António Félix Da Costa produce una prestazione straordinaria per vincere Marrakech ePrix

Il pilota portoghese è partito in pole position e dopo un duello con il pilota della BMW Maximilian Günther per la prima metà della gara, si è allontanato dal gruppo di caccia per ottenere la sua prima vittoria per la sua nuova squadra.

Il margine di 11.427 vittorie è stato il terzo più grande nella storia della Formula E, che comprende le auto elettriche, ed è il terzo podio della Costa in tre gare, dopo essere arrivato secondo a Santiago e in Messico.

Si discosta di 11 punti Mitch Evans, che è il secondo in classifica.

Günther, che ha brevemente preso il comando nel mezzo della gara, ha combattuto con il compagno di squadra di Techeetah, Jean-Éric Vergne, e non ha recuperato il suo secondo posto fino all’ultimo giro.

Il francese – che ha iniziato in 11 ° posizione – ha mostrato la sua esperienza finendo terzo, mantenendo Sébastien Buemi al traguardo con 0% di carica rimanente nella sua batteria.

Da Costa ha usato tatticamente le sue due modalità di attacco – in cui i piloti lasciano la linea di gara e attraversano la zona di attivazione dove raccolgono ulteriori 35 kW di potenza per alcuni giri – per avanzare alla vittoria.

È stata la terza vittoria nella carriera di da Costa in Formula E, dopo aver vinto nel 2015 a Buenos Aires e nel 2019 ad Ad Diriyah.

Finora, un vincitore diverso è emerso in ciascuna delle cinque gare della stagione. La scorsa stagione è iniziata con otto diversi vincitori delle prime otto gare.

“Voglio dire, dovevo giocare una carta coraggiosa, dovevo far avvicinare Max e dovevo costringerlo a usare la sua energia e nella seconda modalità di attacco”, ha detto da Costa. “Ho controllato André (Lotterer) e ha funzionato perfettamente.

READ  Centinaia di rifugiati Rohingya hanno salvato dopo due mesi in mare

“Avevamo in mente un buon piano e un’incredibile preparazione e stiamo facendo molto lavoro e sta pagando.

“Per Vergne – cappelli da campo, ha avuto una settimana difficile e difficile, ha avuto una giornata difficile e ha ottenuto un podio per la squadra così ben fatto.”

Dopo la gara, Günther ha riconosciuto la sua impresa nel dividere le due vetture Techeetah e salire sul podio.

“Stavo combattendo contro le macchine Techeetah, è stato emozionante. Sapevamo di poterlo gestire con energia, e fare la mossa con due turni per passare alla P2 era una bella sensazione”, ha detto il tedesco.

“E ‘stato impressionante cosa [Vergne] ha fatto, il recupero ha fatto durante la gara e abbiamo avuto il vantaggio di energia su di lui ed è quello che abbiamo usato nell’ultima fase della gara. “

Evans, che ha vinto il precedente ePrix in Messico e iniziato la giornata in vetta al campionato piloti, ha dovuto ricominciare da capo dopo aver fallito nel fissare un tempo di qualificazione per i portatili dopo il suo timeout.

Da dietro, il corridore neozelandese è riuscito a farsi strada nel gruppo, salendo 18 posizioni e finendo infine al sesto posto.

source–>http://rss.cnn.com/~r/rss/edition_motorsport/~3/0YhPpEYHxQY/index.html

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *