Gli agenti del GOP temono che Trump perderà sia la presidenza che la maggioranza del Senato

Oggi questo punto di vista è radicalmente cambiato.

“In altre parole, sono molto felice che il mio capo non partecipi al voto in questo ciclo”, ha dichiarato un alto funzionario del GOP al Senato.

Gli strateghi repubblicani sono sempre più preoccupati che Trump sia diretto alla sconfitta a novembre e che possa trascinare con sé altri repubblicani.

Sette agenti del GOP non direttamente associati alla campagna di rielezione del Presidente hanno dichiarato alla CNN che la risposta di Trump alla pandemia e il conseguente fallout economico hanno danneggiato significativamente la sua candidatura per un secondo mandato – e che gli effetti stanno iniziando a ferire i repubblicani in modo più ampio. Alcuni di questi ufficiali hanno chiesto di non essere identificati per parlare in modo più franco.

Molti affermano che i sondaggi pubblici che mostrano Trump dietro il presunto candidato democratico Joe Biden riflettono ciò che trovano nei loro sondaggi privati ​​e che la tendenza si sta diffondendo attraverso le principali razze del Senato. Il GOP aveva già avuto un difficile compito di difendere 23 seggi al Senato nel 2020. Il lavoro di protezione della sua magro maggioranza di 3 seggi è diventato solo più complicato con lo sviluppo della pandemia. Stati come l’Arizona e la Carolina del Nord, un tempo considerati la sede della vittoria delle gare del Senato, ora sembrano essere a rischio.
Guarda i sondaggi one-to-one di Trump e Biden
Trump stesso è avvisato dei problemi. Politico ha riferito questa settimana che due dei consiglieri politici esterni di Trump, Corey Lewandowski e David Bossie, hanno avvertito il presidente la scorsa settimana che il suo sostegno stava diminuendo in alcuni stati altalenanti.

Tutto ciò dimostra quanto sia difficile correre come presidente repubblicano quasi ovunque nel 2020. Gli strateghi che hanno parlato alla CNN temono che Trump sia diventato una responsabilità per i repubblicani che hanno bisogno di espandere la loro coalizione oltre dalla base dei sostenitori del presidente.

Mentre qualche mese fa, erano fiduciosi delle possibilità del partito a tutti i livelli, molti strateghi che hanno parlato con la CNN hanno abbassato le loro aspettative e ora stanno parlando in termini di minimizzare ciò che potrebbe preoccupare il GOP. Questo li lascia sperare in una sconfitta minore piuttosto che devastante, qualcosa che assomiglia alla stretta perdita di Mitt Romney nel 2012, quando i repubblicani persero due seggi al Senato, piuttosto che la performance di John McCain quattro anni dopo. presto, quando ne persero otto.

“I candidati repubblicani hanno bisogno di qualcosa di più simile a Romney nel ’12 e meno di McCain nel ’08”, ha dichiarato Liam Donovan, stratega del GOP a Washington.

Il timore più ampio tra i repubblicani è che le elezioni diventeranno un referendum sulla performance di Trump durante la pandemia. Insieme a un’economia del cratere, l’effetto potrebbe essere devastante sia deprimendo i fedeli repubblicani che scoraggiando gli elettori.

Questo pugno potrebbe far cadere il GOP a Washington – ed è quello che gli strateghi sperano che il team di rielezione del Presidente possa trasformare con successo la gara in una scelta tra Trump e un odioso Biden.

Ma questo sforzo è diventato sempre più difficile nel contesto di una pandemia che ha distrutto molti dei guadagni economici che i repubblicani speravano di basare sul loro argomento di rielezione.

“È l’unica cosa che (Trump) non può cambiare argomento”, ha detto uno stratega repubblicano. “Non è un avversario politico, non è così e non ha mai dovuto affrontare nulla del genere.”

È stato dimostrato che Trump non è in gran parte responsabile della recessione economica. Nell’ultimo sondaggio della CNN, dall’inizio di maggio, Trump ha un indice di approvazione complessivo del 45%. Mentre solo il 42% approva il modo in cui ha gestito la pandemia, il 50% ha ancora affermato di approvare la gestione dell’economia di Trump.

La campagna di Trump ha sostenuto che gli americani si affidano al presidente per gestire l’economia e lo sceglieranno come persona che guiderà la ripresa.

“Il messaggio economico risuona fortemente, soprattutto in un momento come questo”, ha dichiarato il direttore delle comunicazioni della campagna Trump Tim Murtaugh. “Il presidente Trump è chiaramente quello che ci riporta a questa posizione. Lo ha fatto una volta, lo farà di nuovo.”

Tuttavia la preoccupazione per i repubblicani oltre l’orbita di Trump è che se non ci sarà alcun segno di una recessione economica entro novembre, questo sarà un argomento impossibile per la campagna. Briscola.

“In assenza di una sorta di recupero a forma di V, molte persone pensano che sia morto in acqua”, ha detto lo stratega repubblicano.

La festa di Trump

Nei quattro anni successivi alla nomination al GOP, Trump ha consolidato la sua posizione all’interno del partito. Ciò rese più difficile per i repubblicani al Congresso prendere le distanze da lui senza sconvolgere la sua base. Questo, dicono i funzionari repubblicani, rischia di scacciare gli elettori che possono considerare il GOP ma non amano il presidente.

“È un ambiente molto, molto difficile. Se hai un diploma universitario e vivi in ​​periferia, non vuoi votare per noi”, ha detto un consulente di lunga data del Congresso repubblicano, che ha aggiunto che c’era una seria preoccupazione per il supporto sanguinante sia per gli anziani che per gli uomini autodescritti.

La preoccupazione principale del partito, secondo alcuni di questi repubblicani, dovrebbe essere quella di mantenere la maggioranza al Senato. Il compito richiede che i candidati al Senato facciano appello agli elettori suburbani che si sono rivolti ai democratici alle elezioni di metà mandato del 2018 in reazione a Trump.

Ma questo obiettivo è complicato dal modo in cui i candidati repubblicani dipendenti sono alla massima affluenza elettorale per il Presidente, anche negli Stati Uniti, la campagna di Trump non prevede di vincere. The GOP Sens. Cory Gardner in Colorado e Susan Collins nel Maine non possono permettersi una base Trump depressa nei loro stati, anche se stanno giocando la loro identità indipendente per vincere gli elettori swing.

E la preoccupazione per i repubblicani va oltre gli incumbent in pericolo – incluso Sens. Martha McSally dall’Arizona e Thom Tillis dalla Carolina del Nord. C’è anche la possibilità, in un brutto anno per Trump, che i seggi del Senato del GOP in Georgia e Montana saranno nei guai, ha affermato Donovan.

Distanza dal presidente

Nel frattempo, l’economia del cratere ha aumentato la necessità per i senatori repubblicani di differenziarsi sottilmente da Trump e dal suo bilancio. Scott Reed, direttore politico della Camera di commercio americana e veterano delle campagne repubblicane, ha affermato che una campagna elettorale presidenziale è “sempre” un referendum sul presidente uscente e sul suo partito.

Sebbene non sia di buon auspicio per i repubblicani se l’economia non migliora o un’altra ondata di virus emerge quest’estate, Reed ha affermato che il GOP non è stato necessariamente condannato. Il Congresso, ha osservato, sta vivendo un boom di popolarità relativa – 31% di supporto nell’ultimo sondaggio Gallup, il più alto in oltre un decennio, in parte grazie al passaggio di aiuti economici.

Reed afferma che gli operatori storici dovrebbero anche superare i loro risultati personali e localizzati e le aree in cui sono stati indipendenti da Trump senza alienare espressamente i repubblicani pro-Trump nei loro stati.

Gardner, ad esempio, ha affermato di essere “il capo architetto” per il piano di ricollocazione per la sede dell’Ufficio federale di gestione del territorio in Colorado, annunciato dall’amministrazione Trump lo scorso anno. Il primo senatore del GOP ha descritto la decisione come una vittoria bipartisan per gli stati occidentali, in cui la stragrande maggioranza delle terre è gestita dal governo federale e la vittoria di Gardner sulla burocrazia a Washington. Ha anche il vantaggio di avere poco a che fare con Trump stesso o la crisi economica.
E nella sua campagna per il quinto mandato, Collins fece molto affidamento sulla sua consolidata identità politica di centrist indipendente. Il suo più recente spot televisivo si vanta di essere stato nominato “il senatore più bipartisan degli Stati Uniti” per il settimo anno consecutivo dal Lugar Center dell’Università di Georgetown.

La linea mira a combattere la linea di critica più coerente dei democratici – che Collins ha votato per concordare con l’amministrazione Trump su tutto, dalle nomine giudiziarie all’assistenza sanitaria fino all’assoluzione del Presidente in caso di licenziamento – senza deve rinnegare se stesso Trump.

I repubblicani sottolineano che mentre i democratici e i gruppi di interesse progressista hanno già speso milioni in pubblicità televisive e digitali contro operatori storici, il GOP e i suoi stessi PAC alleati devono ancora impegnarsi completamente nella guerra aerea contro gli sfidanti Democratici.

“La verità è che nonostante siano stati spesi in modo schiacciante da gruppi liberali con soldi oscuri, i repubblicani sono ancora ben posizionati per detenere la maggioranza al Senato in autunno”, ha detto il portavoce del comitato Jesse Hunt. senatore repubblicano nazionale.

La campagna di Trump ha minimizzato le preoccupazioni dei repubblicani di basso livello, sottolineando che un GOP unificato offre le migliori possibilità di vincere a tutti i livelli a novembre.

“Ogni candidato che vuole vincere si candiderà alla presidenza”, ha affermato Erin Perrine, vicedirettore delle comunicazioni per la campagna di Trump. “Ha l’energia, l’entusiasmo e l’infrastruttura di base. Se sei un candidato, vorrai far parte di questo movimento.”

Ma ciò che affermano i professionisti repubblicani sarebbe estremamente utile se il Presidente sostenesse un messaggio incoraggiante per riportare il Paese dalla pandemia.

“Quando lo fa bene tre giorni di fila, aumenta davvero i suoi numeri”, ha detto Reed. “Abbiamo bisogno di prestazioni di comando sulla disciplina del messaggio.”

source–>https://www.cnn.com/2020/05/28/politics/republicans-trump-senate-2020-trouble/index.html

News Reporter

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *