Gianluca Vialli ha ricevuto l’autorizzazione dal cancro del pancreas

Vialli, che ha giocato per la Sampdoria, la Juventus e il Chelsea prima di interpretare il ruolo di manager dei Blues nel 1998, ha avuto una carriera da club decorato e ha rappresentato il suo paese più di 50 volte.

Inizialmente si è ripreso dal cancro dopo aver ricevuto un trattamento nel 2018, ma la malattia è tornata l’anno scorso.

“Sto bene”, Vialli, 55 anni disse a La Repubblica da Londra. “A dicembre ho completato 17 mesi di chemioterapia, un ciclo di otto mesi e altri nove. È stato difficile, anche per qualcuno difficile come me, fisicamente e mentalmente.

“I test non hanno mostrato alcun segno della malattia. Sono felice, anche se lo dico sottovoce di essere al sicuro.

“Trovare la mia salute significa vedermi allo specchio, vedere crescere i capelli, non dovermi accigliare con una matita. Può sembrare strano al momento (della pandemia), rispetto a molti altri che sento molto fortunato “.

Il cancro del pancreas è noto per essere una delle forme più aggressive della malattia, con a tasso di sopravvivenza di circa il 5%.
Nonostante il ripristino della sua salute, Vialli voleva ricordare coloro che soffrirono in Italia a coronavirus pandemia.

“Mi sento in colpa per non essere in Lombardia … Penso a quelli che furono portati in ospedale e costretti a morire da soli, ai loro parenti vietato in caso di contagio, al funerale che non poteva essere celebrato “, ha aggiunto.

“È terribile, un test estremo, un tormento. Questa crisi lascerà enormi cicatrici sul paese; cicatrici emotive, morali ed economiche.”

L’Italia è stata particolarmente colpita dal coronavirus; più di 150.000 casi sono stati registrati, secondo la Johns Hopkins University, e il blocco del paese è stato ampliato fino al 3 maggio.

Vialli ha trascorso gran parte dei suoi giorni di gioco con la squadra italiana della Sampdoria negli anni ’80 e ’90, dove ha vinto il titolo di campione nel 1991 e tre titoli della Coppa Italia.

Gianluca Vialli è stato firmato dal Chelsea prima di assumere una posizione dirigenziale con il club.

Si trasferì alla Juventus nel 1992 e vinse la Champions League quattro anni dopo prima di trasferirsi al Chelsea.

READ  Carenza alimentare globale: ecco perché i negozi di alimentari non hanno quello che vuoi

Oltre al ruolo di manager dei Blues, ha anche guidato la squadra inglese di Watford.

Dopo la sua diagnosi iniziale di cancro, Vialli mi ha detto che provava un senso di “vergogna” a causa della malattia, aggiungendo che avrebbe indossato un maglione sotto la camicia in modo che nessuno potesse notare il suo fisico mutevole.

Attualmente ha un ruolo con la nazionale italiana a fianco del capo allenatore e dell’ex compagno di squadra della Sampdoria Roberto Mancini.

Livia Borghese a Roma ha contribuito a questo rapporto.

source–>http://rss.cnn.com/~r/rss/edition_sport/~3/RSefeoCrJ9c/index.html

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *