani incontrando i loro genitori e registrando i loro nomi, le date di nascita e le scuole che hanno frequentato – informazioni che il governo aveva tentato di censurare.
Almeno 5000 bambini furono uccisi, molti di loro furono schiacciati dal peso di edifici scolastici di scarsa qualità. Nel suo lavoro del 2009 “Ricordando”, Ai ha organizzato 9000 zaini per studenti per leggere: “Tutto ciò che voglio è che il mondo ricordi che ha vissuto per sempre felici e contenti per sette anni”, una linea di una lettera scritto a lui dalla madre di una vittima.

Secondo Ai, la storia è destinata a ripetersi in Cina se il governo non ammette gli errori del passato.

“La Cina non imparerà mai. Indipendentemente dal tipo di disastro che devono affrontare. L’unica cosa che imparano è come usano questo potere autoritario per manipolare la storia. Questo tipo di arroganza e successo li porterà ad un’altra crisi.

“È un peccato. È ovvio che devono cambiare il loro comportamento e imparare ad essere più scientifici e fidarsi della propria gente, ma semplicemente non c’è fiducia in Cina tra i leader e il proprio persone, tra persone stesse e tra individui “” comprensione della situazione presente e del (loro) futuro “.

Il mantenimento del controllo statale potrebbe essere stato reso molto più semplice. Durante la pandemia, le autorità cinesi hanno sviluppato a sistema “codice sanitario” progettato per seguire i movimenti delle persone e fermare la diffusione del virus. Utilizzando la tecnologia mobile e i big data, codici QR digitali univoci sono stati assegnati a centinaia di milioni di cittadini, indicando il loro stato di salute e dando loro accesso (o squalifica da) mezzi pubblici, ristoranti e centri commerciali.

Di conseguenza, Ai ritiene che il virus abbia solo rafforzato quello che chiama lo “stato di polizia”, ​​consentendo al governo di continuare a raccogliere dati e comprendere meglio i suoi cittadini. “La Cina ha 1,4 miliardi di persone e un solo potere. Devono effettivamente mantenere questo tipo di potere conoscendo tutti – cosa hanno in mente e comportamento”.

Crea arte

Ai ha iniziato a monitorare lo scoppio iniziale del virus a Wuhan – dove vivono parecchi parenti e amici – a gennaio, lavorando a distanza con le squadre locali per filmare ciò che stava accadendo sul campo e negli ospedali.

Erano le sue notti. Trascorre le sue giornate conducendo prove per “Turandot” di Puccini per l’opera di Roma, il Teatro dell’Opera di Roma. L’interpretazione di Ai dell’opuscolo dei primi del Novecento era già basata su argomenti contemporanei vicini al suo cuore: la crisi globale dei rifugiati e le proteste democratiche a Hong Kong. La crisi di Covid-19 fu un’aggiunta tardiva: una scena completa di attori doveva apparire nell’ultima scena vestita con abiti medici.

Per prima cosa ha messo in dubbio l’idea, chiedendosi se i riferimenti al virus “avrebbero senso”.

Si scopre che era premonitore. La serata di apertura della produzione è stata posticipata a poche settimane, il numero di casi è esploso in Italia all’inizio di marzo. “Sono rimasto scioccato”, ha detto. “Non perché abbiamo dovuto interrompere l’opera, ma perché la mia opera d’arte, che stavo preparando da oltre un anno, era in contraddizione con la realtà.”

Da allora questa realtà è diventata sempre più oscura, con la globalizzazione del virus. numero di morti ammontare a più di 177.000. Molti di questi decessi si verificano da soli, in zone di isolamento dell’ospedale lontano dalla famiglia e dagli amici.

L’idea che così tante persone siano assenti per “l’ultimo sguardo o l’ultima frase dei loro cari prima di lasciare questo pianeta” rattrista profondamente l’artista.

“Sono come un’altra persona, totalmente persa”, ha detto. Ha misurato il ruolo dell’arte durante questo periodo.

“Anche in termini di buona scrittura, pensiero filosofico o buona immagine, non posso davvero confrontare o affrontare la profonda tristezza, tristezza e delusione della nostra situazione attuale, o anche la nostra comprensione di futuro “.

Quindi, per il momento, sta pianificando documentari, scrivendo argomenti e conducendo interviste. E, a volte, “la forma verrà fuori” – come in una recente passeggiata a Cambridge, quando ha trovato un tronco su un pezzo di erba.

Lo portò a casa e, con suo figlio, scolpì un rotolo di carta igienica.

source–>http://rss.cnn.com/~r/rss/edition_world/~3/UduxKcufekU/index.html

We will be happy to hear your thoughts

Leave a reply

FPSGAMES.IT È PARTECIPANTE AL PROGRAMMA ASSOCIATI DI AMAZON SERVICES LLC, UN PROGRAMMA DI PUBBLICITÀ AFFILIATO PROGETTATO PER FORNIRE AI SITI UN MEZZO PER GUADAGNARE TASSE PUBBLICITARIE IN E IN CONNESSIONE CON AMAZON.IT. AMAZON, IL LOGO AMAZON, AMAZONSUPPLY E IL LOGO AMAZONSUPPLY SONO MARCHI DI AMAZON.IT, INC. O LE SUE AFFILIATE. COME ASSOCIATO DI AMAZON, GUADAGNIAMO COMMISSIONI AFFILIATE SUGLI ACQUISTI IDONEI. GRAZIE, AMAZON PER AIUTARCI A PAGARE LE NOSTRE TARIFFE DEL SITO! TUTTE LE IMMAGINI DEL PRODOTTO SONO DI PROPRIETÀ DI AMAZON.IT E DEI SUOI ​​VENDITORI.
FPSGames.IT