Da gennaio cambieranno i criteri per gestire i conti correnti in maggiore sicurezza e in difesa di eventuali attacchi informatici. L’Unione Europea ha introdotto una normativa per proteggere i dati online dai furti di potenziali hacker, che prevede un sistema di autenticazione denominato PSD2.

Conto corrente e pagamenti online, nuovo sistema di sicurezza da gennaio

La direttiva UE fa parte delle riforme già in corso sulla regolamentazione in materia di metodi di pagamento e avrebbe dovuto essere operativa entro due anni dalla sua emanazione nel 2016.

Il metodo si basa essenzialmente sull’uso diapplicazione bancaria da installare sullo smartphone, al quale verrà inviata una richiesta di conferma dal nostro istituto di credito ogni volta che effettueremo un pagamento tramite POS. La convalida a questo punto dovrebbe ricevere il via libera controllando dati biometrici della nostra identità, che può avvenire tramite riconoscimento facciale o impronta digitale.

Tuttavia, il nuovo sistema di controllo non riguarderà solo i pagamenti con carta di credito o terminali ATM, ma ancheaccesso orientato alla contabilità online, ai nuovi servizi di spesa offerti nel settore dell’e-commerce e allo shopping online da banche e nuovi operatori di mercato.

Conto corrente, nuovo sistema di sicurezza: i reparti interessati

Più precisamente, i nuovi campi di applicazione della PSD2 riguardano principalmente:

  • Servizi di inizio pagamento online (PIS) che ti consentono di avviare un pagamento online tramite un fornitore di servizi di pagamento diverso da quello in cui detieni conto bancario;
  • servizi di informazione sui conti di pagamento online (AIS) in base ai quali è possibile ottenere informazioni aggregate su uno o più account online aperto anche in diversi istituti;
  • i servizi di conferma della disponibilità dei fondi erogati nel caso di pagamenti effettuati con carte di debito emesse da un operatore diverso da quello presso il quale è tenuto il conto (i.e. il CISP)
READ  Lavoro, addio al causale fino a dicembre per frenare il calo del lavoro a tempo determinato

Dato gennaio quindi tutte le banche devono adeguarsi all’innovazione tecnologica, anche se molte istituzioni non sono ancora preparate, dovranno superare il sistema di conferma basato su SMS e prepararsi per la nuova sicurezza a due fattori e non solo.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *