Com’è visitare Parigi dopo il blocco

Parigi (CNN) – Un secchio da giardino pieno di salviette usa e getta e enormi bottiglie di disinfettante per le mani è su ogni tavolo del bistrot di Parigi All’Ami Jean.

All’ingresso del lussuoso grande magazzino Galeries Lafayette, le guardie di sicurezza che fungono anche da ispettori dell’igiene pompano generosi cucchiai di disinfettante nei palmi delle mani tese degli acquirenti.

Lungo una delle strade più trafficate della capitale francese, automobili e scooter sono stati sostituiti da un convoglio regolare di pendolari, alcuni in giacca e cravatta, che pedalano fianco a fianco in modo ordinato ma si precipitò.

E infine, giovedì, i gradini di ferro della Torre Eiffel hanno iniziato ad aggrapparsi alle orme dei visitatori che desideravano arrampicarsi per avere una vista della città mentre gli ascensori rimangono fuori servizio.

Benvenuti a Parigi dopo il blocco, dove il nuovo standard è caratterizzato da maschere per il viso, segni sul pavimento, plexiglas e disinfettante per le mani. E molto.

Mentre la città riapre gradualmente dal 2 giugno, consentendo ai residenti di entrare nei parchi della città e di uscire di casa liberamente (in precedenza dovevano compilare moduli che giustificano le loro uscite), dal 15 giugno, ristoranti e i caffè possono riaprire a Parigi, nel segno più chiaro e più forte che la preclusione era finalmente finita.

Reinventare i ristoranti

Riapertura di Parigi

Chez L’Ami Jean ha riaperto a Parigi con nuovi posti a sedere all’aperto su un marciapiede.

Canzone di Vivian

Perché senza il ronzio dei suoi caffè, cortili all’aperto, bistrot e bar, Parigi è davvero una città strana.

Al Chez L’Ami Jean, situato nel 7 ° arrondissement, lo chef Stéphane Jégo ha spogliato il ristorante delle sue panchine e distanziato scrupolosamente i tavoli da pranzo per rispettare la regola della distanza fisica di tre piedi in Francia.

Per compensare la perdita della metà dei 55 posti nella sala da pranzo, lo chef ha creato un patio esterno nei luoghi normalmente riservati per il parcheggio in strada.

Questo è un grande cambiamento per il bistrot, popolare tra turisti e gente del posto grazie alla sua cucina familiare, dove le feste sono vicine tra loro e l’atmosfera è rumorosa, vivace e allegra.

Per preservare l’atmosfera, Jégo è stato costretto a ripensare il layout del ristorante che ha gestito negli ultimi 17 anni.

Ha rapidamente elaborato un concetto che riporta il bistrot alle sue radici originali, quando ha venduto caffè, vino e sandwich insieme ai giornali e lo ha prodotto per la gente del posto quasi un secolo fa.

READ  UN-Generalsekretär Guterres warnt vor neuem "Kalten Krieg"

Il ristorante reinventato ora ha un piccolo mercato di giardini nella finestra d’ingresso che vende prodotti locali – ciliegie, vecchie carote e pomodori – oltre a paté e terrine fatti in casa.

Per attirare la folla dopo il lavoro e un aperitivo, sono stati installati sgabelli da bar, tavoli alti e un tapas bar di fronte al bistrot, mentre uno spazio separato all’interno vende una selezione di vini. i preferiti dello chef.

Per rendere più accessibile Chez L’Ami Jean, secondo lo chef saranno accettate solo alcune prenotazioni alla volta.

Assenza di turisti

Parigi riapertura_2020_06_13_0062

“Volevamo dare alle persone un senso di intimità, vicinanza e convivialità nel ristorante”, spiega lo chef Stéphane Jego di Chez L’Ami.

Canzone di Vivian

“Dato che questo famoso virus ci ha separato l’uno dall’altro, volevamo dare alle persone una sensazione di intimità, vicinanza e cordialità al ristorante”, ha detto.

È una strategia commerciale volta a diversificare il ristorante, ma anche ad attirare più parigini locali per compensare la mancanza di turisti, che rappresentano la metà della sua clientela abituale.

Mentre i viaggi tra i paesi Schengen in Europa sono stati riaperti, saranno autorizzati i viaggi internazionali al di fuori dell’area Schengen riprendere per alcuni paesi il 1 ° luglio, ci vorrà del tempo prima che il viaggio ritorni al livello pre-Covid-19.
L’anno scorso, la città ha accolto 38 milioni di visitatori, con i turisti americani e britannici che guidano i mercati internazionali: i visitatori americani hanno rappresentato 2,56 milioni di arrivi in ​​hotel nel 2019.

Testimoniare Parigi senza turisti ha permesso ad alcuni locali di capire come i visitatori internazionali contribuiscono all’energia e all’atmosfera della città.

I ristoranti di Parigi si stanno affrettando a riaprire dopo che il presidente francese Emmanuel Macron ha dichiarato la prima ondata della crisi del coronavirus.

Durante una recente visita al quartiere di Montmartre, la parigina Huguette Dauria, 77 anni, ha dichiarato di essere stata colpita dal vuoto delle strade.

“Tutti i negozi erano chiusi e Montmartre era vuota. Era strano da vedere. La città è davvero calma. I turisti aiutano a dar vita alla città”, ha detto il pensionato.

La lavoratrice museale parigina Patricia Servain, 40 anni, è d’accordo.

“È bello perché c’è più spazio, ma Parigi ha perso la sua atmosfera cosmopolita. Mi manca ascoltare lingue diverse. Se continua così, sarà strano.”

Anche se la città è stata riaperta, Dauria ha dichiarato di essere sgomenta di vedere alcuni dei suoi compagni parigini infrangere le regole del distanziamento sociale e non indossare maschere.

L’Organizzazione mondiale della sanità consiglia di indossare maschere negli spazi pubblici quando la distanza fisica non è possibile. Ma sembra che i parigini abbiano rapidamente abbandonato le facciate per le strade, dove non sono obbligatorie, ora che la città è stata riaperta.

“Sembra che le persone non capiscano davvero cosa è appena successo”, ha detto Dauria.

READ  South Carolina: Streuner-Pitbull tötet Jungen (6)

“Dobbiamo stare in guardia per evitare una seconda ondata. Ma la gente cammina senza maschere, riunendosi in grandi gruppi … Non va bene.”

Il marito di Dauria, Daniel, osserva con disapprovazione che tutto è tornato come prima.

“È come se ci fossimo appena svegliati da un sogno e nulla di tutto ciò è accaduto.”

Da parte sua, Servain ha affermato di essere diventata più una persona di casa da quando ha bloccato ed evitato aree densamente popolate.

“Il virus ci ha fatto pensare diversamente”, aggiunge Jégo.

Dallo shopping, ai trasporti pubblici e alle visite ai musei, ecco come apparirà la nuova normalità nella capitale francese, fino a quando non viene trovato un vaccino o un trattamento:

Trasporto pubblico

Parigi riapertura_2020_06_16_0396

Alcune strade sono trasformate in piste ciclabili temporanee in alternativa al trasporto pubblico.

Canzone di Vivian

Il risultato? È come se qualcuno stesse abbassando il volume della cacofonia di clacson e motori ruggenti in tutta la città, una gradita tregua per i nervi.

Uomini in giacca e cravatta, i loro blazer svolazzano dietro di loro nel vento, pedalano a fianco di donne con gonne e scarpe primaverili, studenti e corrieri di biciclette.

I distributori pieni di disinfettante per le mani sono stati installati anche in alcune pensiline per autobus e le maschere sono obbligatorie in tutti i trasporti pubblici e nei taxi.

Ci sono anche adesivi sui piani dei treni, così come alcuni posti, per aiutare i passeggeri a prendere le distanze il più possibile.

acquisti

Riapertura di Parigi

Molti negozi e grandi magazzini richiedono a tutti gli acquirenti di indossare maschere.

Canzone di Vivian

Sebbene le maschere non siano richieste negli spazi pubblici, molti negozi privati, boutique e grandi magazzini richiedono che tutti gli acquirenti li indossino durante la loro visita.

Gli acquirenti sono incoraggiati a disinfettarsi le mani con un disinfettante per le mani posto all’ingresso dei negozi e, in alcuni negozi, ai clienti viene chiesto di astenersi dal toccare e maneggiare la merce.

Ciò significa non essere in grado di scambiare rossetti o creme al banco bellezza o di ispezionare da vicino gli oggetti di arredamento. Si ricorda inoltre agli acquirenti di tenersi a distanza gli uni dagli altri – almeno tre gradini dalla scala mobile Galeries Lafayette – e il plexiglass li separa dai venditori della scatola.

READ  François Fillon: ex primo ministro francese condannato a cinque anni di carcere

Musei e monumenti

La Torre Eiffel ha riaperto il 25 giugno.

La Torre Eiffel ha riaperto il 25 giugno.

THOMAS SAMSON / AFP tramite Getty Images

Niente più folle della Gioconda. Al Louvre, che riaprirà il 6 luglio, i visitatori devono acquistare i biglietti online in anticipo e impegnarsi in una fascia oraria, simile a un appuntamento o all’ora del cinema, per aiutare a controllare la folla.

I visitatori dovrebbero anche seguire un percorso designato per dipinti e mostre popolari, la Gioconda, per aiutare a ridurre la congestione. Lo stesso giorno, i biglietti sul posto saranno venduti in base alla disponibilità, ma verrà data priorità ai possessori di biglietti online.

Allo stesso modo, i visitatori devono acquistare i biglietti online per il Musée d’Orsay e la Reggia di Versailles.

L’apertura di Torre Eiffel Il 25 giugno viene implementato in fasi, con accesso limitato alle scale all’inizio, prima che il servizio di ascensore al secondo piano riprenda il mese prossimo.

Per le visite a tutti i musei e monumenti principali, le maschere sono obbligatorie.

Mangiare fuori

Riapertura di Parigi

Tutti i tavoli del ristorante devono essere distanziati di almeno un metro per consentire la distanza fisica.

Canzone di Vivian

Una delle caratteristiche distintive della scena parigina dei bistrot e dei caffè è il modo in cui i tavoli sono posti uno accanto all’altro, quasi uno accanto all’altro.

Sedersi richiede la rimozione del tavolo dalla sua formazione di linea e la stretta delicata tra i due tavoli e sulla sedia.

Ma non più. La direttiva Covid-19 in Francia ora richiede che i tavoli siano distanziati di almeno un metro di distanza per una distanza fisica.

Per compensare la perdita di tavoli, la città ha rilasciato permessi che consentono ai ristoratori di trasformare parcheggi e marciapiedi in quelli che Jégo chiama “marciapiedi da bistrot” o bistrot da marciapiede.

Nel frattempo, all’interno, tutto il personale deve indossare maschere e anche i commensali devono indossare le maschere per andare in bagno o passeggiare per la sala da pranzo.

I posti sono limitati a gruppi di 10 persone o meno. Alcuni ristoratori hanno anche introdotto menu di codici QR che possono essere attivati ​​dagli smartphone per eliminare i menu cartacei, mentre il pagamento senza contatto è preferito rispetto ai contanti.

We will be happy to hear your thoughts

Leave a reply

FPSGAMES.IT È PARTECIPANTE AL PROGRAMMA ASSOCIATI DI AMAZON SERVICES LLC, UN PROGRAMMA DI PUBBLICITÀ AFFILIATO PROGETTATO PER FORNIRE AI SITI UN MEZZO PER GUADAGNARE TASSE PUBBLICITARIE IN E IN CONNESSIONE CON AMAZON.IT. AMAZON, IL LOGO AMAZON, AMAZONSUPPLY E IL LOGO AMAZONSUPPLY SONO MARCHI DI AMAZON.IT, INC. O LE SUE AFFILIATE. COME ASSOCIATO DI AMAZON, GUADAGNIAMO COMMISSIONI AFFILIATE SUGLI ACQUISTI IDONEI. GRAZIE, AMAZON PER AIUTARCI A PAGARE LE NOSTRE TARIFFE DEL SITO! TUTTE LE IMMAGINI DEL PRODOTTO SONO DI PROPRIETÀ DI AMAZON.IT E DEI SUOI ​​VENDITORI.
FPSGames.IT