Gli architetti austriaci trasformano il luogo di nascita di Hitler in una stazione di polizia

Scritto da Oscar Holland, CNN

L’Austria ha svelato i piani per trasformare il luogo di nascita di Adolf Hitler in una stazione di polizia dopo anni di dibattito e disputa legale sul sito controverso.

L’edificio a tre piani a Braunau am Inn, vicino al confine tedesco, dovrebbe subire una profonda revisione, che secondo le autorità gli impedirà di diventare un luogo di pellegrinaggio per simpatizzanti nazisti.

Hitler nacque in un appartamento nell’edificio il 20 aprile 1889, mentre suo padre lavorava come doganiere in città. La famiglia lasciò Braunau am Inn, che allora faceva parte dell’Austria-Ungheria, quando Hitler aveva tre anni.

Il piano per trasformare il sito in una stazione di polizia è stato annunciato per la prima volta lo scorso novembre, quando il Ministero degli Interni austriaco ha lanciato un concorso di progettazione a livello UE per il suo rinnovamento. Al momento, i funzionari detto alla CNN in una dichiarazione che la mossa potrebbe aiutare a dissuadere “l’attività nazionalsocialista”.
L'edificio in cui è nato Adolf Hitler, fotografato nel 2015.

L’edificio in cui è nato Adolf Hitler, fotografato nel 2015. Credito: Joe Klamar / AFP / Getty Images

La proposta vincente della ditta austriaca Marte.Marte Architects fu svelato in una conferenza stampa martedì. I modelli digitali mostrano un tetto a due falde allungato, con l’attuale facciata gialla sostituita da una bianca, in armonia con gli edifici vicini.

Il ministro degli interni Karl Nehammer ha dichiarato martedì alla conferenza stampa che la città è diventata “l’antitesi di tutto (Hitler)”, secondo un comunicato stampa del governo.

“Puoi riconoscere la cultura democratica di un paese trattando la sua storia e l’Austria ha impiegato molto tempo ad affrontare la sua storia”, ha detto. citato come dicendo durante l’annuncio. “Oggi stiamo aprendo un nuovo capitolo sulla nostra storica responsabilità”, ha aggiunto.

Dibattito in corso

Il destino dell’edificio è stato a lungo un problema controverso in città, dove molti desiderano demolire il doloroso promemoria del breve soggiorno di Hitler.

Nel 2012 il sindaco di Braunau am Inn, Johannes Waidbacher, ha riferito al quotidiano austriaco Der Standard che la città era già “stigmatizzata”. I tre anni che il dittatore nazista trascorse lì non furono “certamente non i più formativi” della sua vita, ha detto Waidbacher, aggiungendo: “Noi, come città di Braunau, non siamo quindi pronti ad assumere il responsabilità di … Seconda Guerra Mondiale (pausa fuori). “
Il ministro degli interni austriaco Karl Nehammer presenta il piano scelto per la revisione architettonica del luogo di nascita di Hitler

Il ministro degli interni austriaco Karl Nehammer presenta il piano scelto per la revisione architettonica del luogo di nascita di Hitler Credito: JOE KLAMAR / AFP / AFP via Getty Images

Altri hanno fatto pressioni affinché il sito fosse trasformato in un centro comunitario, soprannominato “Casa della responsabilità“, dove i giovani di tutto il mondo potevano incontrarsi e scoprire il passato.

Per decenni, il controverso edificio apparteneva a Gerlinde Pommer, la cui famiglia possedeva la proprietà prima della nascita di Hitler. Il Ministero degli Interni austriaco iniziò ad affittare il sito nel 1972, affittandolo a vari enti di beneficenza. Ma l’edificio è rimasto vuoto dall’ultimo occupante, un centro per disabili, ha lasciato l’ufficio nel 2011.

Quattro anni fa il governo anno Domini che la struttura sarebbe stata demolita. Ha quindi proceduto all’acquisizione forzata da Pommer, il ministero dell’Interno invocando una “speciale autorizzazione legale” per espropriare la proprietà.

Seguirono controversie legali sul sequestro e il risarcimento, durante i quali furono abbandonati i piani per demolire l’edificio.

L'esterno dell'edificio illustrato in digitale mock-up dallo studio di architettura austriaco Marte.Marte, che ha vinto un concorso per rinnovare il sito.

L’esterno dell’edificio illustrato in digitale mock-up dallo studio di architettura austriaco Marte.Marte, che ha vinto un concorso per rinnovare il sito. Credito: Marte.Marte

READ  Il crescente numero di coronavirus in Brasile suggerisce una settimana buia in vista

Dopo aver messo in sicurezza il sito, il governo austriaco rimase preoccupato di poter attirare i neonazisti e altri sostenitori dell’ideologia di Hitler. Annunciando la decisione di trasformarlo in una stazione di polizia l’anno scorso, il ministro degli Interni austriaco Wolfgang Peschorn ha dichiarato che “il futuro uso della casa da parte della polizia sarà un chiaro segnale che l’edificio non sarà mai usato per commemorare il nazionalsocialismo “. “

Attualmente, l’unico ricordo fisico del passato dell’edificio è una lapide commemorativa delle vittime del fascismo durante la seconda guerra mondiale. Installato nel 1989, poco prima del centenario della nascita di Hitler, la pietra recita come segue: “Per la pace, la libertà e la democrazia. Niente più fascismo. In memoria di milioni di morti”.

I lavori di ristrutturazione dell’edificio dovrebbero essere completati all’inizio del 2023 e costeranno circa 5 milioni di euro (5,6 milioni di dollari).

Altri edifici associati al dominio di Hitler furono ristrutturati nel dopoguerra. Il ritiro alpino del dittatore nazista, Eagle’s Nest, è ora a ristorante e destinazione turistica, mentre il sito del quartier generale del bunker polacco, Wolf’s Lair, ora contiene un hotel.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *