Come 39 milioni di europei hanno mantenuto il proprio posto di lavoro dopo la fine dei lavori

A differenza del sistema ampiamente utilizzato negli Stati Uniti, dove i datori di lavoro licenziare i lavoratori che hanno quindi bisogno di chiedere sussidi statali, programmi come “Kurzarbeit” in Germania, che si traduce in “lavoro a breve termine”, per mantenere il rapporto tra i datori di lavoro e i loro dipendenti, aiutando il lavoro a riprendere rapidamente una volta che l’azienda subentra.

Ma l’attuale adozione è senza precedenti. “È enorme”, ha dichiarato Alexander Hijzen, economista del lavoro presso l’Organizzazione per la cooperazione e lo sviluppo economico.

In Germania, secondo Hijzen, fino a un dipendente su quattro può seguire programmi di lavoro a breve termine. In Francia e in Italia, questo numero arriva fino a uno su tre o più lavoratori.

“Meglio della disoccupazione”

In Europa – dove è più difficile assumere e licenziare i lavoratori, i dipendenti hanno molte protezioni e molti sono coperti da contratti collettivi – i programmi di lavoro part-time sono stati a lungo popolari e sono ben noti ai datori di lavoro e dipendenti.

Kurzarbeit, il programma di lavoro part-time più noto della regione, ha radici che risalgono a un secolo fa e viene spesso utilizzato per proteggere i lavori in Germania dalla crisi petrolifera degli anni ’70.

“Kurzarbeit è meglio della disoccupazione”, ha dichiarato l’ex ministro del lavoro tedesco Walter Arendt ha detto alla rivista Der Spiegel nel 1973.

Ciò sembra essere stato vero durante la recessione successiva alla crisi finanziaria del 2008. L’occupazione tedesca è scesa solo dell’1%, sebbene la produzione economica sia scesa del 7%, secondo l’economista della banca Berenberg Florian Hense. Negli Stati Uniti, dove il prodotto interno lordo è sceso del 4%, l’occupazione è diminuita in modo più significativo del 5,4%.

Alcuni economisti sostengono che altri fattori, come il modo in cui le imprese aggregano gli straordinari e le lente assunzioni che portano alla recessione, hanno probabilmente contribuito a limitare la perdita di posti di lavoro.

Ma c’è un accordo sul fatto che il sistema tedesco – in cui il governo copre tra il 60% e il 67% dei salari per ore non lavorate – svolge generalmente la sua funzione. È particolarmente utile in un’economia con carenza di competenze e in cui i datori di lavoro vogliono mantenere i lavoratori che hanno formato.

READ  La polizia canadese non ha emesso un avviso pubblico tempestivo riguardante uno sparatutto in Nuova Scozia

“Questo è il giusto tipo di ripartizione degli oneri tra governo, datori di lavoro e dipendenti”, ha affermato Hense.

Un lavoratore regola il logo Mercedes su un'auto da una linea di produzione nello stabilimento Mercedes-Benz di Sindelfingen, Germania, 30 aprile.

Programmi come Kurzarbeit e la “disoccupazione parziale” in Francia si adattano bene alla crisi del coronavirus, almeno a breve termine. Progettati per affrontare uno shock economico di breve durata, fungono da ponte per le imprese e i lavoratori fino a quando i governi non iniziano a revocare le misure di blocco per contenere la pandemia. Il Regno Unito ha adottato la propria versione per far fronte all’attuale crisi e non meno di 6,3 milioni di lavoratori britannici sono ora iscritti al programma di tre mesi.

Ciò potrebbe dare all’Europa un vantaggio nella sua ripresa, consentendo alle economie della regione di riprendersi rapidamente ed efficientemente con il rimbalzo della domanda. Tuttavia, potrebbero sorgere problemi se l’attività non è resistente come previsto. Le persone potrebbero aver bisogno di convincerli a lasciare le loro case per fare acquisti regolarmente e i compiti dovrebbero continuare per qualche tempo.

“Questa volta molto dipenderà dalla domanda e dal recupero dell’attività economica in generale”, ha affermato Carsten Brzeski, capo economista tedesco della banca olandese ING. “In tal caso, la Germania è estremamente ben preparata”.

Scala senza precedenti

Tuttavia, se la crisi dovesse durare più a lungo del previsto, l’elevato numero di persone che utilizzano i programmi spingerebbe i finanziamenti al limite. E programmi temporanei, come la variante britannica, potrebbero indurre le persone ad andare in congedo di disoccupazione se il lavoro non riprende rapidamente.

Il governo tedesco – che ha ampliato il suo programma quando ha colpito le chiusure del coronavirus – ora sovvenziona i salari di circa 10,1 milioni di persone, secondo la banca d’investimento UBS. Ciò rappresenta 1,4 milioni di persone al culmine della crisi finanziaria globale.

UNA sondaggio dall’Istituto Ifo in Germania questa settimana ha rivelato che il 99% dei ristoranti e il 97% degli hotel nel paese utilizzano il programma Kurzarbeit, così come il 94% delle aziende del settore automobilistico. La media del settore è del 50%.

In Francia, il governo afferma che 11,3 milioni di persone beneficiano della “disoccupazione di partipel”. I programmi di disoccupazione parziale coprono anche 7,7 milioni di italiani e 3,4 milioni di spagnoli.

Un cuoco lavora a Barcellona, ​​in Spagna, il 16 aprile dopo aver convertito la cucina del suo ristorante per preparare cibo per operatori sanitari e persone vulnerabili.

La Commissione europea vuole che i paesi intensifichino questi sforzi e ha annunciato che fornirà prestiti agli Stati membri a condizioni favorevoli per finanziare questi programmi.

READ  Calcio: incontra il commentatore di calcio siriano dodicenne Hazem al-Hossain

Ma Klaus Wohlrabe, capo delle indagini presso Ifo, ha avvertito che avrebbero potuto risparmiare tempo solo per così tanto tempo. Secondo UBS, i programmi di lavoro a breve termine nell’area dell’euro attualmente costano l’1,5% del PIL e costeranno di più ogni settimana.

“La disoccupazione parziale è un modo per le aziende di superare un periodo di basse vendite”, ha dichiarato Wohlrabe in una nota. “Tuttavia, se questo periodo dura abbastanza a lungo, vedremo anche tagli di posti di lavoro.”

Commissione europea ha detto mercoledì che si aspetta che il tasso di disoccupazione nell’UE scenda dal 6,7% nel 2019 al 9% nel 2021 prima di scendere all’8% nel 2021.
Alcuni economisti si chiedono anche se i programmi di lavoro a breve termine potrebbero impedire la necessaria riallocazione dei posti di lavoro nell’economia. Potrebbero non esserci lavori nel settore dei viaggi, ad esempio, ma agricoltori bisogno di aiuto per raccogliere le colture. Questi programmi sono tuttavia progettati per mantenere lo status quo.

Gli Stati Uniti stanno guardando

Negli Stati Uniti, dove 30 milioni di persone hanno presentato le loro prime richieste di disoccupazione da metà marzo e il tasso di disoccupazione di aprile dovrebbe raggiungere il 16%, gli economisti stanno monitorando attentamente gli sforzi dell’Europa.
Le versioni dei programmi di lavoro a breve termine, chiamate “condivisione del lavoro”, 26 stati americani, consentendo ai datori di lavoro di partecipare affinché i dipendenti possano ricevere sussidi di disoccupazione per le ore perse.

Il governo federale vuole che più aziende traggano vantaggio da questa opzione e ne ha incoraggiato l’uso includendo finanziamenti nel pacchetto di stimolo da $ 2 trilioni adottato il mese scorso. Ma finora, il numero di aziende che usano questi programmi sembra limitato.

READ  Mavis Johnston e la rivoluzione dei viaggi degli anni '50 che hanno ridotto il mondo

Secondo i dati più recenti del Dipartimento del Lavoro degli Stati Uniti, solo 62.300 americani hanno ricevuto benefici per la condivisione del lavoro per la settimana terminata l’11 aprile.

Betsey Stevenson, professore di economia all’Università del Michigan e capo economista del Dipartimento del Lavoro sotto l’ex presidente Barack Obama, pensa che parte di ciò abbia a che fare con la consapevolezza; Le società americane hanno meno probabilità di sapere che tali programmi esistono rispetto alle compagnie europee.

Ma i programmi americani non sono progettati per quando il lavoro è completamente asciutto, ha osservato Stevenson. In Germania i lavoratori possono ricevere fino a due terzi del loro salario anche se non lavorano affatto.

La condivisione del lavoro negli Stati Uniti potrebbe essere utilizzata di più che gli stati iniziano a riaprire le loro economie. In questo ambiente, ha senso incoraggiare i datori di lavoro a ridurre la loro intera forza lavoro, anche per ridurre le ore, ha affermato Stevenson.

“Questa distruzione permanente del rapporto tra il loro datore di lavoro, [the employee] e lavoro – che può portare a disoccupazione di lunga durata, persone che lasciano la forza lavoro “, ha detto.[It] può causare grossi problemi. ”

I paesi che possono mantenere un coperchio sulla disoccupazione durante la pandemia potrebbero beneficiare di rimbalzi economici più forti rispetto ai luoghi in cui i lavoratori non sono in grado di mantenere legami con i loro datori di lavoro. In Europa, i programmi di lavoro brevi potrebbero essere il fattore decisivo, se non diventano troppo importanti da gestire.

“Questo è uno dei motivi per cui crediamo che una lunga recessione non sia un affare fatto in Europa, e l’Europa potrebbe andare meglio degli Stati Uniti”, ha detto Hense di Berenberg. “Vediamo.”

source–>https://www.cnn.com/2020/05/06/economy/europe-part-time-work/index.html

We will be happy to hear your thoughts

Leave a reply

FPSGames.IT