Compleanno di Tupac Shakur: festeggia con questi pezzi

La carriera di rapper e attore assassinato è durata solo cinque anni, ma parte della sua musica sembra attuale ai suoi fan in molti modi.

Shakur pubblicò il suo primo album in studio, “2Pacalypse Now”, nel novembre 1991. Il 13 settembre 1996, era morto. Aveva solo 25 anni quando lui è stato ucciso in una strada di Las Vegas e cedette alle sue ferite qualche giorno dopo.

Ben noto per i suoi pennelli con la legge e le sue parole a volte violente che spesso riflettevano la sua vita reale, le canzoni di Shakur sono state adottate come inni ribelli e lui come uno dei più grandi poeti della strada.

In onore del suo compleanno, ecco alcune delle sue canzoni che contengono testi che sembrano riecheggiare temi attualmente in discussione come Black Lives Matter protest spazzare il globo:

“White Manz World”

Questo singolo è apparso postumo sull’album del 1996, “The Don Killuminati: The 7 Day Theory”, e offre i pensieri di Shakur sull’essere una minoranza.

Si scusa anche per il trattamento delle donne di colore.

“Aiutami a sollevare la mia nazione nera, le riparazioni sono dovute / È vero, preso in questo mondo, ho approfittato di te”, rap Shakur. “Quindi dì ai bambini come li amo, preziosi ragazzi e ragazze. Nati neri nel mondo di questo uomo bianco.”

“Holla If Ya Hear Me”

Considerato uno dei classici del gangsta rap, il credo di strada della canzone incita l’ascoltatore a “pompare i pugni in quel modo”.

Non solo rende omaggio “Ai miei amici nel blocco Tha / Gettin abbandonato dai poliziotti”, dichiara anche: “Non è solo una canzone rap / Una canzone nera.

READ  Tv: Inger Nilsson, Pippi Calzelunghe è ancora un modello - Last Hour

‘I cambiamenti’

Solo Shakur poteva prendere un campione di Bruce Hornsby e trasformarlo in un inno di strada sul razzismo e la riconciliazione.

“Cambiamenti” lo trova riflettendo: “Non vedo alcun cambiamento, tutto ciò che vedo sono volti razzisti / L’odio mal riposto mette la vergogna nelle gare / Noi sotto, mi chiedo cosa ci vuole per farlo posto / Un posto migliore, cancelliamo i rifiuti “.

La canzone presentava il cantante Talent ed è stato il primo singolo dell’album “Greatest Hits” di Shakur del 1998.

‘Tieni la testa alta’

“Alcuni dicono che più scura è la bacca, più dolce è il succo / dico che più scura è la carne, più profonde sono le radici.”

La celebrazione dell’oscurità di Shakur è anche una canzone di speranza che promette che verranno giorni migliori.

E non potremmo usare un po ‘tutti in questo momento?

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *