Covid-19 mette fine ai piani dell’uomo di visitare tutti i paesi senza volare

(CNN) – La missione di Torbjørn “Thor” Pedersen è quella di visitare tutti i paesi del mondo in un unico viaggio, senza prendere un solo volo.

Dopo circa sei anni e mezzo di viaggio e un budget di 20 USD al giorno, Pedersen è a soli nove paesi dal raggiungimento di questo obiettivo.

C’è solo un problema: è bloccato a Hong Kong.

Mentre il 41enne aspettava in città per salire a bordo di una nave fino alla sua prossima fermata, l’arcipelago del Pacifico di Palau, il rilascio di COVID-19 e le conseguenti restrizioni di viaggio deragliarono il suo piani.

Ma l’ambasciatore danese di buona volontà della Croce rossa danese è determinato a sfruttare al meglio la situazione.

Ha trascorso le sue giornate affrontando i numerosi sentieri escursionistici di Hong Kong, lavorando con la società locale della Croce Rossa, tenendo discorsi motivazionali e aggiornando il suo blog, C’era una volta una saga, dove racconta le sue avventure.
Quando incontro Pedersen per il tè a Club dei corrispondenti stranieri a Hong Kong, sembra sorprendentemente brillante per qualcuno che è in transito da più di sei anni.

L’atleta 41enne, che indossa scarpe da trekking Black Salomon X Ultra indossate sulla strada e ha la barba sul petto, vuole chiaramente continuare a muoversi.

“Ogni giorno che passo a Hong Kong è un altro giorno in cui non progredisco. Sto perdendo tempo ma sto cercando di sfruttarlo al massimo”, ha detto Pedersen alla CNN Travel.

“Con quello che sta succedendo nel mondo, ci vorrà almeno un anno per finire. Partire è una considerazione – sono morto di stanchezza [of traveling] e pronto per tornare a casa. Ma sono anche testardo e motivato. ”

Nato in Danimarca, Pedersen ha avuto un’istruzione internazionale dove ha sempre avuto “una gamba in Danimarca e una gamba altrove”.

Durante la sua infanzia, la sua famiglia ha volato tra Toronto, Vancouver e New Jersey per il lavoro di suo padre nell’industria tessile e ha visitato la madre in Finlandia durante le vacanze estive e invernali.

“Mia madre è una guida turistica, quindi parla diverse lingue ed è sempre stata interessata al mondo”, aggiunge.

“Quando si tratta di affari e struttura, alzarsi presto e fare le cose, l’ho preso da mio padre. Stavo camminando nella foresta alla ricerca di funghi e troll, pensando fuori fuori dagli schemi ed essere avventuroso da parte di mia mamma “.

Torbjørn (Thor) Pedersen: C'era una volta una saga di Suez

Con i furti sul tavolo, Pedersen ha fatto molto affidamento sulle navi portacontainer.

Torbjørn (Thor) Pedersen / C’era una volta una saga

Da adulto, Pedersen prestò servizio nell’esercito danese come Royal Life Guard (simile alla Guardia della regina con cappuccio di pelliccia a Buckingham Palace a Londra) e poi lavorò nel settore del trasporto marittimo. logistica per 12 anni, dove le missioni lo portarono dalla Libia in Bangladesh, Kazakistan, Azerbaigian, Groenlandia e Florida.

L’idea di raccogliere questa particolare sfida – visitare ogni paese senza interruzione senza prendere un solo volo – gli è venuta per caso, attraverso un articolo che suo padre gli ha inviato.

“Ho scoperto che puoi effettivamente andare in qualsiasi paese del mondo – non ci avevo mai pensato prima”, afferma Pedersen.

Sei anni lontano da casa

Dopo 10 mesi di attenta pianificazione, Pedersen è partito il 10 ottobre 2013.

Ha viaggiato prima in Europa, poi in Nord America, Sud America, Caraibi, Africa, Mediterraneo, Medio Oriente, Europa orientale, Asia e lontane isole del Pacifico .

