Gli africani a Guangzhou in allerta dopo molti senzatetto nel mezzo della crescente xenofobia mentre la Cina combatte la seconda ondata di coronavirus

Nella città del sud della Cina, gli africani sono stati sfrattati dalle loro case dai proprietari di hotel e sono tornati indietro, anche se molti sostengono di non avere precedenti di viaggi o contatti noti con pazienti di Covid-19.

La CNN ha intervistato più di due dozzine di africani che vivono a Guangzhou, molti dei quali hanno raccontato le stesse esperienze: essere rimasti senza casa, testati a caso per Covid-19 ed essere messi in quarantena per 14 giorni nelle loro case, nonostante il fatto che assenza di sintomi o contatto con pazienti noti.

Le autorità sanitarie della provincia del Guangdong e l’Ufficio di pubblica sicurezza di Guangzhou non hanno risposto alla richiesta di commento della CNN.

Ma un aspetto dei dati ha ricevuto relativamente meno attenzione da parte del pubblico: il 26 marzo il vice ministro degli Esteri Luo Zhaohui mi ha detto Il 90% dei casi importati dalla Cina era in possesso di un passaporto cinese.
Il portavoce del ministero degli Esteri ha detto giovedì pomeriggio Zhao Lijian ha dichiarato: “Dall’inizio dell’epidemia di coronavirus, la Cina e i paesi africani si sono sempre sostenuti a vicenda e hanno sempre combattuto il virus congiuntamente.

“Vorrei sottolineare che il governo cinese tratta tutti gli stranieri in Cina allo stesso modo, si oppone a qualsiasi pratica differenziata rivolta a gruppi specifici di persone e non ha tolleranza per le parole e le azioni discriminatorie”.

I casi attivano il gioco

Guangzhou ha da tempo la più grande comunità africana in Cina. Poiché molti africani in città hanno un visto di lavoro a breve termine, viaggiano in Cina più volte all’anno, rendendo difficile calcolare la dimensione della popolazione africana della città. Ma nel 2017, intorno 320 000 Gli africani sono entrati o hanno lasciato la Cina attraverso Guangzhou, secondo Xinhua.
I residenti africani dicono locale ostilità non c’è nulla di nuovo nella loro presenza. Ma quando i casi di coronavirus sono comparsi nella comunità africana questo mese, si sono aggiunti alle tensioni esistenti.
UNA rapporto il 4 aprile, ha affermato che un cittadino nigeriano con Covid-19 ha attaccato un’infermiera cinese che ha cercato di impedirgli di lasciare un’unità di isolamento in un ospedale di Guangzhou. Il rapporto è stato ampiamente diffuso sui social media e gli africani locali della CNN hanno parlato per dire che è seguita una reazione razzista contro la comunità africana.

Il 7 aprile, le autorità di Guangzhou hanno dichiarato che cinque nigeriani erano risultati positivi per Covid-19.

Temendo una riunificazione all’interno della comunità africana, le autorità di Guangzhou hanno migliorato il livello di rischio di Yuexiu e Baiyun, le aree che ospitano le due enclavi africane della città, da basse a medie, appartenenti allo stato Global Times segnalati.

Il governo locale ha riferito martedì 111 casi importati da Covid-19 a Guangzhou, con 28 pazienti dal Regno Unito e 18 dagli Stati Uniti. Nelle interviste con la CNN, cittadini statunitensi e britannici a Guangzhou hanno dichiarato di non aver sentito parlare di prove forzate, sfratto a domicilio e ulteriori misure di quarantena imposte ai membri delle loro comunità.

Sabato, tuttavia, il consolato americano a Guangzhou ha avvertito gli afro-americani di evitare di recarsi in città.

“In risposta a un aumento delle infezioni da Covid-19, le autorità dell’area metropolitana di Guangzhou hanno intensificato l’esame dei cittadini stranieri”, ha affermato il consolato in una nota. “Come parte della campagna, la polizia ha ordinato a bar e ristoranti di non servire i clienti che sembrano essere di origine africana. Inoltre, i funzionari locali hanno lanciato una serie di test obbligatori per Covid-19, seguito da “auto-quarantena obbligatoria, per chiunque abbia contatti africani”, indipendentemente dalla storia recente del viaggio o dalla quarantena precedente.

“Gli afro-americani hanno anche riferito che alcune aziende e hotel si rifiutano di fare affari con loro”.

Senzatetto a Guangzhou

Il 21 marzo, il commerciante nigeriano Chuk, che non voleva usare il suo nome completo per paura di rappresaglie governative, tornò a Guangzhou, la sua casa dal 2009. Con i casi di coronavirus della Cina apparentemente sotto controllo, voleva riprendere le sue operazioni. attività commerciali, che erano state contrastate dalla pandemia.

La regione intorno a Guangzhou è un cuore manifatturiero, dove molti africani acquistano prodotti economici da rivendere a casa.

Chuk tornò sette giorni prima che la Cina chiudesse la maggior parte dei suoi confini cittadini stranieri, ma quando arrivò, disse che gli era stato detto che doveva entrare in quarantena governativa in un hotel per due settimane.

Come commerciante, Chuk viaggia spesso ed è abituato a soggiornare in hotel durante il suo soggiorno in Cina.

Ma martedì, Chuk ha detto che quando è stato rilasciato, insieme ad altri 15 africani, con una salute sana, sono effettivamente diventati senzatetto.

Gli africani dormono per strada a Guangzhou dopo essere stati incapaci di trovare riparo.

“Siamo andati in hotel con il certificato, ma siamo stati respinti”, ha detto. Il gruppo è andato alla stazione di polizia per riferire che gli hotel si sono rifiutati di lasciare gli africani, ma “si sono rifiutati di parlare con noi”.

L’Ufficio di pubblica sicurezza di Guangzhou, che sovrintende alla polizia, non ha risposto alla richiesta della CNN di commentare gli eventi descritti da chiunque sia stato intervistato dalla CNN.

Chuk dice che non ha avuto altra scelta che dormire per due notti prima di trovare il divano di un amico in cui schiantarsi. “La pioggia è caduta quel giorno e il giorno successivo e siamo stati tutti inzuppati e le nostre cose inzuppate”, ha detto.

La sua storia è stata ripresa da altri che hanno parlato alla CNN.

All’inizio di questa settimana, le immagini sono iniziate in circolazione online file di africani che dormono nelle strade di Guangzhou, vicino ai loro bagagli, dopo essere stati sfrattati dai loro appartamenti o allontanati dagli hotel. Altri video mostrano la polizia che molesta gli africani per strada.

Giovedì la CNN ha chiamato 12 hotel a Guangzhou che desideravano prenotare una camera per un ospite africano, ed è stato informato da 10 che non avrebbero più accettato “ospiti stranieri”.

Nel frattempo, diversi africani incontrati dalla CNN hanno dichiarato di essere stati brutalmente sfrattati dalle loro case.

Nessuno aveva prove di una direttiva del governo che chiedesse ai proprietari o agli hotel di rifiutare o rifiutare gli estranei. Al contrario, dicono, queste decisioni sembrano essere prese da individui e imprenditori.

Mercoledì scorso, il commerciante nigeriano Nonso, il cui nome è stato cambiato per proteggere la sua identità per paura di rappresaglie governative, ha dichiarato che lui e la sua ragazza avevano ricevuto un messaggio dal loro proprietario alle 19:00. su WeChat, un’app di messaggistica cinese, che afferma che dovevano lasciare il loro appartamento prima delle 20:00 “Le ho detto che non potevo partire tra un’ora”, ha detto Nonso, che paga 1.500 yuan ($ 212) al mese per il suo appartamento a Nanhai, appena fuori Guangzhou, e ha vissuto in Cina per tre anni.

Alle 22:00 dice che il suo proprietario è venuto all’appartamento e ha interrotto la fornitura di elettricità e acqua.

“Ho chiesto loro, cosa ho fatto? Ho pagato l’affitto fino a settembre con un deposito di due mesi. Non mi hanno dato motivo”, ha detto.

Nonso ha chiamato la polizia, che li ha lasciati nell’appartamento per la notte. Ma la mattina, Nonso disse che il proprietario tornò con un altro ufficiale, che disse che doveva andarsene. Nonso dice che è stato difficile trovare un nuovo appartamento da affittare. “Abbiamo contattato molti agenti, nessuno dei quali affittato a stranieri neri”, ha detto.

Chris Leslie, anch’egli nigeriano, ha dichiarato di essere stato brutalmente sfrattato dal suo appartamento di Guangzhou giovedì, sebbene fosse in affitto e avesse un contratto valido. Non aveva un posto dove dormire quella notte. “Sto solo andando fuori”, ha detto. “È così patetico. In un paese in cui le persone non ti accettano e non ti criticano, è solo un’umiliazione amara. La cosa più importante è avere un posto per dormire.”

Giovedì, diversi gruppi di volontari sono emersi su WeChat, per lo più popolati da dozzine di altri stranieri, radunandosi attorno agli sfollati africani, organizzando cibo, maschere e forniture igieniche per coloro che hanno vagato per le strade di Guangzhou senza letto.

Katie Smith, un’americana che vive a Guangzhou con il suo fidanzato marocchino, ha effettuato due consegne ai senzatetto africani giovedì. Il suo nome è stato cambiato per proteggere la sua identità, poiché anche lei teme rappresaglie da parte delle autorità locali.

“Mentre percorrevamo la strada, abbiamo visto molti africani andare in giro”, ha detto Smith. “La polizia è arrivata e ha detto che non potevano restare lì. Non li lasciano riunire in gruppi. Quindi vanno su e giù per le strade senza nessun posto dove andare.”

I video ripresi da un membro di uno dei gruppi di volontari WeChat, visti dalla CNN, mostrano la polizia che cerca di impedire ai volontari di aiutare gli africani.

“Essendo una persona di colore che vive in Cina in questo momento, è piuttosto spaventoso”, ha detto tramite WeChat un volontario che non voleva che il suo nome venisse rilasciato per motivi simili. “Non usare la comunità africana / nera come capro espiatorio per il virus.”

Discriminazione dei casi importati

I cinque nigeriani confermarono che Covid-19 era stato otto ristoranti, nove hotel e 12 luoghi pubblici prima di essere testati positivi, secondo il Global Times gestito dallo stato.

Da allora, gli africani nella provincia del Guangdong hanno riferito di essere stati testati a casa, sebbene non abbiano precedenti di viaggio o contatti con un paziente Covid-19.

Maano Gaasite, uno studente internazionale del Botswana presso un’università di Guangzhou, ha detto che alle 15:00. Domenica, ha ricevuto un messaggio WeChat dal suo amministratore del corso dicendo che avrebbe dovuto essere testata, anche se non ha lasciato la Cina per più di sei mesi.

Un ristorante africano nella zona di San Yuan Li a Guangzhou, vicino al quale cinque nigeriani si sono dimostrati positivi per il virus.

“È stato solo quando sono arrivato che ho capito che c’erano solo studenti africani. Ci sono altri studenti indiani (nelle mie residenze, ma) non erano tutti lì. Solo la nostra piccola comunità (di africani) “, ha detto. Gli ufficiali hanno preso un batuffolo di cotone dalla parte posteriore della gola e hanno detto che avrebbero chiamato se avesse avuto il virus. Lei non ha mai sentito.

Come studentessa, Gaasite afferma di non avere contatti con la comunità imprenditoriale nigeriana.

Nel frattempo, a Shenzhen, una città a circa 140 chilometri a sud di Guangzhou, Youssouf, un senegalese che non voleva rivelare il suo cognome per motivi di sicurezza, ha detto che alle 13:00. Mercoledì le autorità cinesi sono venute nell’appartamento che condivide con la moglie canadese in una residenza con molti residenti stranieri.

La polizia viene a casa di un residente africano a Pechino.

“Hanno bussato alla porta. Un ragazzo mi ha mostrato il suo telefono con il mio indirizzo completo, il mio nome completo e il mio paese”, ha detto Youssouf. Ha detto a Youssouf di andare in ospedale prima delle 17:00. per essere testato. Youssouf chiese se volessero anche provare la moglie canadese. Nessuna delle due coppie aveva lasciato la Cina negli ultimi 12 mesi.

“Hanno detto: ‘No, stiamo solo testando gli africani’ ‘, ha detto Youssouf. Il Canada ha più di 20.000 casi confermati di coronavirus ed è nella lista dei paesi ad alto rischio del Ministero degli Esteri cinese.

La Commissione Sanitaria Municipale di Shenzhen non ha risposto alla richiesta di commento della CNN.

“Gli africani non sono i benvenuti in Cina. Siamo stati discriminati in diverse occasioni”, ha detto.

Gli africani in Cina si sono lamentati a lungo del razzismo, sotto forma di cinesi che si tappano il naso mentre passano, razzisti Annunci in televisione e attori cinesi in nero durante un gala nazionale.
All’inizio di quest’anno, quando Pechino ha proposto cambiamento alle sue leggi sull’immigrazione relative alla residenza permanente, è emersa una brutale reazione sul sito cinese di social media Weibo contro gli africani. Da allora molti commenti sono stati cancellati dalla piattaforma.
Gli africani si trovano di fronte all'hotel Don Franc a Guangzhou, prima della crisi del coronavirus.

Africani bloccati

Smith, espatriato americano che ha contribuito a coordinare la consegna del cibo, vive a Guangzhou con il suo fidanzato marocchino.

Alla fine di febbraio, la coppia è andata in vacanza in Malesia. Tornò il 17 marzo e disse che le era stato chiesto di isolarsi a casa per 14 giorni. È tornato il 25 marzo e ha affermato di essere entrato in una struttura di quarantena del governo, pagando 400 yuan ($ 56) a notte in un hotel designato, ed è emerso mercoledì dopo essere stato testato due volte in negativo.

I funzionari sanitari sono venuti all’appartamento della coppia giovedì e hanno detto che il partner di Smith, che non voleva essere identificato nella stanza, avrebbe dovuto essere messo in quarantena a casa per 14 giorni, come tutti gli africani nel la città veniva presa in custodia, disse Smith. .

Smith ha detto che il suo datore di lavoro, una scuola internazionale a Guangzhou, è stato informato giovedì che tutti gli africani dovrebbero essere presi in custodia a causa del numero di dipendenti sudafricani. La CNN ha parlato con molti altri africani che sono stati visitati dalle autorità giovedì e ha detto loro che dovevano essere messi in quarantena a casa per 14 giorni. Dicono che la polizia ha messo in allarme le loro porte di casa, che avviseranno i funzionari se escono di casa.

Non ci sono state dichiarazioni pubbliche che confermano o confutano l’esistenza di una politica ufficiale in merito a tali misure.

A Smith fu detto che se avesse scelto di non vivere nell’appartamento che condivideva con il suo ragazzo africano, che aveva due test negativi per il virus, non avrebbe dovuto essere messa in quarantena. “A Guangzhou c’è risentimento per il fatto che molti africani sono visti qui illegalmente e che rimangono troppo a lungo”, ha detto Smith. “C’è stato uno sforzo a Guangzhou per farli uscire. Era una scusa facile per espellere questa comunità.”

La polizia viene a casa di un residente africano a Pechino.

Quando le autorità sono arrivate nell’appartamento di Peter Busari a Guangzhou per metterlo alla prova mercoledì, ha filmato lo scambio ed è andato in diretta su Facebook. Questa sequenza mostra anche i funzionari che chiedono di vedere il suo passaporto e di verificare il visto.

Wang Wei, uno studente di dottorato presso l’Università di Hong Kong, che ha studiato la comunità africana a Guangzhou per diversi anni, ha affermato che i test sugli africani hanno anche permesso al governo di effettuare un controllo del passaporto di massa.

“Minaccia africani senza documenti”, ha detto. “Ufficialmente, gli stranieri africani (a Guangzhou) stanno diminuendo ogni anno, ma sappiamo tutti che gli africani privi di documenti vivono ancora in questo circolo facendo affari sottoterra o tramite broker. Ma a causa della pandemia, lo faranno esposto “.

Coloro che sono stati superati per i loro visti saranno presi in custodia dalla polizia, gli verrà chiesto di pagare una multa di 10.000 yuan ($ 1,421) e spesso addebitati il ​​biglietto aereo per il loro paese d’origine, ha detto Wang.

Roberto Castillo, assistente professore alla Lingnan University, che ha studiato la comunità africana a Guangzhou per quasi un decennio, afferma che il distretto di Yuexiu, dove sono stati trovati i casi nidiani di Covid-19, è “storicamente un luogo dove la comunità africana è più in tensione con le autorità “ed era un sito problematico durante la crisi dell’Ebola del 2014, quando gli africani di tutte le nazionalità furono arrestati e controllati, sia dai paesi colpiti .

I migranti africani abbandonano il sogno cinese
Nel 2009, una rivolta tra gli africani è scoppiata a Yuexiu dopo che un nigeriano ferito che, secondo quanto riferito, era privo di documenti è stato ferito salto di un edificio per evitare il controllo dei passaporti.
Gli africani a Guangzhou furono incoraggiati partire la città negli ultimi anni attraverso una serie di politiche sull’immigrazione, sviluppi economici e il rafforzamento delle forze di polizia.

Nel frattempo, giovedì, gli africani in Cina hanno dichiarato che la repressione degli africani è stata più ampia di Guangzhou. Una famiglia ghanese a Pechino, senza precedenti di viaggi o contatti con Covid-19, ha riferito che la polizia è venuta a casa loro giovedì mattina presto e ha ordinato loro di andarsene. L’ambasciata del Ghana a Pechino ha confermato che due cittadini del Ghana attualmente stanno cercando rifugio lì, ma ha rifiutato di commentare. Anche gli africani di Chengdu e della provincia del Fujian hanno riferito alla CNN di essere stati visitati dai leader della comunità.

Relazioni Cina-Africa

“Perché siamo discriminati in questo modo? Non ci sono cinesi in Africa?” Si sente un africano chiedere a un ufficiale di polizia cinese per strada a Guangzhou, in un video girato giovedì sera, mentre molti affrontano un’altra notte assonnata per le strade della città.

Questa è una domanda che parla delle implicazioni che un giro di vite sugli africani in Cina potrebbe avere sulle relazioni bilaterali di Pechino con i governi del continente, che hanno corteggiato con investimenti per decenni e in cui il sentimento anti-cinese sta già esplodendo. Si stima che circa 1 milione di cinesi vivano in Africa.
su cinguettio, un utente ha notato che il Kenya permesso un aereo di cittadini cinesi sbarcare a Nairobi al culmine della crisi cinese, ma quando il virus raggiunse l’Africa, la stessa compassione non era stata dimostrata a Guangzhou.

Giovedì sera tardi, ora locale ad Abuja, il ministro degli Esteri nigeriano Geoffrey Onyeama ha twittato di aver invitato l’ambasciatore cinese in Nigeria, Zhou Pingjian, a comunicare “l’estrema preoccupazione del suo governo per le accuse maltrattamenti di nigeriani a Guangzhou “.

La Cina ha cercato di posizionarsi come un amico degli stati africani mentre combattono il virus. Li Mingzhu, funzionario della National Health Commission, mi ha detto All’inizio di questo mese, la Cina ha inviato squadre mediche nei paesi africani per 57 anni e continuerà a offrire assistenza ai paesi africani per migliorare la loro capacità di combattere la nuova epidemia di coronavirus.

Ma non tutti i paesi africani ne sono soddisfatti.

Il ministro delle finanze del Ghana ha invitato la Cina a alleggerire i debiti dei paesi africani all’inizio di questo mese, mentre il 31 marzo Blessings Ramoba, presidente del Forum minerario del Sudafrica, ha twittato che il coronavirus aveva causato la perdita all’economia sudafricana “miliardi di rand”. “” Il governo cinese (sic) deve cancellare il debito del Sudafrica in rimorso “, ha detto.

Zhao Lijian, portavoce del ministero degli Esteri cinese, ha toccato il problema del debito all’inizio di questa settimana, dicendo: “Penso che la Cina risolverà le difficoltà di questi paesi attraverso consultazioni diplomatiche”.

Castillo ha detto che uno dei motivi per cui i cinesi stanno reprimendo gli africani a Guangzhou è che non si fidano del basso numero riportato da varie nazioni. Ma riconosci che potrebbe essere diplomaticamente imbarazzante.

“Questo è già un disastro di pubbliche relazioni per la Cina”, ha detto Castillo. “Quando lo fanno per gli estranei, aggrava solo la negatività.”

source–>http://rss.cnn.com/~r/rss/edition_asia/~3/ZhadNnZaq-U/index.html

News Reporter

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *