“Crazy House” in Vietnam: la strana storia dell’Hang Nga Guesthouse a Dalat

(CNN) – Selvaggio, strano, meraviglioso … ci sono molti modi per descrivere la Crazy House (nota anche come Hang Nga Guesthouse) a Dalat, una rilassata località del sud Vietnam.

Una cosa è certa: questo complesso “pazzo” è unico nel suo genere.

In netto contrasto con le ville coloniali francesi di Dalat, la strana pensione d’avanguardia è un labirinto di scale a chiocciola, stanze scultoree, superfici ondulate, vortici vivi, ponti stretti e angoli nascosti.

L’artista dietro la struttura, Dang Viet Nga, 79 anni, afferma che è la massima espressione della sua immaginazione.

“Crazy House è il culmine della mia vita e della mia creatività – tutto si è riunito in questa struttura”, ha detto Dang, figlia dell’ex segretario generale vietnamita Truong Chinh. Attrazioni turistiche della CNN.

“Volevo creare qualcosa di originale, pionieristico, diverso da qualsiasi altra cosa al mondo.”

Un esercizio di creatività

Dopo aver conseguito un dottorato in architettura a Mosca, Dang ha lavorato per diversi anni in Russia, quindi si è trasferita ad Hanoi, dove ha lavorato a progetti governativi.

Durante un viaggio d’affari a Dalat, Dang dice che si è innamorata della campagna lussureggiante, del clima più fresco e delle persone simpatiche e sperava di trasferirsi lì.

Nel 1983 si trasferisce a Dalat con il figlio di 8 anni, Nguyen Viet Thang.

Dopo anni di lavoro su sviluppi pubblici, che hanno lasciato poca creatività, si è sentita in dovere di dare libero sfogo alla sua immaginazione.

La casa pazza ha 10 stanze, ognuna intitolata a un animale o una pianta.

La casa pazza ha 10 stanze, ognuna intitolata a un animale o una pianta.

Per gentile concessione di Crazy House

Nel febbraio 1990, ha sviluppato piani per Crazy House. Ma al posto dei piani, ha creato una serie di dipinti per comunicare la sua visione fantastica.

Come forma di architettura espressionista, la casa non ha angoli retti, ma piuttosto forme organiche progettate per riflettere elementi naturali, come funghi, conchiglie, grotte e ragnatele.

“Con questo modulo, devi cercare di liberare la mente”, dice. “Non ci sono regole – a parte i principi strutturali di base [to make sure it’s safe and stable] – è una questione di auto-espressione. “

Quando arrivò il momento di costruire la casa, Dang usò diversi tipi di materiali, tra cui acciaio, legno e cemento.

“Mia madre ha usato molto cemento perché è economica e molto facile da giocare”, ha detto suo figlio Nguyen, che ora ha 44 anni.

“Dal momento che può creare la forma che desidera, riflette ciò che immagina nella sua mente.”

Meno di un anno dopo, la pensione era aperta agli affari e ha dato il benvenuto ai suoi primi ospiti.

Più vicino alla natura

Oggi, Crazy House dà l’impressione che la fantasia dei boschi prende vita.

“Ho sentito che nel secolo scorso le persone hanno davvero distrutto la natura. Non solo in Vietnam, ma in tutto il mondo”, afferma Dang. “Quindi volevo creare una struttura che avvicini le persone alla natura”.

Un’alta casa principale, che sembra appartenere a Hansel e Gretel, si trova al centro di un cortile aperto, circondato da quattro enormi case sugli alberi.

Crazy House accoglie gli ospiti dal 1991.

Crazy House accoglie gli ospiti dal 1991.

Per gentile concessione di Crazy House

Avvolgenti “rami” di cemento che fungono anche da ponti, si attorcigliano e si avvolgono tra le diverse case in modo che le persone possano spostarsi dall’una all’altra.

A prima vista, le strutture surreali ricordano scene sconvolgenti di un dipinto di Salvador Dalì o forse anche delle opere organiche dell’architetto modernista catalano Antoni Gaudi.

Lo stile giocoso continua nelle case sugli alberi, dove 10 stanze – ognuna intitolata a un animale o un tipo di pianta – sono piene di forme organiche, letti simili a grotte e aree salotto in legno.

“Ricollegare la natura è un messaggio che voglio comunicare con la casa”, afferma Dang.

“Ma è anche un messaggio per gli altri di pensare fuori dagli schemi. Non limitarti a regole e aspettative: libera la tua mente e lascia correre la tua immaginazione.”

Seguendo i suoi stessi consigli, Dang continua a immaginare nuove aggiunte alla proprietà mentre Nguyen ora gestisce l’attività.

Attualmente sta immaginando due nuovi giardini – un giardino terrestre e un giardino celeste – per aggiungere più verde e fiori, oltre a un’altra casa sull’albero.

“Direi che Crazy House non sarà mai veramente finito”, afferma Nguyen. “È come un essere vivente. Cambia sempre.”

READ  L'Italia che investe (e ricomincia). Quindi consumi, mobilità e finanza cambieranno

Come visitare

Oltre a soggiornare in una delle camere del Crazy House, i visitatori possono anche visitare l’attrazione Dalat a pagamento. Sebbene non vi sia alcun ristorante, i visitatori possono acquistare bevande e snack da una bancarella nel giardino.

Un manicomio, Số 3 Đường Huỳnh Thúc Kháng, Phường 4, Thành phố Đà Lạt, Lâm Đồng, Vietnam; +84 263 3822 070

source–>http://rss.cnn.com/~r/rss/edition_asia/~3/Fo22wW7TKIo/index.html

We will be happy to hear your thoughts

Leave a reply

FPSGames.IT