“Da quando ho iniziato a lavorare nel settore delle spedizioni e della logistica, ero abituato a tenere in aria più cose contemporaneamente, a trovare soluzioni e a rendere tutto più efficiente”, afferma. “Ha aiutato molto in un progetto come questo: potrebbero volerci 20 anni se non stai attento.”

Ci sono 195 nazioni sovrane nel mondo, secondo le Nazioni Unite, ma Pedersen non si ferma qui. Alla fine del suo viaggio, avrà visitato 203 paesi in totale.

Pedersen ha imposto regole eccezionalmente rigide: deve trascorrere almeno 24 ore in ogni paese e non può tornare a casa fino al termine.

READ  La Corea del Sud non riporta segni insoliti della salute di Kim Jong Un

Inoltre, Pedersen ha pianificato di visitare la Croce Rossa (conosciuta anche come Mezzaluna Rossa o Cristallo Rosso, a seconda della regione) ovunque il movimento operi per pubblicizzare le proprie iniziative locali.

Finora ha già visitato le società della Croce Rossa in 189 paesi, un’impresa che, secondo Pedersen, non è mai stata fatta prima.

Torbjørn (Thor) Pedersen: C'era una volta una saga _5445

Ottenere visti per destinazioni difficili da visitare come la Siria e l’Angola è stata spesso una sfida, afferma Pedersen.

Torbjørn (Thor) Pedersen / C’era una volta una saga

E, naturalmente, la regola cardinale: niente furti. Con la facilità degli aeroporti sul tavolo, avrebbe dovuto viaggiare per il mondo tramite treni, taxi, autobus, car sharing, tuk-tuk, traghetti e navi portacontainer.

Pedersen faceva molto affidamento sui mercantili per percorrere lunghe distanze, lavorando a stretto contatto con aziende come Maersk, Blue Water Shipping, Swire, MSC, Pacific International Lines, Neptune e Columbia.

“Non puoi semplicemente presentarti e salire su una nave portacontainer”, afferma Pedersen. “Devi ottenere le approvazioni dell’azienda in anticipo, il che richiede molto tempo e pazienza.”

In alcuni casi, Pedersen faceva affidamento sui suoi rapporti professionali. In altri, la sua associazione con la Croce Rossa ha aiutato, mentre la natura monumentale di questa sfida ha contribuito a consolidare le partnership.

“Il coordinamento di tutto richiede molto tempo. E anche se tutti i tuoi collegamenti sono pianificati e tutti allineati, non puoi pianificare catastrofi naturali o tifoni”, ha detto, dopo aver reindirizzato ripetutamente il suo programma. .

Nonostante ciò, ha mantenuto tutte le sue promesse a se stesso e alle migliaia di follower online che hanno investito nel suo viaggio.

“Non c’è nulla che impedisca la fine di questo viaggio, tranne me … Ma devo chiedermi: voglio essere la persona che si è fermata? O voglio poter dire che Non mi sono mai fermato, nemmeno una volta, non quando ho avuto la malaria, non quando ho perso la mia ragazza, non quando è morta mia nonna, non quando ho perso il mio sostegno finanziario. Non quando provo dolore “, dice.

“Completando questo progetto, dico alla gente che puoi raggiungere qualsiasi obiettivo se continui a lavorarci”.

Trova un modo

Sebbene il passaporto danese per Pedersen sia uno dei più potenti al mondo in termini di accesso, molti visti sono sempre stati difficili da ottenere, soprattutto in destinazioni note per essere difficili da visitare come lo Yemen, Iraq, Siria, Arabia Saudita, Iran, Nauru e Angola.

Ci sono volute più di tre settimane per ottenere un visto per l’Iran e quasi tre mesi per la Siria, che ha ottenuto con l’aiuto della Croce Rossa.

Alla fine ha attraversato il confine con Damasco, la capitale della Siria. A causa dei conflitti nella regione in quel momento, dovette quindi raggiungere la Giordania su una nave container attraverso il Golfo di Aqaba, il che significava tornare indietro attraverso il Libano e l’Egitto.

“Quindi ci è voluto un giro per arrivare in Giordania, ed è stato così tante volte. Se parti senza volare, allora sei davvero bloccato nei paesi intorno a te. E devi pianificare bene.” “

Torbjørn (Thor) Pedersen: C'era una volta una saga_7666

Pedersen posa per un selfie a Petra, in Giordania.

Torbjørn (Thor) Pedersen / C’era una volta una saga

In molti casi, la burocrazia ha reso i processi ancora più atroci. Sul confine terrestre con l’Angola, per esempio, è stato respinto per la prima volta perché non parlava il francese nativo.

Quindi hanno respinto la sua richiesta perché aveva usato la penna colorata sbagliata. Quando ha rifatto le sue forme, la sua foto del passaporto era falsa. Ha ottenuto nuove foto di passaporto, ma la sua lettera di invito non era abbastanza chiara.

Ogni rifiuto gli è costato settimane.

“Alcune di queste situazioni erano davvero kafkiane. Ci sono voluti così tanto tempo e molto aiuto da parte di altre persone”, ha detto Pedersen.

Il globetrotter ha tenuto discorsi motivazionali nelle aziende durante i suoi viaggi, il che ha contribuito a costruire connessioni influenti.

READ  Le restrizioni sul coronavirus in Australia saranno revocate in un piano in tre fasi per riaprire l'economia

“In alcuni casi, i CEO con un certo potere mi hanno aiutato. Altre volte, ho parlato con il consolato o ho ricevuto aiuto dagli amici.

“Ogni volta che avevo bisogno di aiuto, qualcuno mi ha contattato e mi ha aiutato. Ma ho sempre trovato una soluzione – e l’ho fatto nel modo giusto. mai offerto una bustarella “.

Una decisione sconsiderata

Mentre Pedersen è generalmente meticoloso sulla pianificazione, un episodio in Camerun lo ha mandato in una spirale.

Dopo aver trascorso diversi giorni saltando attraverso i cerchi per entrare nel vicino Gabon, Pedersen non riuscì più a sopportarlo.

“La gente non capiva cosa stavo facendo. Volevo arrendermi e tornare a casa, pensando ‘Perché diavolo sto facendo questo? Cosa può fare per chiunque a questo punto? ‘ L’ho perso. “

Ha preso la decisione spericolata di provare un’altra traversata, che ha richiesto un viaggio di 800 chilometri su strade sterrate polverose nel cuore della notte.

Pedersen afferma che ci sono ricordi molto più positivi del suo viaggio rispetto a quelli cattivi.

Pedersen afferma che ci sono ricordi molto più positivi del suo viaggio rispetto a quelli cattivi.

Torbjørn (Thor) Pedersen / C’era una volta una saga

Alle 3 del mattino, una coppia di fari balenò in avanti. Tre uomini in uniforme entrarono in strada agitando i fucili e chiesero a Pedersen e al suo tassista di scendere dall’auto.

“Erano armati fino ai denti e ubriachi nelle loro menti. Questa è solo una situazione di non ritorno”, ricorda.

“Il mio cuore è caduto. Ecco. È la fine della mia vita. Se la mia vita finisce lì, mi gettano nella foresta, le formiche e gli animali mi mangeranno in pochissimo tempo, nessuno lo farà non lo saprò mai. Non ho detto a nessuno che lo avrei fatto. “

Ha aspettato in questo stato di terrore per 45 minuti mentre gli uomini lo hanno intimidito con i loro fucili, le dita sui colpi. Quindi, senza motivo, lo hanno lasciato andare.

“Siamo appena usciti da lì come pipistrelli dall’inferno.”

Mesi di grandi ricordi

Mentre tenta l’impossibile compito di riassumere sei anni e mezzo in un momento forte, Pedersen mi dice che i ricordi positivi sono considerevolmente più numerosi di quelli cattivi.

“Parleremmo per qualche giorno se ti parlassi di tutte le cose brutte che sono successe. Ma avremmo bisogno di mesi per coprire tutte le cose buone – è equilibrio.”

Ad Hong Kong, ad esempio, Pedersen ha incontrato un’ospitalità incredibile durante la pandemia globale.

Una famiglia che vive a Sai Kung, circa un’ora a nord-est del centro, lo ha invitato a rimanere nella sua camera degli ospiti per alcuni giorni.

Era prima che il mondo si fermasse. Sono passati 86 giorni e insistono sul fatto che è il benvenuto per tutto il tempo necessario.

Pedersen incontrò calore e generosità simili quando fallì nelle Isole Salomone, dove un tifone vicino al Giappone ritardò la sua nave portacontainer.

Decise di usare i giorni extra per esplorare la Provincia Occidentale. Mentre Pedersen stava cavalcando da solo su un traghetto, un uomo anziano lo ha invitato su un’isola chiamata Vori Vori per scoprire la vita nel suo villaggio.

Pochi giorni dopo, Pedersen prese un traghetto e poi una piccola canoa motorizzata per l’isola isolata, che ospita un centinaio di persone.

“Non c’è acqua corrente, elettricità, solo un generatore se hanno assolutamente bisogno di alimentare qualcosa. Catturano i pesci che mangiano ogni giorno, hanno un sacco di noci cocco, puoi nuotare nel ruscello. È un posto incredibile. “

Quando l’anziano del villaggio venne a sapere che Pedersen aveva un laptop, chiese se i locali potessero guardare un film.

Quella notte, hanno alimentato il generatore e circa 80 persone si sono radunate attorno al computer di Pedersen per guardare il dramma di guerra del 1998 “La sottile linea rossa”, ambientato nelle Isole Salomone.

“Non puoi pianificare questa esperienza. Non puoi comprarla. È stato semplicemente fantastico”, afferma Pedersen.

E poi c’è la bellezza naturale del mondo, che lo ha ripetutamente lasciato senza parole.

READ  La stagione di F1 2023 potrebbe iniziare a porte chiuse, afferma l'amministratore delegato Ross Brawn

Attraversando il Nord Atlantico su una nave portacontainer per raggiungere il Canada, hanno colpito una terribile tempesta. Per quattro giorni, la nave spinse il vento.

“Era il caos. Pensavo che stessimo per affondare e morire. Ma quando la tempesta passò, l’acqua era come un olio blu scuro, così calma e liscia. Non ho mai visto un oceano del genere.”

Le uniche interruzioni della superficie simile al vetro erano animali: le balene venivano a respirare, i delfini saltavano e giocavano. E per finire, quella notte, il cielo si è schiarito e l’aurora boreale ha danzato sopra di noi.

Verso la fine del viaggio, circa mezza giornata prima del loro arrivo in Canada, forti raffiche di vento spazzarono il distinto aroma degli alberi e del polline sul ponte della nave.

“All’improvviso sentivi l’odore degli alberi in un modo molto potente. Mi sentivo come se fossi nella foresta. Quindi dopo 12 giorni di odore di petrolio, metallo e oceano, noi improvvisamente sentito il Canada prima di vederlo. ”

Il traguardo

Guardando la distanza percorsa – oltre 300.000 chilometri – Pedersen ha viaggiato per il mondo sette volte negli ultimi 6,5 anni.

Ha raggiunto 194 paesi, con solo nove rimasti: Palau, Vanuatu, Tonga, Samoa, Tuvalu, Nuova Zelanda, Australia, Sri Lanka e il gran finale delle Maldive.

Quando raggiunge le Maldive, organizza una festa con il suo fidanzato e i suoi colleghi giramondo, come Lexi Alford, che è la più giovane ad aver visitato tutti i paesi del mondo, e Gunnar Garfors, una delle persone rare a aver visitato ogni paese due volte.

Non vede l’ora di vedere il suo fidanzato, che ha pianificato di sposare in Nuova Zelanda prima che la pandemia congeli il globo.

“Il mio fidanzato ha supportato incredibilmente tutto questo processo”, ha affermato Pedersen. “È venuta a trovarmi 21 volte.

“In effetti, esiste una tradizione di barzellette: la faccio solo quando esce per vedermi!” disse con la sua impressionante barba. “Non la vedo da sette mesi, motivo per cui è così lungo.”

Torbjørn (Thor) Pedersen: C'era una volta una saga 17-06-2017, 01.44.28

Pedersen afferma che la sua missione principale è far luce sulla bontà intrinseca delle persone.

Torbjørn (Thor) Pedersen / C’era una volta una saga

Secondo Pedersen, anche se finalmente potrà recarsi a Palau quest’estate, il resto del suo viaggio durerà da almeno 10 mesi a un anno.

“Sarebbe facile andare all’aeroporto e tornare a casa in aereo. A volte ci penso. Ma ad un certo punto, questo progetto ha smesso di preoccuparmi e ha iniziato a interessare altre persone.”

Fondamentalmente, dice, non è un progetto di viaggio ma un progetto di persone. La sua missione principale è far luce sulla bontà intrinseca delle persone, su ciò che abbiamo in comune, non sulle nostre differenze.

“Le persone sono quasi sempre fantastiche. Ci preoccupiamo tutti delle stesse cose: le nostre famiglie, i nostri lavori, l’educazione, “Game of Thrones”. Tutti amiamo il buon cibo. Adoriamo ballare. Adoriamo rilassarci, adoriamo ridere … evidenziare queste somiglianze è una parte importante del mio obiettivo. ”

Ci sono anche molte persone che dipendono da esso per finire, in un modo o nell’altro.

Nel corso degli anni, ha ricevuto molti messaggi privati ​​da persone che sono state ispirate dalla sua determinazione a perseverare nella propria vita, dalla ricerca di lavoro alla perdita di peso, allo studio, all’apprendimento. ‘una nuova lingua o fuori dal letto dopo aver perso una persona cara. una.

“Ancora e ancora, ho detto alle persone che seguono questo progetto che andremo dall’altra parte”, ha detto.

“Oggi il mondo potrebbe crollare. Ma, il mese prossimo, il sole splenderà sulla mia faccia. Lo abbiamo fatto su questa nave, abbiamo ottenuto questo visto, abbiamo attraversato il confine … noi fa l’impossibile “.

source–>http://rss.cnn.com/~r/rss/edition_travel/~3/NFqxk6ynl0Q/index.html

We will be happy to hear your thoughts

Leave a reply

FPSGAMES.IT È PARTECIPANTE AL PROGRAMMA ASSOCIATI DI AMAZON SERVICES LLC, UN PROGRAMMA DI PUBBLICITÀ AFFILIATO PROGETTATO PER FORNIRE AI SITI UN MEZZO PER GUADAGNARE TASSE PUBBLICITARIE IN E IN CONNESSIONE CON AMAZON.IT. AMAZON, IL LOGO AMAZON, AMAZONSUPPLY E IL LOGO AMAZONSUPPLY SONO MARCHI DI AMAZON.IT, INC. O LE SUE AFFILIATE. COME ASSOCIATO DI AMAZON, GUADAGNIAMO COMMISSIONI AFFILIATE SUGLI ACQUISTI IDONEI. GRAZIE, AMAZON PER AIUTARCI A PAGARE LE NOSTRE TARIFFE DEL SITO! TUTTE LE IMMAGINI DEL PRODOTTO SONO DI PROPRIETÀ DI AMAZON.IT E DEI SUOI ​​VENDITORI.
FPSGames.IT