Come possono i fotografi catturare la connessione umana durante un coronavirus?

Vagando per le strade di New York, il fotografo Ashley Gilbertson ha visto una giovane donna in piedi sotto un’alcova nel distretto finanziario. Si fermò a guardarla sporgere la testa più volte prima di uscire con un uomo anziano sul braccio.

La donna – apparentemente alla ricerca di un percorso libero – scortò l’uomo, che teneva in mano un bastone bianco usato dai non vedenti o ipovedente, fuori in strada e fuori dalla vista.

La scena toccò Gilberston, quindi scattò alcune foto. In circostanze normali, questo sarebbe quando avrebbe sollevato il suo argomento per iniziare una conversazione. Ma nel mezzo della crisi del coronavirus e della necessità di praticare l’isolamento sociale, questo semplice scambio sociale era impossibile.

A marzo il fotografo di New York Ashley Gilberston ha colto questa serie nel distretto finanziario della città.

A marzo il fotografo di New York Ashley Gilberston ha colto questa serie nel distretto finanziario della città. di credito: Ashley Gilbertson / VII / Redux

Gilbertson ha affermato che il distanziamento sociale ha cambiato radicalmente il modo in cui interagisce con i suoi soggetti.

Gilbertson ha affermato che il distanziamento sociale ha cambiato radicalmente il modo in cui interagisce con i suoi soggetti. di credito: Ashley Gilbertson / VII / Redux

“Non parlare con le persone che fotografi, per me, è la parte più difficile di tutto”, ha detto Gilberston al telefono dalla sua casa di New York. “Prima facevo qualche foto, poi mi presento e dico chi sono, cosa fotografo, e chiedo il loro nome, da dove vengono, cosa fanno, come si sentono … Quindi questa parte del mio lavoro è radicalmente cambiata “, ha detto.

Come molti fotografi di tutto il mondo, Gilberston affronta i molti modi in cui la pandemia globale ha influenzato il suo lavoro.

“Non parlare con le persone che fotografi, per me, è la parte più difficile di tutto.“

Ashley Gilberston

Per alcuni fotografi, la sicurezza personale e la paura di contribuire alla diffusione del virus sono molto reali. Per gli altri lavoratori autonomi, la dura e immediata realtà di perdere il proprio reddito, almeno temporaneamente, è anche estremamente preoccupante.

La fotografa londinese Suzanne Plunkett ha scattato questa foto della figlia della sua amica mentre frequentava una lezione di balletto online durante il blocco.

La fotografa londinese Suzanne Plunkett ha scattato questa foto della figlia della sua amica mentre frequentava una lezione di balletto online durante il blocco. di credito: Suzanne Plunkett

READ  Jaylen Brown: Nel mezzo di una pandemia, `` le persone di colore soffrono di più '', afferma la stella dell'NBA.

Al di sopra di queste importanti preoccupazioni pratiche sorgono domande più filosofiche: come fa un fotografo a documentare una delle più importanti esperienze umane condivise nella nostra storia recente quando le strade sono vuote in tutto il mondo e le persone lo sono nascondersi a casa? Come possono i fotografi riflettere le connessioni umane quando tutti dobbiamo mantenere le distanze?

Il mese scorso, James Wrigley, condirettore della piattaforma di fotografia Public Source, ha lanciato un sito web chiamato Covid-19 Archive. Lui e Jonathan Tomlinson, entrambi con sede nel nord dell’Inghilterra, iniziarono a costruire archivi digitali di immagini relative alla vita durante l’era del coronavirus. Finora hanno ricevuto osservazioni da oltre 30 fotografi da tutto il mondo.
Il fotografo Joe Habben ha scattato questa foto il 23 febbraio, il giorno in cui il Carnevale è stato cancellato a Venezia, a causa dell'epidemia di coronavirus. Secondo Habben, i negozi della città passarono rapidamente dalla vendita di maschere veneziane a maschere antivirali.

Il fotografo Joe Habben ha scattato questa foto il 23 febbraio, il giorno in cui il Carnevale è stato cancellato a Venezia, a causa dell’epidemia di coronavirus. Secondo Habben, i negozi della città passarono rapidamente dalla vendita di maschere veneziane a maschere antivirali. di credito: Joe Habben / Fonte pubblica

“Questa è la cosa più grande che è accaduta nella nostra generazione”, ha dichiarato Wrigley in un’intervista telefonica. “Volevamo creare qualcosa che, in pochi anni, potesse servire da retrospettiva per questo evento”.

Mentre il virus si diffonde da un paese all’altro, sempre più fotografi sono stati attratti dalla storia in rapida evoluzione. Ogni esperienza è diversa. Jeremy Cheung, a Hong Kong, ha documentato la prima ondata dell’epidemia di virus della città a gennaio e ora sta vivendo una seconda fase della crisi dopo un recente scoppio di nuovi casi.

“Uso la creatività come sollievo e trovo la bellezza come strumento per sollevare il peso della mia mente.“

Camilla Ferrari

Avendo vissuto l’epidemia di SARS 17 anni fa, ha affermato che molti residenti della città hanno risposto rapidamente a Covid-19. In un’intervista via e-mail, ha sottolineato un senso di solidarietà sentito in tutta la città quando tutti sono entrati in “modalità di combattimento”, dopo aver appreso dalle esperienze passate.

Il fotografo Jeremy Cheung ha scattato questa foto di una donna di Hong Kong per una grande quantità di carta igienica in vendita a febbraio.

Il fotografo Jeremy Cheung ha scattato questa foto di una donna di Hong Kong per una grande quantità di carta igienica in vendita a febbraio. di credito: Jeremy Cheung

READ  È improbabile che Tesco tragga beneficio dal boom delle vendite di lucchetti Covid-19

Durante questa nuova ondata di infezioni a Hong Kong, Cheung ha detto che stava cercando di sparare con un bersaglio lungo, ma che al momento non sta uscendo molto. “Adesso non sparo troppo spesso per le strade perché faccio del mio meglio per essere un civile responsabile (stare a casa)”, ha detto.

A casa, alcuni fotografi hanno acceso le loro macchine fotografiche su se stessi e le loro famiglie mentre sperimentano blocchi insieme. Molti usano il loro mestiere per cercare modi per mostrare com’è la vita, mentre cercano di dargli un senso o distrarsi dalla realtà.

Da questo autoritratto, Camilla Ferrari ha scritto:

Da questo autoritratto, Camilla Ferrari ha scritto: “Nelle nuvole di vapore dopo aver fatto la doccia. Col passare dei giorni, sento sempre più la necessità di prestare maggiore attenzione al mio modo di vestire a casa e alla cura di me stesso, come farei se dovessi uscire e lavorare “. di credito: Camilla Ferrari

Camilla Ferarri ha scattato questa foto il decimo giorno di isolamento a Milano il 19 marzo. Lo chiamò:

Camilla Ferarri ha scattato questa foto il decimo giorno di isolamento a Milano il 19 marzo. Lo chiamò: “Vestiti asciutti al sole”. di credito: Camilla Ferrari

“Uso la creatività come sollievo e trovo la bellezza come strumento per sollevare il peso della mia mente”, ha scritto Camilla Ferrari in un’e-mail, che di recente ha trascorso 15 giorni a casa in totale autosufficienza a Milano . La fotografa ha affermato di aver rivolto la sua attenzione al suo partner e alla “semplicità della vita di tutti i giorni”, esplorando “il cuore della casa e la sensazione di essere a casa e sperando che qualcun altro si riferirebbe a ciò che vedrebbe “.

“Non si tratta tanto della pandemia, ma dei comportamenti emergenti attraverso città, paesi e confini“

James Wrigley

Gail Albert Halaban è già noto per scattare foto di persone a casa. Sorpreso dalle finestre dei vicini che guardano, le sue immagini voyeuristiche mostrano le persone a casa in un ambiente semi-scenico in città di tutto il mondo molto prima dell’epidemia di coronavirus. Ora le immagini sembrano stranamente rilevanti.

Parlando dal suo appartamento a New York, ha detto: “Penso che lo spazio della finestra sia il luogo in cui realizziamo così tanti dei nostri collegamenti, specialmente in una città.

Gail Albert Halaban ha scattato questa foto dal titolo

Gail Albert Halaban ha scattato questa foto dal titolo “Incontro dopo alcuni giorni” a Lucca, in Italia, prima dell’epidemia di coronavirus. La foto è pubblicata nel suo libro “Italian Views”. (Inaugurazione, 2019) di credito: Gail Albert Halaban

READ  'Pericolo!' un candidato confonde Chaka Khan e Shaka Zulu

“Se guardi dalla finestra dei tuoi vicini, vedi che fanno le stesse cose che fai … nel nostro isolamento sociale, è davvero rassicurante vedere che la persona dall’altra parte della casa anche andare a scuola a casa o fare un caffè o leggere storie della buona notte “.

Per Halaban, il potere della fotografia deriva dalla sua capacità di ancorarci in un istante. “Penso che la fotografia sia il mezzo più comune”, ha detto, “dice,” sono qui ora e sto scattando questa foto ed esiste solo in questo istante. “”

Mentre ampie fasce della società devono rimanere a casa per la nostra protezione, limitando il contatto fisico in un modo senza precedenti, i fotografi possono ancora catturare connessioni umane e momenti simbolici nel tempo.

Bruno Taveira ha scattato questa foto a Cascais, in Portogallo. Nella foto che ha scritto,

Bruno Taveira ha scattato questa foto a Cascais, in Portogallo. Nella foto che ha scritto, “Molte persone si rivolgono ai supermercati per acquistare gli articoli essenziali dopo che il governo portoghese ha dichiarato lo stato di emergenza”. di credito: Bruno Taveira / Fonte pubblica

“Non è tanto la pandemia”, ha detto Wrigley, “ma l’emergere di comportamenti attraverso le città e oltre i confini”.

Ritratti di famiglie scattate attraverso le finestre, scatti di nature morte dei molti pasti consumati a casa, la luce riflessa nelle case di tutto il mondo; questa ripetizione delle immagini inizia a costruire una narrazione semplice e condivisa di molte persone che vivono in questa era, lontane l’una dall’altra, ma in qualche modo insieme.

“Dimostra solo che siamo tutti nella stessa barca”, ha detto Wrigley.

______

Credito fotografico principale: Ashley Gilbertson / The New York Times / Redux

Redattore fotografico: Sarah Tilotta

source–>http://rss.cnn.com/~r/rss/edition_world/~3/8ieykqYAjWA/index.html

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *