Bernhard Ludewig documenta le ultime centrali nucleari tedesche

Scritto da Oscar Holland, CNN

Dopo un terremoto e uno tsunami hanno provocato diversi crolli nella centrale giapponese di Fukushima Daiichi nel 2011, si sono verificate onde d’urto nell’industria nucleare globale. A più di 8000 chilometri in Germania, dove l’uso dell’energia atomica è stato a lungo oggetto di controversie, l’incidente ha suonato il campanello della morte.

Cancelliera Angela Merkel anno Domini che rimosse dalla rete le sette più antiche centrali nucleari del paese. Poco dopo, ha promesso che il resto sarebbe stato chiuso completamente entro il 2022, con l’attenzione dello stato sulle alternative rinnovabili.

Quindi, quando il fotografo Bernhard Ludewig ha visitato per la prima volta una centrale nucleare nel 2012, un anno dopo Fukushima, non ha solo intravisto un mondo inaccessibile: ha documentato un capitolo finale della storia tedesca.

Barre di controllo mostrate all’interno di un reattore aperto presso la centrale nucleare di Emsland nella Germania nord-occidentale. Credito: Bernhard Ludewig

“Abbiamo scelto un momento in cui hanno cambiato le barre del carburante”, ricorda questo primo incontro durante un’intervista telefonica. “Abbiamo parlato con il ragazzo che gestiva la macchina di caricamento e siamo stati in grado di montarlo proprio sopra il reattore, e ho avuto la mia prima foto. Avevo visto le foto per la stampa, ma è diverso quando eccoti. Era l’inizio del progetto. “

Ludewig continuò a visitare dozzine di altri siti negli anni seguenti. Attraverso una combinazione di scartoffie, persuasione e rafforzamento della fiducia, ha ottenuto un accesso raro ad alcune delle ultime strutture nucleari del paese, nonché alla cattura di demolizioni già in corso.

Ispirato da Edward Burtynsky (il fotografo canadese noto per le sue rappresentazioni di miniere, raffinerie di petrolio e altri interventi umani sui paesaggi naturali), decise di registrare un quadro completo del settore atomico del paese – non solo delle centrali elettriche elettricità, ma anche centri di ricerca, strutture di formazione e depositi di rifiuti radioattivi.
All'interno della sala di controllo con pannelli in alluminio del reattore di ricerca FR2 in disuso a Karlsruhe.

All’interno della sala di controllo con pannelli in alluminio del reattore di ricerca FR2 in disuso a Karlsruhe. Credito: Bernhard Ludewig

Le foto che ne risultano sono talvolta affascinanti. L’attenzione di Ludewig su modelli e simmetria rivela la bellezza nascosta nelle complesse centrifughe, sale di controllo in stile retrò e torri di raffreddamento che, a suo avviso, possedevano una qualità religiosa simile a quella di una cattedrale.

“A volte le macchine o gli oggetti sono come una persona – provo a farne dei ritratti”, ha detto. “Scatti foto e non pensi troppo a ciò che è. Provi una sensazione e la segui. Ogni volta si assottiglia.”

Resta neutrale

Ludewig ha ora raccolto circa 300 foto in un nuovo libro “Il sogno nucleare. “Oltre 400 pagine, questo è uno studio completo sull’energia nucleare, con diagrammi, illustrazioni e contributi su fisica e architettura.

Il fotografo ha anche esplorato quella che ha definito “l’estetica dell’era atomica” attraverso poster e accessori vintage che rivendicano i benefici della nuova tecnologia. Questa antica immagine utopica, ispirata a movimenti come il modernismo e la scuola Bauhaus, offre una suggestiva giustapposizione con immagini delle installazioni di oggi spesso sbiadite.

All'interno di una miniera esplorativa perforata sotto la città di Gorleben, dove i rifiuti radioattivi possono essere immagazzinati in modo permanente.

All’interno di una miniera esplorativa perforata sotto la città di Gorleben, dove i rifiuti radioattivi possono essere immagazzinati in modo permanente. Credito: Bernhard Ludewig

Tuttavia, Ludewig sostiene di non essere né a favore né contro l’energia nucleare, ma piuttosto un “neutro” incuriosito dalla tecnologia che una volta portava le promesse del futuro. Il suo obiettivo, ha detto, era quello di catturare questo mondo in via di estinzione per i posteri, piuttosto che promuovere o criticare la politica energetica del paese.

“È stato davvero istruttivo”, ha aggiunto Ludewig, che ha affermato che le divergenze sull’energia nucleare sono come una “guerra civile” in Germania. “Hai due parti. È come l’America di Trump, sei un repubblicano o un liberale di sinistra e non parlano tra di loro. Chiunque dica che qualcosa è considerato per noi o contro di noi.”

Video correlato: le foto strane riducono gli edifici alle facciate

Mentre Fukushima ha fatto da catalizzatore per diffusa opposizione pubblica in Germania, l’impegno del paese a eliminare gradualmente le centrali nucleari risale a 20 anni fa. I dibattiti sui pericoli percepiti e le carenze di energia atomica sono ancora più antichi.

Durante gli anni ’70, le proteste di sinistra fuori dalle strutture nucleari dell’ex Germania occidentale erano comuni e spesso portavano a violenti scontri con la polizia. Le proposte di smaltimento dei rifiuti radioattivi nelle miniere di sale di Gorleben hanno reso la città un punto di infiammabilità per le proteste. (Il libro di Ludewig include le foto di una miniera esplorativa perforata sotto Gorleben come parte della continua ricerca tedesca di una risposta permanente al suo problema di scorie nucleari).

Il progetto Ludewig lo portò anche alla centrale nucleare abbandonata di Chernobyl nell'attuale Ucraina.

Il progetto Ludewig lo portò anche alla centrale nucleare abbandonata di Chernobyl nell’attuale Ucraina. Credito: Bernhard Ludewig

Per Ludewig, tuttavia, il vero “punto di svolta” è stato Chernobyl. Il disastro del 1986 – che ha causato ricadute radioattive in Europa – ha causato a picchi di cancro e lasciato un’area di 1000 miglia quadrate dell’attuale Ucraina in gran parte inabitabile – ha cambiato radicalmente il dibattito in Germania. Le strutture progettate dai sovietici nella parte orientale del paese, come la centrale nucleare di Greifswald, furono ritirate dopo la riunificazione del paese. E nessuna nuova centrale nucleare è stata costruita in Germania dagli anni ’90.

Quindi, oltre a visitare siti in Finlandia e in Brasile, Ludewig fece anche un pellegrinaggio nella zona di esclusione di Chernobyl al fine di tracciare un quadro più completo del settore. Le foto con cui è tornato, comprese strane immagini della sala di controllo abbandonata da tempo della fabbrica condannata, aiutano a fornire obiettività ed equilibrio al progetto, ha detto.

“Se pubblichi centinaia di foto di energia nucleare che mostrano la sua bellezza nascosta e non mostri il disastro, non sarebbe giusto.”

Il sogno nucleare: il mondo nascosto dell’energia atomica, “pubblicato da DOM, è ora disponibile.

source–>https://www.cnn.com/style/article/german-nuclear-dream/index.html

News Reporter

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *