Calotte di ghiaccio antartiche in grado di sciogliersi molto più velocemente di quanto pensassimo

Studiando modelli di creste ondulate sul fondale antartico, gli scienziati dello Scott Polar Research Institute dell’Università di Cambridge hanno scoperto che circa 12.000 anni fa, il ghiaccio si stava ritirando a velocità superiori a 10 chilometri (6,2 miglia) all’anno – molto più velocemente delle attuali tariffe pensionistiche, che vengono calcolate utilizzando i dati satellitari.

I ricercatori avvertono che se i cambiamenti climatici continuano a indebolire le piattaforme di ghiaccio per i decenni a venire, potremmo presto vedere livelli simili di retrazione del ghiaccio – più di quanto si pensasse in precedenza – con enormi implicazioni per livello del mare.

Sebbene le condizioni del ghiaccio marino abbiano impedito al team di recuperare immagini del leggendario relitto, sono stati in grado di mappare il fondale marino vicino alla piattaforma di ghiaccio di Larsen, a est della penisola antartica.

La piattaforma per il ghiaccio di Larsen originariamente copriva un’area di 33.000 miglia quadrate, ma diminuì considerevolmente a causa del riscaldamento della temperatura dell’aria nella seconda metà del 20 ° secolo.

Sezioni dello scaffale si sono disintegrate e si sono rotte via, e nel 2017 circa il 12% della restante porzione centrale inferiore dello scaffale è caduto in un unico enorme iceberg, misurando circa 2.240 miglia quadrate.

Utilizzando i veicoli subacquei autonomi (AUV) che operano a circa 60 metri (197 piedi) sopra il fondo del mare, i ricercatori hanno studiato creste sul fondo del mare, che erano state create dalla pressatura del ghiaccio su di essi. sedimenti sul fondo del mare mentre si muoveva e iniziava a galleggiare.

“Abbiamo visto questi splendidi e delicati schemi di set di creste molto piccole distanti tra 20 e 25 metri e alte circa mezzo metro”, ha dichiarato Julian Dowdeswell, direttore dello Scott Polar Research Institute presso la CNN.

Esaminando l’impronta della calotta di ghiaccio e le serie di creste sul fondo del mare, il team è stato in grado di trovare nuove prove di ritiri di ghiaccio passati, pubblicati sulla rivista Science Thursday, che erano più veloci di quelli visti oggi. anche nella parte più sensibile dell’Antartide. .

“Ora sappiamo che il ghiaccio è in grado di ritirarsi a velocità molto superiori a quelle che vediamo oggi. Se il cambiamento climatico dovesse continuare a indebolire le piattaforme di ghiaccio nei prossimi decenni, potremmo osservare tassi di ritiro simile, con profonde implicazioni per il livello del mare “, ha aggiunto Dowdeswell in una nota.

UNA recente studio della NASA ha dimostrato che le calotte glaciali dell’Antartico e della Groenlandia hanno perso in media 118 gigatonnellate e 200 gigatonnellate di ghiaccio all’anno, causando un innalzamento del livello del mare di circa mezzo pollice tra il 2003 e il 2019.
Questo gigantesco ghiacciaio in Antartide si sta sciogliendo e potrebbe alzare il livello del mare di 5 piedi, affermano gli scienziati

Le temperature estive più calde sono principalmente responsabili di questa perdita di ghiaccio, secondo la NASA. Le temperature calde hanno sciolto il ghiaccio dalla superficie dei ghiacciai e delle calotte di ghiaccio.

Gli esperti affermano che un nuovo studio mostra che, data la velocità con cui il ghiaccio si è ritirato in passato, il tasso futuro di cambio e rimozione del ghiaccio potrebbe essere considerevolmente più alto di quanto si pensasse .

“Ciò che la documentazione geologica mostra è che i tassi di cambiamento possono essere significativamente più veloci dei tassi più veloci che abbiamo osservato nel file satellitare, il che ovviamente significa che il ghiaccio può in linea di principio essere sistemato in l’oceano più veloce di quanto pensassimo, con implicazioni per l’innalzamento del livello del mare “, ha detto Dowdeswell alla CNN.

Ha spiegato che è importante sapere quanto velocemente le piattaforme di ghiaccio sono in grado di sciogliersi quando si considera come i modelli proiettano lo scioglimento della calotta polare nei prossimi decenni – e quanto livello del mare potrebbe aumentare.

Prima, se i modelli prevedevano alti tassi di fusione, gli esperti potevano essere inclini a credere che ciò non fosse possibile, ha affermato Dowdeswell. “Ma ora possiamo dire che è successo, e quindi è possibile.”

Gli esperti hanno avvertito che nei prossimi tre decenni, centinaia di milioni di persone in tutto il mondo a rischio di perdere la casa come intere città affondano sotto il mare nascente.
Gli scienziati hanno avvertito che il riscaldamento globale sta accelerando lo scioglimento nei ghiacciai e nelle calotte glaciali dalla Groenlandia all’Antartide, e che il livello del mare aumenterà probabilmente più del previsto entro la fine di questo secolo.

Secondo gli esperti, l’innalzamento del livello del mare supererebbe probabilmente i tre piedi entro il 2100 se le emissioni di carbonio continuassero ad aumentare e molti dei 680 milioni di persone in tutto il mondo vivono in zone costiere basse subirà inondazioni annuali entro il 2050.

Jessie Yeung, Drew Kann e Mallika Kallingal della CNN hanno contribuito a questo rapporto.

News Reporter

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *