Calcio: gli esperti avvertono che la preclusione potrebbe avere un “costo psicologico” per i calciatori

Fortunatamente, almeno per i fan del club di Londra, i giocatori di Mourinho sembravano aver sudato durante la sessione di allenamento del collegamento video del Tottenham a metà settimana; schermi divisi li mostravano correre sul posto a casa mentre un allenatore abbaiava a miglia di distanza. Il futuro è adesso.

Nessuno può dire con certezza quando tornerà la normalità. Nessuno sa quando migliaia di persone si riuniranno di nuovo negli stadi e gioiranno allegramente per un gol spettacolare, calciare o salvare. Nel frattempo, i giocatori devono rimanere a casa e lavorare da casa.

Ma il cortile non sostituisce il colpo inebriante ai sensi che accompagna migliaia di intrattenimenti, quindi come faranno i calciatori a rimanere in forma, mentalmente e fisicamente? Dopo tutto, queste sono le persone che non sembrano mai essere sole; allenarsi con i compagni di squadra, eseguire talenti magici in tutto il mondo, quasi tutti i movimenti analizzati e registrati.

Il manager di Brighton Graham Potter ha ammesso questa settimana “uno o due” dei suoi giocatori non dormivano bene perché erano preoccupati eventi senza precedenti.
Craig Duncan, uno stratega delle prestazioni umane che attualmente supporta Australian Professional Footballers (PFA), afferma Sport della CNN: “Il rinvio delle competizioni, la cancellazione dell’allenamento e, in molti casi, l’isolamento dei giocatori, questo potrebbe avere un costo psicologico.

“I giocatori di calcio hanno una rigida routine giornaliera, settimanale e stagionale. Le ore di andare a dormire, mangiare e allenarsi sono tutte determinate da questo programma. A questo punto ci sono quindi ovvi cambiamenti. La connessione giornaliera in un ambiente di squadra è anche vitale, come luogo di lavoro “.

I New England Patriots rubano 1,2 milioni di maschere protettive dalla Cina dopo un'operazione di
La sospensione della Major League Soccer è stata prorogata fino a maggio, l’inizio della Campionato di calcio femminile nazionale è stato ritardato, i campionati sudamericani sono stati fermati, mentre la maggior parte del calcio in Europa è stata sospesa mentre i governi tentano di ridurre la diffusione del virus.
il rinvio di Euro 2020, Il campionato europeo quadrennale, fino al prossimo anno, ha aperto i mesi estivi per terminare le leghe in Europa se superano le date di fine previste, il che sembra sempre più probabile.

Ma un certo numero di domande rimangono senza risposta. Le stagioni ricominceranno in aprile, maggio, giugno o luglio? Cosa succede se i campionati non possono riprendere? Quali saranno le implicazioni finanziarie? E, se la stagione dovesse sanguinare nei mesi estivi, cosa succederebbe ai giocatori i cui contratti sarebbero scaduti a giugno?

READ  Kenny Dalglish è stato dimesso dall'ospedale dopo un test di coronavirus positivo

Il Dr. Duncan ha scritto programmi di allenamento per i giocatori completamente bloccati e li monitora attraverso un’app che, dice, aiuta a identificare se ci sono “problemi fisiologici o psicologici significativi”.

“È una situazione molto difficile”, aggiunge. “L’unica cosa che possiamo fare è concentrarci su ciò che possiamo controllare e tutto il resto avverrà in una forma o una forma attualmente sconosciuta.”

Il Liverpool aveva bisogno di altre tre vittorie per vincere la Premier League inglese prima della sospensione del calcio inglese.

Concentrarsi sul ritorno sul campo non è il modo migliore per affrontare una crisi che non ha fine in vista. Ciò non farà che aumentare l’ansia, ha dichiarato alla CNN Sport il Dr. Peter Olusoga, professore associato di psicologia all’Università di Sheffield Hallam.

“C’è una tendenza naturale a concentrarsi sul futuro, su ciò che verrà e quando succederà qualcosa di così nuovo che aumenterà ancora di più”, afferma.

“Si penserà molto che questo non è quello a cui sono abituati. Sarò in grado di allenarmi anche io? Sarò in grado di rimanere forte e motivato? Queste sono tutte preoccupazioni legittimo, ma di nuovo, pensa al futuro piuttosto che a quello che sta succedendo.

“Negli sport, devi avere obiettivi, cose che vuoi raggiungere, ma in realtà quello che vuoi fare è rimanere concentrato sul momento presente. Se ti concentri troppo sui risultati, non partecipi è importante in questo momento – la sessione di allenamento che stai facendo, le piccole cose che puoi fare per apportare miglioramenti “.

È importante cambiare la mentalità, trattare la situazione attuale come un’altra sfida da superare piuttosto che come un disastro, afferma il dott. Olusoga. Anche vedere questa crisi come un’opportunità per rafforzare le debolezze sarà utile.

“Hanno già queste abilità. È quasi come farti del male. Si tratta di utilizzare alcuni di questi punti di forza e abilità in modo diverso”, ha detto.

Prima che il nuovo coronavirus mettesse fine alla compagnia, alcuni giocatori erano sul punto di vincere i campionati, alcuni speravano di vincere nuovi contratti, altri erano in lotta per la retrocessione. Alcuni di questi calciatori sono multimilionari di fama mondiale; altri vivono modestamente e aspirano alla grandezza. Non tutti sono uguali.

READ  Anche Drew Barrymore ha versato lacrime quando ha cercato di mandare i suoi figli a scuola a casa

Questa settimana, un video di alcuni giocatori di Watford che hanno partecipato a distanza in una classe di spin di 30 minuti guidata dal portiere Ben Foster è stato condiviso sui social media. Questi giocatori della Premier League inglese molto pagati sembravano allenarsi in palestre ben attrezzate nelle loro lussuose case.

“Più giochi ad alto livello, più risorse hai”, afferma il dott. Duncan. “Tuttavia, questo processo può essere gestito con qualsiasi budget e spesso gli attori delle divisioni inferiori hanno sviluppato una forte capacità di recupero e sono abituati a gestirlo con meno supporto.”

Sarà difficile riprodurre l’intensità di una partita o di una sessione di allenamento sul campo, indipendentemente dalle risorse offerte. Ma l’allenamento a casa non è inutile.

“Sono riuscito a gestire molti giocatori durante l’isolamento ed è possibile mantenere un buon livello di forma fisica. Naturalmente, è meglio far parte di una squadra, ma questa sfida attuale può essere vinta”, aggiunge il dott. Duncan.

William Rose è un allenatore di fitness presso AFC Wimbledon, un club con sede a Londra al terzo livello del campionato di calcio inglese.

Prima che il Regno Unito fosse detenuto, lui pubblicato su Twitter un programma di fitness casalingo che aveva progettato per i 122 giocatori dell’Accademia del club e, con sua sorpresa, il suo tweet era condiviso in tutto il mondo, forse un’indicazione che al momento ci sono molti atleti, dilettanti o professionisti, che hanno bisogno di consigli.

Rose sta cercando di assicurarsi che i giovani giocatori rimangano mentalmente e fisicamente in forma, ma, ammette, ci sono difficoltà. Mentre alcuni giocatori vivono nel verdeggiante quartiere di Wimbledon, altri si trovano in edifici nel centro di Londra. Lo spazio è un problema per i giovani giocatori che stanno cercando non solo di svilupparsi fisicamente ma anche tecnicamente.

“Ti viene detto che devi rimanere per 14 giorni quando sei un atleta che corre per 30 chilometri alla settimana, è improvvisamente abbastanza intimidatorio”, ha detto Rose a CNN Sport. “Si tratta di gestirli da un punto di vista fisico per prepararsi a giocare di nuovo, ma anche per mantenerli mentalmente stimolati per assicurarsi che non impazziscano.”

READ  "La vista" della casa era più difficile di quanto sembri

“Non possiamo aspettarci che tutti abbiano un giardino di 50×50 yard. Deve essere specifico per loro, quindi dobbiamo mescolare gli esercizi e assicurarci che ogni sessione sia adattabile.”

La squadra di calcio italiana offre pacchetti di assistenza ai fan più anziani durante il blocco del coronavirus

“Sono abituati a fare sessioni difficili e varie, brevi e precise, così come corse più lunghe, e non puoi farlo nello spazio in cui lavoreranno, in modo da costringerli a riprodurre aspetti di ciò che “Lo fanno su un campo, ma sui binari che scendono nel parco. Ma non puoi mai riprodurlo davvero, quindi non puoi mai davvero riprodurre la forma fisica della partita.

“Guarda le migliori squadre, avranno giocatori che hanno palestre in casa o in un grande giardino dove possono fare i programmi tecnici e fisici.

“Molti dei grandi club hanno le strutture per prestare attrezzature ai giocatori durante il loro tempo libero, ma nelle leghe più in basso non si ottengono quelle risorse, quindi non si può semplicemente elaborare un programma che potrebbe non essere praticabile per loro “. ”

Due volte a settimana, Rose e il suo team organizzeranno seminari interattivi. Il primo corso si è concentrato sulla nutrizione, la prossima psicologia.

I calciatori sono abituati a prendersi cura di loro. I giocatori della AFC Wimbledon Academy di solito fanno colazione e pranzo sul campo di allenamento, afferma Rose.

Non solo i giocatori devono imparare ad allenarsi da soli, ma devono anche pensare all’alimentazione e, in alcuni casi, imparare a cucinare. Per i giocatori provenienti da contesti più poveri o per i figli di lavoratori chiave, questo è un altro ostacolo da superare durante un periodo già difficile.

“Facciamo in modo che tutti registrino”, afferma Rose. “Nessuno è mai stato così grato per la tecnologia. Semplicemente non possiamo vivere in questa era senza di essa.”

Come tutti gli altri, i calciatori imparano ad adattarsi a un nuovo modo di vivere. Ma con il numero di morti in aumento in tutto il mondo, ci deve essere anche una prospettiva. Come dice Rose: “La gente ama il calcio e significa molto per le persone ma, allo stesso tempo, ci sono molte cose che sono più importanti in questi tempi”.

source–>http://rss.cnn.com/~r/rss/edition_sport/~3/H5AFCVlk2rE/index.html

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *