Che aspetto ha la pandemia di coronavirus quando non si dispone di Internet

Gli dissero che un micidiale virus “come la pertosse” attanagliava il paese e aveva persino colpito la vicina città di Maicao. Ma era scettica sulla vicinanza della casa. “Non so se sia vero”, ha detto Montiel, 38 anni, che fa parte del più grande gruppo indigeno del Paese, i Wayuu.

Quando il governo colombiano ha emesso un divieto nazionale alla fine di aprile, a lei e suo marito è stato chiesto di rimanere a casa con i loro tre figli, tenersi a distanza dagli altri, lavarsi le mani e indossare maschere per evitare il virus, che ha ucciso oltre 365.000 persone in tutto il mondo.

Ma per i Montiels, l’ordine di rimanere a casa è il suo stesso tipo di condanna a morte.

Prima del blocco, Angela a volte ricaricava una scheda SIM per utilizzare WhatsApp, ma non è stata in grado di ricaricarla dal blocco. Senza una connessione Internet, non c’è modo di “lavorare in remoto”. Angela lavora a maglia le tradizionali borse Wayuu mochila ma non può venderle per strada sotto le attuali restrizioni.

Finora la sua famiglia è sopravvissuta ai pagamenti in contanti di emergenza dell’organizzazione non governativa Mercy Corps. È impossibile per i suoi figli continuare gli studi a casa senza avere accesso ai materiali scolastici online. Per quanto riguarda gli aggiornamenti, attendono le telefonate di amici o familiari, che potrebbero portare notizie. Altrimenti, sono al buio.

“Dato che non abbiamo una televisione, internet o altro, non sappiamo se continua o se continuerà, quindi ovviamente non possiamo uscire o spostarci”, ha detto Montiel. “Siamo disperati.”

Una famiglia ascolta una lezione radiofonica di un'ora dalla loro casa a Funza, in Colombia, dove non hanno una connessione Internet.
Secondo Stime ONU, quasi la metà della popolazione mondiale – il 46% – non è ancora connessa a Internet. Per queste persone, bloccare significa perdere l’accesso immediato alle informazioni vitali sulla salute pubblica, possibilità di lavoro a distanza, apprendimento online, appuntamento per telemedicina, consegne alimentari digitali, servizi religiosi in diretta – matrimoni, e persino funerale – nonché gli innumerevoli altri modi in cui viviamo sempre più le nostre vite online.

I governi di tutto il mondo si impegnano a fornire l’accesso universale entro il 2021, ma il divario digitale è ancora profondo e aumenta anche la disuguaglianza offline.

Le persone nelle regioni povere hanno meno probabilità di essere collegate, così come le donne, gli anziani e coloro che vivono in aree remote o rurali. E in molti casi, la connettività può essere tenue: la chiusura di uffici, scuole o spazi pubblici, come biblioteche e caffè, ha tagliato l’accesso per molti.

“Abbiamo sempre detto che ci sono circa 3,5 miliardi di persone che non sono connesse, ma sappiamo che lo è di più adesso, perché molte persone sono connesse sul posto di lavoro e in altri spazi pubblici non hanno più questo accesso “, ha dichiarato Eleanor Sarpong, vicedirettore di Conveniente Internet Alliance (A4AI).

“Covid-19 ha dimostrato che esiste un enorme divario, ed è in realtà uno shock per alcuni governi. Quando hanno chiesto ai loro dipendenti di lavorare da casa … molti di loro non potevano. “

READ  Capitale dello Xinjiang bloccata in seguito allo scoppio di casi di coronavirus

Sarpong spera che la crisi supererà le barriere di lunga data all’accesso a Internet – dalla mancanza di volontà politica a barriere normative e l’accessibilità dei dati – per collegare ulteriormente il mondo.

A4AI, un’iniziativa della World Wide Web Foundation, fondata da Tim Berners-Lee, ha recentemente condiviso una serie di raccomandazioni politiche, sollecitando i governi, le imprese e la società civile ad agire con urgenza per ottenere quante più persone possibile online. possibile durante la pandemia. Tra le loro raccomandazioni immediate ci sono: la rimozione delle tasse di consumo sui servizi Internet; ridurre i costi dei dati per i siti Web pubblici; fornire piani dati accessibili; aumentare gli stanziamenti per la banda larga; e implementare un’infrastruttura wifi pubblica gratuita. Alcuni stanno già facendo questi passi.

“I governi devono considerare l’accesso a Internet non come un lusso, ma per vederlo come un catalizzatore in grado di trasformare le loro economie … Penso che sia un campanello d’allarme per loro”, ha detto Sarpong. .

Una divisione digitale tra i sessi

Le tecnologie digitali hanno rapidamente rivoluzionato la vita così come la conosciamo. Ma non tutti beneficiano allo stesso modo e molti sono lasciati indietro a causa della mancanza di infrastrutture, alfabetizzazione e formazione.

Nei paesi meno sviluppati del mondo, giusto Il 19% delle persone è online. Gli uomini hanno il 21% di probabilità in più di essere collegati dalle donne e il divario di genere si sta allargando.

In India, un approccio aggressivo alla digitalizzazione ha spostato la maggior parte dei benefici del governo online, dalle razioni alle pensioni. Anche prima della pandemia, le persone più povere del paese dipendevano dalla tecnologia digitale, sebbene metà della popolazione fosse offline.

La pandemia ha solo amplificato l’ironia di questa situazione.

Quando la crisi ha colpito e 1,3 miliardi di persone in India sono state poste in amministrazione controllata, la nazione informale economia terra a una fermata stridente. Quindi, quando il governo ha annunciato che avrebbe inviato trasferimenti di denaro diretti a donne vulnerabili, vedove, anziani e disabili per tre mesi a partire dal 1 aprile, è stata una buona notizia. Ma, intrappolati a casa senza smartphone, molti non sono stati in grado di accedere alle 500 – 1.000 rupie (da $ 6 a $ 13) di aiuto.
La gente aspetta fuori da una banca durante la preclusione a Jaipur, Rajasthan, India, il 9 aprile.

Lal Bai, una vedova di 65 anni che viveva in un remoto villaggio nel Rajasthan, non era in grado di viaggiare per cinque miglia fino alla città più vicina per prelevare denaro dal governo e non aveva modo di accedere fondi del governo online, così si ritrovò rapidamente senza cibo a casa.

READ  Cinquefrondi: la città italiana "senza Covid" che vende case per $ 1

Sconvolta, Bai si ritrovò alle porte di Ombati Prajapati, che gestisce un negozio di servizi digitali nel suo villaggio. “È stata l’unica ad aiutarmi.”

Prajapati è uno dei 10.000 “soochnapreneurs”, o imprenditori digitali, che sono stati formati e supportati da Foundation for Digital Empowerment (DEF), una ONG con sede a Nuova Delhi, nelle zone rurali del paese. In mezzo alla preclusione, aiutano a fornire servizi digitali essenziali, incluso il remote banking che consente a persone come Bai di prelevare denaro utilizzando un bancomat biometrico mobile. E aiutano persino a combattere la disinformazione.

“È solo attraverso Internet che posso vedere cosa sta succedendo e dire agli altri che dovrebbero lavarsi le mani con sapone regolarmente, usare un disinfettante, indossare maschere”, ha affermato Prajapati, 27 anni. “Non avrei potuto aiutare nessuna di queste persone [if I had not learned how to use the internet]. Non potevo nemmeno aiutare me stesso. “

Osama Manzar, imprenditore sociale e fondatore di DEF, ha affermato che il loro lavoro di formazione di donne come Prajapati ha dimostrato quanto sia importante disporre di infrastrutture digitali disponibili fino all’ultimo miglio, specialmente durante un disastro .

“La connettività e l’accesso a Internet devono far parte dei diritti umani fondamentali. Al momento di una pandemia e di un disastro, bisogna tener conto, così come si dà accesso al cibo o all’acqua, ci deve essere un modo per dare accesso ai dati “, afferma Manzar.

Un problema anche per i paesi ricchi

Il divario digitale è stato a lungo visto come un problema di sviluppo. Ma la pandemia lo ha evidenziato anche i paesi ricchi soffrono di privazione digitale.

Più di quattro famiglie su dieci a basso reddito in America non hanno accesso alla banda larga, secondo uno studio di Pew. E nel Regno Unito 1,9 milioni di famiglie non hanno accesso a Internet, mentre decine di milioni di altri dipendono dai servizi pay-per-use per connettersi.

“A volte le persone parlano di Covid-19 come un eccellente livellatore. Ma in realtà, il modo in cui le persone sperimentano il blocco non è affatto lo stesso”, ha affermato Helen Milner, amministratore delegato di Fondazione Good Things, un’organizzazione benefica britannica che collabora con il governo per attirare più persone online.
Il sorprendente terreno fertile delle disuguaglianze in America: Internet

“L’esclusione digitale è, per molte persone, solo un’estensione dell’esclusione sociale che devono affrontare e la povertà è una di queste”.

Il governo britannico ha recentemente lanciato una serie di iniziative per aiutare a combattere l’esclusione digitale. Tra i progetti, una nuova campagna, DevicesDotNow, che richiede alle aziende di donare dispositivi mobili, sim e hotspot. La Good Things Foundation aiuta a fornire i dispositivi a chi ne ha bisogno e aiuta con la formazione. Finora hanno distribuito quasi 2.000 compresse
Tra i destinatari c’era Annette Addison, che vive sola in un appartamento a Birmingham, nel centro dell’Inghilterra e usa una sedia a rotelle per spostarsi. Prima confinamento, è andata al suo centro di comunità locale per accedere a Internet e ottenere assistenza per i suoi pagamenti di invalidità. Ma senza uno smartphone, afferma di sentirsi isolata e ignorata dallo stato dei suoi benefici.

“Non stavo andando affatto bene. Ero molto solo e depresso quando è iniziato il blocco, ma da quando ho preso il tablet … quando mi sento solo, posso parlare con i miei nipoti o a mia figlia. Sono costantemente in contatto con loro perché sono sempre online “.

Perché gli americani delle zone rurali hanno difficoltà a lavorare da casa

Il 1 ° maggio, Addison ha compiuto 60 anni. Ha celebrato con i suoi nipoti una video chat sul suo nuovo iPad – lo stesso iPad che ora utilizza per controllare il suo portale delle prestazioni. E recentemente si è iscritta anche su un sito di incontri. “Mi sento un adolescente”, ha detto.

READ  Mastercard e Visa avrebbero riconsiderato il loro rapporto con Wirecard a seguito dello scandalo contabile

Ma, mentre i governi cercano di distribuire servizi digitali per i poveri, la domanda rimane: chi ottiene un dispositivo e chi no?

Hafsha Shaikh, fondatore di SmartLyte, il centro di competenze digitali che ha distribuito il dispositivo ad Addison, ha affermato che è stata una domanda a perseguitarla.

“Questo dispositivo non riguarda solo il supporto immediato durante Covid, ma anche l’apertura delle porte, per genitori e famiglie, alle aspirazioni e alle opportunità”, ha affermato Shaikh. Attualmente ce ne sono altri 1.500 in lista d’attesa.

“La sfida più grande è, chi dovrei scegliere?”

Swati Gupta e Jack Guy della CNN hanno contribuito a questo rapporto.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *