Allen Daviau, direttore della fotografia per “ET”, muore a 77 anni

Daviau, un frequente collaboratore del regista Steven Spielberg, risiedeva al Motion Picture and Television Fund di Woodland Hills, in California, e vi è morto mercoledì, ha dichiarato Bob Beitcher, Presidente e CEO di MPTF.

Daviau, secondo Beitcher, sarà ricordato come “un maestro della luce e un conoscitore della scienza e della magia del cinema, una presenza fisica memorabile, un amante del buon cibo e del vino e una lunga Los Angeles data che non ha portato. ”

Il lavoro di Daviau includeva film “E.T. the Extra-Terrestrial”, “Empire of the Sun” e “The Color Purple”, che gli valse la nomination agli Oscar.

“Nel 1968 Allen e io abbiamo iniziato la nostra carriera fianco a fianco con il cortometraggio AMBLIN ‘”, ha dichiarato Spielberg in una dichiarazione pubblicata su Twitter. “Allen era un artista meraviglioso, ma il suo calore e la sua umanità erano potenti quanto il suo obiettivo. Era un talento singolare e un bellissimo essere umano.”

È stato nominato per cinque Oscar in totale, gli altri due per “Bugsy” nel 1991 e “Avalon” nel 1990.

Oltre al suo lavoro con Spielberg, Daviau ha lavorato a film come “Difesa della vita”, “La moglie dell’astronauta” e “Van Helsing”, quest’ultimo è il suo ultimo lungometraggio.

Nel 2007, l’American Society of Cinematographers ha assegnato a Daviau il Lifetime Achievement Award.

È il quarto residente del Film and Television Fund a morire per le complicazioni di Covid-19, ha detto Beitcher nella sua dichiarazione.

source–>http://rss.cnn.com/~r/rss/edition_entertainment/~3/_QW91L5Xb4E/index.html

READ  Potrebbe essere necessaria una prenotazione per la spiaggia questa estate

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *