Gli astronomi hanno visto una stella danzare attorno a un buco nero. E dimostra che la teoria di Einstein era giusta

Questo motivo a rosetta è l’orbita di una stella, chiamata S2, attorno al buco nero supermassiccio al centro della nostra galassia della Via Lattea.

Questa è un’illustrazione dell’artista di SN2016aps, che secondo gli astronomi è la supernova più brillante mai vista.

Questa è un’illustrazione di un artista di una nana marrone, o di un oggetto “stella fallita”, e del suo campo magnetico. L’atmosfera e il campo magnetico della nana marrone ruotano a velocità diverse, il che ha permesso agli astronomi di determinare la velocità del vento sull’oggetto.

L’illustrazione di questo artista mostra un buco nero di massa intermedia che lacera una stella.

È l’impressione di un artista di una grande stella conosciuta come HD74423 e il suo compagno nano rosso molto più piccolo in un sistema stellare binario. La grande stella sembra pulsare solo da un lato, ed è deformata dall’attrazione gravitazionale della sua stella compagna a forma di lacrima.

È l’impressione di un artista di due nane bianche in procinto di fondersi. Mentre gli astronomi si aspettavano che causasse una supernova, hanno trovato un esempio di due stelle bianche nane sopravvissute alla fusione.

Una combinazione di telescopi spaziali e terrestri ha trovato prove della più grande esplosione osservata nell’universo. L’esplosione è stata creata da un buco nero nella galassia centrale dell’ammasso di Ofiuco, che ha distrutto getti e ha scavato una grande cavità nel gas caldo circostante.

La stella supergigante rossa Betelgeuse, nella costellazione di Orione, subisce una riduzione senza precedenti. Questa immagine è stata scattata a gennaio usando il grandissimo telescopio dell’Osservatorio europeo meridionale.

Questa nuova immagine ALMA mostra il risultato di una battaglia stellare: un ambiente gassoso complesso e magnifico che circonda il sistema stellare binario HD101584.

Lo Spitzer Space Telescope della NASA ha catturato la nebulosa tarantola in due lunghezze d’onda di luce infrarossa. Il rosso rappresenta il gas caldo, mentre le regioni blu sono polvere interstellare.

Un nano bianco, a sinistra, strappa materiale da un nano marrone, a destra, a circa 3000 anni luce dalla Terra.

Questa immagine mostra le orbite dei sei oggetti G al centro della nostra galassia, con il buco nero supermassiccio indicato da una croce bianca. Le stelle, il gas e la polvere sono sullo sfondo.

Dopo la morte delle stelle, espellono le loro particelle nello spazio, che a loro volta formano nuove stelle. In un caso, la polvere di stelle si incastonò in un meteorite che cadde sulla Terra. Questa illustrazione mostra che la polvere di stelle potrebbe fluire da fonti come la nebulosa dell’uovo per creare grani recuperati dal meteorite, che è atterrato in Australia.

L’antica stella del nord, Alpha Draconis o Thuban, è circondata qui da un’immagine del cielo settentrionale.

La galassia UGC 2885, soprannominata la “galassia Godzilla”, è forse la più grande dell’universo locale.

La galassia ospite di una radio veloce ripetitiva recentemente rintracciata è esplosa con il telescopio Gemini-Nord di 8 metri.

La regione centrale della Via Lattea è stata immaginata usando il grandissimo telescopio dell’Osservatorio europeo meridionale.

Questa è un’illustrazione dell’artista di come sarebbe il MAMBO-9 alla luce visibile. La galassia è molto polverosa e non ha ancora costruito la maggior parte delle sue stelle. I due componenti mostrano che la galassia è in fase di fusione.

Gli astronomi hanno trovato una stella nana bianca circondata da un disco di gas creato da un gigantesco pianeta di ghiaccio lacerato dalla sua gravità.

Le nuove misurazioni del buco nero al centro della galassia Holm 15A rivelano che è 40 miliardi di volte più massiccio del nostro sole, rendendolo il buco nero noto per essere il più pesante da misurare direttamente.

Sulla sinistra è visibile una vista ravvicinata di una cometa interstellare che attraversa il nostro sistema solare. Bene, gli astronomi hanno usato un’immagine della Terra per il confronto.

La galassia NGC 6240 ospita tre buchi neri supermassicci nel suo cuore.

I lampi di raggi gamma sono illustrati nell’illustrazione di questo artista. Possono essere innescati da stelle di collisione o di neutroni o dall’esplosione di una stella super massiccia, che collassa in un buco nero.

Due nuvole di gas simili a pavoni sono state trovate nella vicina galassia nana, la Grande nuvola di Magellano. In queste immagini del telescopio ALMA, il rosso e il verde evidenziano il gas molecolare mentre il blu mostra il gas idrogeno ionizzato.

Impressione dell’artista del grande buco nero della Via Lattea che proietta una stella dal centro della galassia.

La nebulosa Jack-o’-lantern si trova ai margini della Via Lattea. La luminosità della massiccia stella al suo centro ha creato spaventose lacune nella nebulosa che la fanno sembrare una zucca intagliata.

Questa nuova immagine del telescopio spaziale Hubble della NASA / ESA cattura due galassie di uguali dimensioni in una collisione che sembra assomigliare a una faccia spettrale. Questa osservazione è stata fatta il 19 giugno 2019 in luce visibile dalla telecamera avanzata del telescopio per i sondaggi.

Una nuova immagine SPHERE / VLT di Hygiea, che potrebbe essere il pianeta nano più piccolo del sistema solare fino ad oggi. Come oggetto nella fascia principale degli asteroidi, Hygiea soddisfa immediatamente tre delle quattro condizioni richieste per essere classificata come pianeta nano: orbita attorno al Sole, non è una luna e, a differenza di un pianeta , non cancellò il quartiere dalla sua orbita. Il requisito finale è che abbia una massa sufficiente per la propria gravità per disegnarlo in una forma approssimativamente sferica. Questo è ciò che hanno rivelato le osservazioni VLT su Hygiea.

Questa è la rappresentazione di un artista di come potrebbe apparire una massiccia galassia del primo universo. Il rendering mostra che la formazione stellare nella galassia illumina il gas circostante. Immagine di James Josephides / Swinburne Astronomy Productions, Christina Williams / Università dell’Arizona e Ivo Labbe / Swinburne.

Questa è un’illustrazione dell’artista di un disco di gas e polvere attorno alla stella HD 163296. Le lacune nel disco sono probabilmente la posizione dei pianeti che si formano.

Questa è un’immagine composita a due colori della cometa 2I / Borisov catturata dal telescopio Gemini Nord il 10 settembre.

Questa illustrazione mostra un giovane pianeta in formazione in un sistema stellare “a prova di bambino”.

Usando una simulazione, gli astronomi hanno fatto luce sui filamenti gassosi leggeri che formano la rete cosmica in una massa di enormi galassie.

La fotocamera a grande campo del telescopio spaziale Hubble ha osservato Saturno a giugno come il pianeta più vicino alla Terra quest’anno, circa 1,36 miliardi di km.

L’impressione dell’artista delle massicce esplosioni di radiazioni ionizzanti che esplodono dal centro della Via Lattea e colpiscono la corrente di Magellano.

Il dipinto Atacama Large Millimeter / submillimeter Array ha catturato questa immagine senza precedenti di due dischi circumstellari, in cui crescono le stelle del bambino, che si nutrono di materiale proveniente dal loro disco di nascita circostante.

Questa è un’illustrazione di un artista di come sembrerebbe una luna delle dimensioni di Nettuno in orbita attorno all’esopianeta gigante gassoso Kepler-1625b in un sistema stellare a 8000 anni luce dalla Terra. Potrebbe essere il primo exomoon mai scoperto.

Questa immagine a infrarossi dello Spitzer Space Telescope della NASA mostra una nuvola di gas e polvere riempita di bolle, gonfiate dal vento e dalle radiazioni di enormi giovani stelle. Ogni bolla è piena di centinaia o migliaia di stelle, che si formano da dense nuvole di gas e polvere.

È l’impressione di un artista della traiettoria della rapida radio che esplose FRB 181112 viaggiando da una galassia ospite lontana per raggiungere la Terra. Lungo la strada attraversò l’alone di una galassia.

Dopo essere passato troppo vicino a un buco nero supermassiccio, la stella nel design di questo artista viene strappata in un sottile flusso di gas, che viene quindi attirato attorno al buco nero e si schianta su se stesso, creando uno shock leggero e espellendo più materiale caldo.

Confronto del GJ 3512 con il sistema solare e altri sistemi planetari nani rossi vicini. I pianeti attorno a una stella di massa solare possono crescere fino a quando non iniziano ad accumulare gas e diventano pianeti giganti come Giove in pochi milioni di anni. Ma abbiamo pensato che piccole stelle come Proxima, TRAPPIST-1, la stella di Teegardern e GJ 3512, non potessero formare pianeti di massa di Giove.

Una collisione di tre galassie ha posto tre buchi neri supermassicci su un percorso accelerato tra loro in un sistema a un miliardo di anni luce dalla Terra.

2I / Borisov è la prima cometa interstellare osservata nel nostro sistema solare e solo il secondo visitatore interstellare osservato nel nostro sistema solare.

KIC 8462852, noto anche come Boyajian’s Star o Tabby’s Star, dista 1.000 anni luce da noi. È il 50% più grande del nostro sole e 1000 gradi più caldo. E non si comporta come qualsiasi altra stella, oscurando e schiarendo sporadicamente. La polvere attorno alla stella, mostrata qui nell’illustrazione di un artista, potrebbe essere la causa più probabile del suo strano comportamento.

È l’impressione di un artista che l’impulso di una massiccia stella di neutroni sia ritardato dal passaggio di una stella nana bianca tra la stella di neutroni e la Terra. Gli astronomi hanno rilevato la stella di neutroni più massiccia finora a causa di questo ritardo.

Il telescopio VISTA dell’Osservatorio europeo meridionale ha catturato un’immagine straordinaria della Grande nuvola di Magellano, uno dei nostri vicini galattici più vicini. La capacità del vicino infrarosso del telescopio presenta milioni di singole stelle.

Gli astronomi ritengono che la cometa C / 2019 Q4 potrebbe essere il secondo visitatore interstellare noto al nostro sistema solare. È stato avvistato per la prima volta il 30 agosto e fotografato dal telescopio Canada-Francia-Hawaii sulla Grande Isola delle Hawaii il 10 settembre 2019.

Una stella conosciuta come S0-2, raffigurata come l’oggetto blu e verde nell’illustrazione di questo artista, ha fatto il suo approccio più vicino al buco nero supermassiccio al centro della Via Lattea nel 2018. Ciò ha fornito un test per la teoria della relatività generale di Einstein.

Questa è un’immagine radio del centro galattico della Via Lattea. Le bolle radio scoperte da MeerKAT si estendono verticalmente sopra e sotto il piano della galassia.

Un kilanova è stato catturato dal telescopio spaziale Hubble nel 2016, visto qui accanto alla freccia rossa. Le Kilanovae sono enormi esplosioni che creano elementi pesanti come l’oro e il platino.

È la rappresentazione di un artista di un buco nero che sta per ingoiare una stella di neutroni. I rivelatori hanno segnalato questo possibile evento il 14 agosto.

L’illustrazione di questo artista mostra LHS 3844b, un esopianeta roccioso nelle vicinanze. È 1,3 volte la massa della Terra e orbita attorno a una nuova stella M-nana. La superficie del pianeta è probabilmente scura e coperta di materiale vulcanico raffreddato e non vi è atmosfera rilevabile.

Il concetto di un artista dell’esplosione di una stella massiccia in un denso ambiente stellare.

Il Galaxy NGC 5866 è a 44 milioni di anni luce dalla Terra. Sembra piatto perché possiamo solo vedere il suo bordo in questa immagine catturata dal telescopio spaziale Spitzer della NASA.

Il telescopio spaziale Hubble ha scattato un nuovo abbagliante ritratto di Giove, evidenziando i suoi colori vivaci e le nuvole vorticose nell’atmosfera.

È l’impressione di un artista delle antiche galassie enormi e distanti osservate con ALMA.

Nuvole di gas incandescente e stelle appena nate formano la nebulosa del gabbiano in uno dei bracci a spirale della Galassia della Via Lattea.

Un concetto artistico di come apparivano le prime stelle poco dopo il Big Bang.

La galassia a spirale NGC 2985 si trova a circa 70 milioni di anni luce dal nostro sistema solare nella costellazione dell’Orsa Maggiore.

All’inizio della storia dell’universo, la galassia della Via Lattea si scontrò con una galassia nana, a sinistra, che contribuì a formare l’anello e la struttura della nostra galassia, come viene chiamata oggi ‘hui.

Illustrazione di un artista di un disco sottile incorporato in un buco nero supermassiccio al centro della galassia a spirale NGC 3147, distante 130 milioni di anni luce.

Hubble ha catturato questa visione di una galassia a spirale chiamata NGC 972 che sembra fiorire con una nuova formazione stellare. Il bagliore arancione viene creato quando l’idrogeno gassoso reagisce alla luce intensa diffusa fuori dalle stelle del neonato vicino.

Ecco la galassia delle meduse JO201.

Il sistema stellare Eta Carinae, situato a 7.500 anni luce dalla Terra, esplose nel 1838 e il telescopio spaziale Hubble ne cattura ancora le conseguenze. Questa nuova immagine ultravioletta rivela nuvole di gas incandescenti che ricordano i fuochi d’artificio.

‘Oumuamua, il primo visitatore interstellare del nostro sistema solare, è mostrato nell’illustrazione di un artista.

È il rendering di un artista di antiche supernovae che ha bombardato la Terra con energia cosmica milioni di anni fa.

Impressione dell’artista del radiotelescopio CSIRO SKA Pathfinder australiano che trova un rapido scoppio della radio e ne determina la posizione precisa.

La galassia Whirlpool è stata catturata in diverse lunghezze d’onda della luce. A sinistra, un’immagine di luce visibile. L’immagine seguente combina luce visibile e infrarossa, mentre le due a destra mostrano diverse lunghezze d’onda della luce infrarossa.

Il telescopio spaziale Hubble ha trovato molecole C60 cariche elettricamente, in cui 60 atomi di carbonio sono disposti in una sfera cava che ricorda un pallone da calcio, nel mezzo interstellare tra i sistemi stellari.

Queste sono galassie ingrandite dietro grandi gruppi di galassie. Gli aloni rosa rivelano il gas che circonda le galassie distanti e la sua struttura. L’effetto lente gravitazionale dei cluster moltiplica le immagini delle galassie.

L’illustrazione di questo artista mostra un quasar blu al centro di una galassia.

Il rilevatore NICER della Stazione Spaziale Internazionale ha registrato 22 mesi di dati radiografici notturni per creare questa mappa dell’intero cielo.

Lo Spitzer Space Telescope della NASA ha catturato questo mosaico delle regioni di formazione stellare di Cefeo C e Cefeo B.

Il Galaxy NGC 4485 si è scontrato con il suo più grande vicino galattico NGC 4490 milioni di anni fa, portando alla creazione di nuove stelle viste sul lato destro dell’immagine.

Gli astronomi hanno sviluppato un mosaico dell’universo distante, chiamato Hubble Legacy Field, che documenta 16 anni di osservazioni dal telescopio spaziale Hubble. L’immagine contiene 200.000 galassie che risalgono a 13,3 miliardi di anni a soli 500 milioni di anni dopo il Big Bang.

Vista di un telescopio sul terreno della Grande Nuvola Magellanica, una galassia vicino alla nostra Via Lattea. L’inserto è stato preso dal telescopio spaziale Hubble e mostra uno degli ammassi stellari della galassia.

Una delle nebulose planetarie più luminose del cielo e scoperta per la prima volta nel 1878, la nebulosa NGC 7027 può essere vista verso la costellazione del Cigno.

L’asteroide 6478 Gault è visto con il telescopio spaziale Hubble della NASA / ESA, che mostra due code di detriti sottili simili a una cometa che ci dicono che l’asteroide si sta lentamente autodistruggendo. Le strisce luminose che circondano l’asteroide sono stelle di sfondo. L’asteroide Gault si trova a 214 milioni di chilometri dal Sole, tra le orbite di Marte e Giove.

Il guscio spettrale di questa immagine è una supernova e la scia luminosa che si allontana da essa è una pulsar.

Nascosto in uno degli angoli più bui della costellazione di Orione, questo pipistrello cosmico allarga le sue ali nebbiose attraverso lo spazio interstellare a duemila anni luce di distanza. È illuminato da giovani stelle incastonate nel suo nucleo – sebbene sia circondato da nuvole di polvere opache, i loro raggi di luce illuminano ancora la nebulosa.

In questa illustrazione, diversi anelli di polvere circondano il sole. Questi anelli si formano quando la gravità dei pianeti tira i granelli di polvere in orbita attorno al sole. Di recente, gli scienziati hanno rilevato un anello di polvere sull’orbita di Mercurio. Altri ipotizzano che la fonte dell’anello di polvere di Venere sia un gruppo di asteroidi co-orbitali mai rilevati prima.

È l’impressione di un artista degli ammassi stellari globulari che circondano la Via Lattea.

La visione dell’artista sulla vita su un pianeta in orbita attorno a un sistema di stelle binarie, visibile come due soli nel cielo.

Illustrazione di un artista di uno degli oggetti più distanti nel sistema solare mai osservati, VG18 2018 – noto anche come “Farout”. La tinta rosa suggerisce la presenza di ghiaccio. Non sappiamo ancora come sia “FarFarOut”.

Questo è un concetto dell’artista della minuscola luna Hippocamp che è stata scoperta dal telescopio spaziale Hubble. Solo 20 miglia di larghezza, potrebbe in effetti essere un frammento interrotto di una luna vicina molto più grande, Proteus, vista come una mezzaluna sullo sfondo.

In questa illustrazione, un asteroide (in basso a sinistra) si schianta sotto la potente gravità di LSPM J0207 + 3331, il nano bianco più antico e freddo conosciuto per essere circondato da un anello di detriti polverosi. Gli scienziati ritengono che il segnale a infrarossi proveniente dal sistema sia meglio spiegato da due anelli separati costituiti da polvere di asteroidi in rovina.

Impressione dell’artista del disco distorto e contorto della Via Lattea. Ciò si verifica quando le forze di rotazione del massiccio centro della galassia tirano sul disco esterno.

Si ritiene che questo oggetto della cintura di Kuiper del raggio di 1,3 chilometri (0,8 miglia) scoperto dai ricercatori ai margini del sistema solare sia lo stadio tra polvere e palle di ghiaccio e pianeti completamente formati.

Un selfie scattato dal rover Curiosity Mars della NASA su Vera Rubin Ridge prima di trasferirsi in una nuova posizione.

Il telescopio spaziale Hubble ha trovato una galassia nana nascosta dietro un grande ammasso di stelle che si trova nelle nostre vicinanze cosmiche. È così vecchio e vergine che i ricercatori lo hanno definito un “fossile vivente” dall’universo primordiale.

Come si sono formati enormi buchi neri nel primo universo? Il disco gassoso rotante di questo alone di materia oscura si rompe in tre ammassi che collassano sotto la loro stessa gravità per formare stelle supermassicci. Queste stelle crolleranno rapidamente e formeranno enormi buchi neri.

Lo Spitzer Space Telescope della NASA ha catturato questa immagine della Grande nuvola di Magellano, una galassia satellitare della nostra galassia della Via Lattea. Gli astrofisici ora credono che potrebbe scontrarsi con la nostra galassia in due miliardi di anni.

Un misterioso oggetto che brilla nel cielo, soprannominato “La mucca”, è stato catturato in tempo reale dai telescopi di tutto il mondo. Gli astronomi pensano che potrebbe essere la nascita di un buco nero o di una stella di neutroni o di una nuova classe di oggetti.

Un’illustrazione illustra il rilevamento di una radio ripetitiva rapida scoppiata da una fonte misteriosa a 3 miliardi di anni luce dalla Terra.

La cometa 46P / Wirtanen passerà a meno di 7 milioni di miglia dalla Terra il 16 dicembre. Il coma verde spettrale ha le dimensioni di Giove, anche se la cometa stessa ha un diametro di circa tre quarti di miglio.

Questa immagine a mosaico dell’asteroide Bennu è composta da 12 immagini PolyCam raccolte il 2 dicembre dal veicolo spaziale OSIRIS-REx ad una distanza di 15 miglia.

Questa immagine di un ammasso globulare di stelle del telescopio spaziale Hubble è una delle più antiche raccolte di stelle conosciute. Il cluster, chiamato NGC 6752, ha più di 10 miliardi di anni.

Un’immagine di Apep catturata con la videocamera VISIR sul grandissimo telescopio dell’Osservatorio europeo meridionale. È molto probabile che questo sistema stellare “mulino a vento” finisca con un’esplosione di raggi gamma di lunga durata.

Impressione dell’artista della galassia Abell 2597, che mostra il buco nero supermassiccio che espelle il gas molecolare freddo come la pompa di una gigantesca fontana intergalattica.

Un’immagine del Wild Duck Cluster, dove ogni stella ha circa 250 milioni di anni.

Queste immagini rivelano lo stadio finale di un’unione tra coppie di nuclei galattici nei nuclei disordinati delle galassie in collisione.

Un’immagine radio dell’idrogeno nella piccola nuvola di Magellano. Gli astronomi credono che la galassia nana stia lentamente morendo e alla fine verrà consumata dalla Via Lattea.

Altre prove di un buco nero supermassiccio nel centro della galassia della Via Lattea sono state trovate. Questa visualizzazione utilizza dati provenienti da simulazioni di movimenti orbitali di gas che turbinano intorno al 30% circa della velocità della luce in un’orbita circolare attorno al buco nero.

Ti sembra un pipistrello? Questa gigantesca ombra proviene da una stella luminosa che si riflette sul disco polveroso che la circonda.

Ehi, Bennu! La missione OSIRIS-REx della NASA, in rotta per incontrare l’asteroide primitivo Bennu, restituisce immagini mentre si avvicina al suo obiettivo del 3 dicembre.

Questi tre pannelli rivelano una supernova prima, durante e dopo che si sono verificati 920 milioni di anni luce dalla Terra (da sinistra a destra). La supernova, soprannominata iPTF14gqr, è insolita perché sebbene la stella sia massiccia, la sua esplosione fu rapida e debole. I ricercatori ritengono che ciò sia dovuto a una stella compagna che ha assorbito la sua massa.

Illustrazione di un artista del pianeta X, che potrebbe modellare le orbite di oggetti più piccoli del sistema solare esterno estremamente distanti come il TG387 del 2015.

Questo è un concetto artistico di come potrebbe apparire SIMP J01365663 + 0933473. È 12,7 volte la massa di Giove ma ha un campo magnetico 200 volte più forte di quello di Giove. Questo oggetto è a 20 anni luce dalla Terra. È al confine tra l’essere un pianeta o l’essere un nano bruno.

La galassia di Andromeda cannibalizzò e distrusse la galassia M32p, una volta grande, lasciando dietro di sé questo residuo di galassia compatto noto come M32. È completamente unico e contiene una moltitudine di giovani stelle.

Dodici nuove lune furono trovate intorno a Giove. Questo grafico mostra diversi raggruppamenti delle lune e delle loro orbite, le nuove scoperte sono indicate in grassetto.

Scienziati e osservatori di tutto il mondo sono stati in grado di rintracciare un neutrino ad alta energia in una galassia con un buco nero supermassiccio che ruota rapidamente al suo centro, noto come un blazar. La galassia si trova a sinistra della spalla di Orione nella sua costellazione ed è a circa 4 miliardi di anni luce dalla Terra.

I pianeti non appaiono solo dal nulla: richiedono gas, polvere e altri processi che non sono completamente compresi dagli astronomi. È l’impressione di un artista di come siano i pianeti “infantili” che si formano attorno a una giovane stella.

Queste immagini negative del 2015 BZ509, che è circondato dal giallo, mostrano il primo oggetto interstellare noto che è diventato una parte permanente del nostro sistema solare. L’ex-asteroide è stato probabilmente introdotto nel nostro sistema solare da un altro sistema stellare 4,5 miliardi di anni fa. Si stabilì quindi in un’orbita retrograda attorno a Giove.

Uno sguardo ravvicinato alla matrice di diamanti in un meteorite che è atterrato in Sudan nel 2008. Questa è considerata la prima prova di un proto-pianeta che ha contribuito a formare i pianeti terrestri nel nostro sistema solare.

2004 EW95 è il primo asteroide ricco di carbonio confermato nella fascia di Kuiper e una reliquia del sistema solare primordiale. Questo curioso oggetto si è probabilmente formato nella fascia degli asteroidi tra Marte e Giove prima di essere lanciato miliardi di chilometri nella sua attuale sede nella cintura di Kuiper.

Il telescopio spaziale Hubble della NASA / ESA celebra il suo 28 ° anniversario nello spazio con questa straordinaria e colorata immagine della nebulosa lagunare a 4000 anni luce dalla Terra. Mentre l’intera nebulosa misura 55 anni luce, questa immagine rivela solo una parte di circa quattro anni luce.

È una visione più stellata della nebulosa laguna, utilizzando le capacità a infrarossi di Hubble. Il motivo per cui puoi vedere più stelle è che l’infrarosso è in grado di passare attraverso nuvole di polvere e gas per rivelare l’abbondanza di due giovani stelle nella nebulosa, così come le stelle più distanti dietro -Piano.

La nebulosa Rosetta si trova a 5.000 anni luce dalla Terra. La nebulosa distintiva, che alcuni credono sia più simile a un teschio, ha un buco nel mezzo che crea l’illusione della sua forma rosa.

Questa pendenza interna di un cratere marziano presenta molte delle strisce scure stagionali chiamate “pendenza ricorrente lineare”, o RSL, che un rapporto di novembre 2017 interpreta come flussi granulari, piuttosto che oscuramento dovuto al flusso acqua. L’immagine proviene dalla telecamera HiRISE su Mars Reconnaissance Orbiter della NASA.

L’impressione di questo artista mostra un’esplosione di supernova, che contiene la luminosità di 100 milioni di soli. Il Supernova iPTF14hls, che è esploso più volte, è forse il più massiccio e il più resistente mai visto.

Questa illustrazione mostra i composti idrocarburici che si dividono in carbonio e idrogeno all’interno dei giganti del ghiaccio, come Nettuno, trasformandosi in “pioggia di diamanti (pioggia)”.

Questa immagine suggestiva è il presepe stellare della nebulosa di Orione, dove nascono le stelle. Il filamento rosso è una sezione di molecole di ammoniaca che misura 50 anni luce. Il blu rappresenta il gas della nebulosa di Orione. Questa immagine è un composto del telescopio Robert C. Byrd Green Bank e del Wide Field Infrared Explore Telescope della NASA. “Non capiamo ancora fino a che punto le grandi nuvole di gas nella nostra galassia collassano per formare nuove stelle”, ha affermato Rachel Friesen, uno dei principali investigatori della collaborazione. “Ma l’ammoniaca è un eccellente tracciante di gas denso e stellato.”

Questo è l’aspetto della Terra e della sua luna da Marte. L’immagine è un composto della migliore immagine della Terra e della migliore immagine della luna presa il 20 novembre 2016 da Mars Reconnaissance Orbiter della NASA. La fotocamera dell’orbiter scatta immagini in tre bande di lunghezze d’onda: infrarossi, rosso e blu-verde. Marte era a circa 127 milioni di chilometri dalla Terra quando furono scattate le immagini.

PGC 1000714 era inizialmente considerata una galassia ellittica comune, ma ulteriori analisi hanno rivelato la scoperta incredibilmente rara di una galassia di tipo Hoag. Ha un nucleo rotondo circondato da due anelli staccati.

Il veicolo spaziale Cassini della NASA ha catturato queste immagini del misterioso flusso a forma di esagono del pianeta nel dicembre 2016. L’esagono è stato scoperto sulle immagini prese dal veicolo spaziale Voyager nei primi anni ’80. ‘ha un diametro maggiore di due terre.

Una stella morta emette un bagliore verdastro in questa immagine dal telescopio spaziale Hubble della Nebulosa del Granchio, situato a circa 6.500 anni luce dalla Terra nella costellazione del Toro. La NASA ha rilasciato l’immagine per Halloween 2016 e ha giocato il tema nel suo comunicato stampa. L’agenzia ha affermato che “l’oggetto dall’aspetto macabro aveva ancora un impulso”. Al centro della nebulosa del granchio si trova il nucleo schiacciato, o “cuore” di una stella scoppiata. Il cuore gira 30 volte al secondo e produce un campo magnetico che genera 1 trilione di volt, ha detto la NASA.

Guardando attraverso le spesse nuvole di polvere dal rigonfiamento galattico, un team internazionale di astronomi ha rivelato l’insolita miscela di stelle nell’ammasso stellare noto come Terzan 5. I nuovi risultati indicano che Terzan 5 è uno dei mattoni primordiali del rigonfiamento, molto probabilmente la reliquia dei primissimi giorni della Via Lattea.

La concezione di un artista di Planet New, che sarebbe il pianeta più distante dal nostro sistema solare. Les orbites d’amas similaires d’objets extrêmes sur le bord de notre système solaire suggèrent qu’une planète massive s’y trouve.

Une illustration des orbites des nouveaux objets du système solaire extrêmement éloignés connus auparavant. Le regroupement de la plupart de leurs orbites indique qu’elles sont probablement influencées par quelque chose de massif et de très éloigné, la planète X proposée.

Dites bonjour à la galaxie noire Dragonfly 44. Comme notre Voie lactée, elle a un halo d’amas sphériques d’étoiles autour de son noyau.

Une nova classique se produit lorsqu’une étoile naine blanche gagne de la matière de son étoile secondaire (une naine rouge) sur une période de temps, provoquant une réaction thermonucléaire à la surface qui finit par éclater en une seule explosion visible. Cela crée une augmentation de 10 000 fois de la luminosité, représentée ici dans le rendu d’un artiste.

La lentille gravitationnelle et la déformation spatiale sont visibles dans cette image de galaxies proches et lointaines capturées par Hubble.

Au centre de notre galaxie, la Voie lactée, les chercheurs ont découvert une structure en forme de X au sein d’un groupe d’étoiles très compactes.

Rencontrez UGC 1382: ce que les astronomes pensaient être une galaxie elliptique normale (à gauche) s’est révélé être une galaxie à disque massive composée de différentes parties lorsqu’elle est vue avec des données optiques ultraviolettes et profondes (centre et droite). Dans une inversion complète de la structure normale de la galaxie, le centre est plus jeune que son disque spiral externe.

Le télescope spatial Hubble de la NASA a capturé cette image de la nébuleuse du crabe et de son «cœur qui bat», qui est une étoile à neutrons à droite des deux étoiles brillantes au centre de cette image. L’étoile à neutrons émet 30 impulsions par seconde. Les couleurs de l’arc-en-ciel sont visibles en raison du mouvement des matériaux dans la nébuleuse se produisant pendant le laps de temps de l’image.

Le télescope spatial Hubble a capturé une image d’une galaxie cachée plus faible qu’Andromède ou la Voie lactée. Cette galaxie à faible luminosité de surface, appelée UGC 477, se trouve à plus de 110 millions d’années-lumière dans la constellation des Poissons.

Le 19 avril, la NASA a publié de nouvelles images de cratères lumineux sur Ceres. Cette photo montre le cratère Haulani, qui présente des traces de glissements de terrain sur son bord. Les scientifiques pensent que certains cratères de la planète naine sont brillants car ils sont relativement nouveaux.

Cette illustration montre les millions de grains de poussière que la sonde Cassini de la NASA a échantillonnés près de Saturne. Quelques dizaines d’entre eux semblent provenir de l’extérieur de notre système solaire.

Cette image du télescope VLT Survey de l’Observatoire Paranal de l’ESO au Chili montre une concentration étonnante de galaxies connues sous le nom de Fornax Cluster, que l’on peut trouver dans l’hémisphère sud. Au centre de cet amas, au milieu des trois taches brillantes sur le côté gauche de l’image, se trouve une galaxie cD – un cannibale galactique qui a grandi en consommant des galaxies plus petites.

Cette image montre la région centrale de la nébuleuse de la tarentule dans le grand nuage magellanique. L’amas d’étoiles jeune et dense R136, qui contient des centaines d’étoiles massives, est visible en bas à droite de l’image prise par le télescope spatial Hubble.

En mars 2016, des astronomes ont publié un article sur les puissants éclairs rouges provenant du système binaire V404 Cygni en 2015. Cette illustration montre un trou noir, similaire à celui du V404 Cygni, dévorant du matériel provenant d’une étoile en orbite.

Cette image montre la galaxie elliptique NGC 4889, profondément enfouie dans l’amas de la galaxie Coma. Il y a un gigantesque trou noir supermassif au centre de la galaxie.

Vue d’artiste du 2MASS J2126, qui met 900 000 ans à orbiter autour de son étoile, à 1 billion de kilomètres.

Les chercheurs de Caltech ont trouvé des preuves d’une planète géante traçant une orbite bizarre et très allongée dans le système solaire externe. L’objet, surnommé Planet Nine, a une masse environ 10 fois supérieure à celle de la Terre et orbite environ 20 fois plus loin du soleil en moyenne que Neptune.

Une impression d’artiste de ce à quoi pourrait ressembler un trou noir. En février, des chercheurs chinois ont déclaré avoir repéré un trou noir super massif de 12 milliards de fois la taille du soleil.

Y a-t-il des océans sur l’une des lunes de Jupiter? La sonde Juice présentée dans l’impression de cet artiste vise à le découvrir. Avec l’aimable autorisation de l’ESA / AOES

Les astronomes ont découvert de puissantes aurores sur une naine brune à 20 années-lumière. Il s’agit d’un concept d’artiste du phénomène.

Vénus, le fond et Jupiter brillent brillamment au-dessus de Matthews, en Caroline du Nord, le lundi 29 juin. La rencontre rapprochée apparente, appelée conjonction, a donné un affichage éblouissant dans le ciel d’été. Bien que les deux planètes semblent être proches l’une de l’autre, elles sont en réalité à des millions de kilomètres l’une de l’autre.

Selon la NASA, la lune glacée Europa de Jupiter est peut-être le meilleur endroit du système solaire pour rechercher la vie extraterrestre. La lune a à peu près la taille de la lune terrestre, et il y a des preuves qu’elle a un océan sous sa croûte gelée qui peut contenir deux fois plus d’eau que la Terre. Le budget 2016 de la NASA comprend une demande de 30 millions de dollars pour planifier une mission d’enquête sur Europa. L’image ci-dessus a été prise par le vaisseau spatial Galileo le 25 novembre 1999. C’est une mosaïque de 12 images et est considérée comme la meilleure image à ce jour du côté d’Europa qui fait face à Jupiter.

Cette nébuleuse, ou nuage de gaz et de poussière, s’appelle RCW 34 ou Gum 19. Les zones les plus lumineuses que vous pouvez voir sont celles où le gaz est chauffé par les jeunes étoiles. Eventually the gas burst outward like champagne after a bottle is uncorked. Scientists call this champagne flow. This new image of the nebula was captured by the European Space Organization’s Very Large Telescope in Chile. RCW 34 is in the constellation Vela in the southern sky. The name means “sails of a ship” in Latin.

The Hubble Space Telescope captured images of Jupiter’s three great moons — Io, Callisto, and Europa — passing by at once.

Using powerful optics, astronomers have found a planet-like body, J1407b, with rings 200 times the size of Saturn’s. This is an artist’s depiction of the rings of planet J1407b, which are eclipsing a star.

A patch of stars appears to be missing in this image from the La Silla Observatory in Chile. But the stars are actually still there behind a cloud of gas and dust called Lynds Dark Nebula 483. The cloud is about 700 light years from Earth in the constellation Serpens (The Serpent).

This is the largest Hubble Space Telescope image ever assembled. It’s a portion of the galaxy next door, Andromeda (M31).

NASA has captured a stunning new image of the so-called “Pillars of Creation,” one of the space agency’s most iconic discoveries. The giant columns of cold gas, in a small region of the Eagle Nebula, were popularized by a similar image taken by the Hubble Space Telescope in 1995.

Astronomers using the Hubble Space pieced together this picture that shows a small section of space in the southern-hemisphere constellation Fornax. Within this deep-space image are 10,000 galaxies, going back in time as far as a few hundred million years after the Big Bang.

Planetary nebula Abell 33 appears ring-like in this image, taken using the European Southern Observatory’s Very Large Telescope. The blue bubble was created when an aging star shed its outer layers and a star in the foreground happened to align with it to create a “diamond engagement ring” effect.

This Hubble image looks a floating marble or a maybe a giant, disembodied eye. But it’s actually a nebula with a giant star at its center. Scientists think the star used to be 20 times more massive than our sun, but it’s dying and is destined to go supernova.

Composite image of B14-65666 showing the distributions of dust (red), oxygen (green), and carbon (blue), observed by ALMA and stars (white) observed by the Hubble Space Telescope.

Artist’s impression of the merging galaxies B14-65666 located 13 billion light years-away.

source–>https://www.cnn.com/2020/04/16/world/star-black-hole-dance-einstein-relativity-scn/index.html

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *