Esplosione di Beirut: una grande esplosione vicino al porto scuote la capitale libanese

Inizialmente si pensava che la fonte dell’esplosione fosse un grande incendio in un deposito di petardi vicino al porto di Beirut, secondo quanto riportato dalla National News Agency.

L’esplosione ha causato un’enorme onda d’urto simile a una nuvola di funghi e ha danneggiato gli edifici a miglia di distanza dal porto, compreso il quartier generale dell’ex primo ministro Saad Hariri e l’ufficio della CNN nel centro di Beirut.

Una nuvola rossa si librava sulla città a seguito dell’esplosione mentre i vigili del fuoco si precipitavano sulla scena per cercare di spegnere l’incendio. Un gran numero di persone sono rimaste ferite nell’esplosione, hanno detto le autorità, e le riprese della scena hanno catturato i feriti mentre barcollavano per le strade della capitale.

Il ministro della sanità del paese ha ordinato a tutti gli ospedali della regione di prepararsi alle lesioni.

Le case nel raggio di 10 chilometri sono state danneggiate, hanno riferito testimoni. Un residente di Beirut, che si trovava a diversi chilometri dal luogo dell’esplosione, disse che le sue finestre erano state distrutte dall’esplosione. “Quello che ho sentito è stato un terremoto”, ha detto Rania Masri alla CNN.

“L’appartamento ha tremato in senso orizzontale e all’improvviso è stato come un’esplosione e le finestre e le porte hanno scoppiato. Il vetro si è rotto. Molte case sono state danneggiate o distrutte.”

È una storia di rottura, altre da seguire.

source–>https://www.cnn.com/2020/08/04/middleeast/beirut-explosion-port-intl/index.html

READ  New York Times: Pompeo aveva risposto a domande scritte in un'indagine di sorveglianza su un accordo sulle armi in Arabia Saudita

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *