Gli attivisti affermano che il coinvolgimento saudita nell’acquisizione della squadra di calcio inglese è un tentativo di “abusi del regime bianco”

Tutto ciò potrebbe cambiare, ma resta da vedere.

Il fondo di investimento pubblico (PIF), presieduto dal principe ereditario saudita Mohammed bin Salman, fa parte di un consorzio tripartito che desidera acquistare il Newcastle United dalla parte della Premier League inglese dall’uomo d’affari Mike Ashley, chi gestisce Sports Direct.

L’accordo di acquisto di Newcastle è firmato da PCP Capital Partners, una società di venture capital e private equity guidata dalla donna d’affari britannica Amanda Staveley, insieme a PIF e la società di private equity e agenzia immobiliare Reuben Brothers.

“Posso confermare che Reuben Brothers fa parte del consorzio, ma non abbiamo altri commenti perché l’accordo non è ancora concluso. Per i motivi del coinvolgimento di PIF, è per PIF piuttosto che per PIF per noi commentare “, ha detto una dichiarazione di una società di pubbliche relazioni che rappresenta i Reuben Brothers inviata alla CNN.

Il principe ereditario dell'Arabia Saudita, Mohammed bin Salman, è presidente del Fondo per gli investimenti pubblici che sta cercando di acquistare azioni dal Newcastle United.

PCP non ha risposto alla richiesta di commento della CNN, sebbene i documenti finanziari relativi ai rapporti della società con Newcastle siano stati depositati presso la British Companies House.

Il Newcastle United e la Premier League hanno rifiutato di commentare l’acquisizione quando sono stati contattati dalla CNN, mentre una richiesta di commento da parte di Sports Direct è rimasta senza risposta.

Revisione dei diritti umani

Il PIF, che ha già ha versato miliardi in investimenti esteri a Londra, San Francisco e New York, è stato criticato prima della sua ultima potenziale acquisizione.

Secondo le regole della Premier League, i potenziali nuovi proprietari di club devono superare l’organizzazione e il test della persona appropriata.

Ma gli attivisti per i diritti umani hanno già una conclusione.

“Sembra essere stato sulle carte per un po ‘, quindi non è una sorpresa, ma dobbiamo ancora vederlo per quello che è: l’Arabia Saudita sta cercando di usare il glamour e il prestigio del calcio da La Premier League come strumento di pubbliche relazioni per distogliere l’attenzione dal terribile record sui diritti umani del Paese “, ha dichiarato Felix Jakens, responsabile delle campagne britanniche di Amnesty International.

READ  Scorte pre-mercato: la Cina potrebbe ancora emergere dalla pandemia

“C’è un nome per questo – si chiama” lavaggio sportivo “. Con il mondo in crisi a causa del coronavirus, c’è il rischio che questo accordo possa andare avanti senza il livello di controllo che “dovrebbe ricevere”.

Il centrocampista del Newcastle paraguaiano Miguel Almiron celebra il segno contro il West Brom nella Coppa d'Inghilterra.

Questa settimana, Amnesty ha anche scritto una lettera al capo della Premier League Richard Masters, affermando che la lega “rischia di diventare un capro espiatorio” se consente l’accordo.

L’Arabia Saudita è stata ampiamente criticata per il suo scarso record sui diritti umani, che, secondo l’amnistia, include tortura, molestie sessuali e maltrattamenti di attivisti, afferma il governo saudita.
Nel 2018, la CIA lo ha concluso bin Salman ha ordinato l’omicidio del giornalista Jamal Khashoggi, che il principe ereditario nega anche.
L’Arabia Saudita ha ospitato una serie di eventi sportivi globali negli ultimi anni, come ad esempio Supercoppa spagnola organizzato a Jeddah, il Gara di apertura del campionato di Formula E. e il forte rivincita tra Anthony Joshua e Andy Ruiz.

Il PIF non ha risposto alla richiesta di commento della CNN. La CNN ha anche richiesto una risposta saudita ufficiale, ma non aveva ricevuto una risposta al momento della pubblicazione.

Steve Bruce ha assunto il Newcastle l'anno scorso.

Rischio calcolato

La potenziale acquisizione di Newcastle ha tracciato parallelismi con Manchester City, che ha vinto un eccesso di argenteria a seguito di un investimento da parte dello sceicco reale di Abu Dhabi, anche se il club ha stato bandito per le prossime due stagioni della Champions League per aver infranto le regole del fair play finanziario. Man City ha definito le accuse “del tutto false” e impugnare la decisione.

“Stai investendo in infrastrutture e rigenerazione, ed è una decisione molto politicamente valida perché ti consente di ottenere il sostegno della classe politica della città e dà ai fan qualcosa da ricordare e ti fa anche molto soldi probabilmente allo stesso tempo “, ha detto a CNN Sport Nick McGeehan, direttore del gruppo per i diritti umani Fair Square.

READ  Novak Djokovic si opporrà alla vaccinazione obbligatoria per tornare a tennis

“Ha funzionato a Manchester e sarei molto sorpreso se non fosse il modello che stiamo guardando con Newcastle.”

Per quanto riguarda il cosiddetto “lavaggio sportivo”, McGeehan aggiunge che è spesso un rischio calcolato.

“Se capisco correttamente, questo significa usare lo sport per presentare un’immagine positiva di uno stato nella speranza che rafforzerà l’immagine dello stato – più liberale, più progressista, più tollerante di quanto l è “, dice.

“L’idea sbagliata è che imbiancherà gli abusi del regime. Non lo fa – in molti modi, ti mette sotto i riflettori.

“Ma è un vantaggio in termini di costi … molte persone non si preoccupano comunque dei diritti umani e molte persone hanno difficoltà a impegnarsi in violazioni dei diritti umani che sembrano così astratte e così remota.

“Non è come sta accadendo alle porte delle persone. Quindi anche le persone che sono spesso inclini a preoccuparsi di questi problemi non necessariamente si impegnano o non possono impegnarsi con loro quando sembra così via “.

Allan Saint-Maximin segna per Newcastle contro Southampton.

Stato di Rentier

Simon Chadwick, professore di sport eurasiatico presso la Emlyon Business School di Parigi, è scettico sulle relazioni pubbliche positive generate dall’acquisto di una squadra di calcio.

“Personalmente, non sono convinto da questo punto di vista … piuttosto che distogliere l’attenzione di paesi come l’Arabia Saudita, le acquisizioni attirano l’attenzione e amplificano le presunte violazioni e crimini”, ha detto Chadwick presso la CNN Sport.

“Sebbene le caratterizzazioni (del” lavaggio sportivo “) non siano irrilevanti, devono essere viste nel contesto di domande più ampie.

“L’Arabia Saudita è uno stato rentier – un paese che cerca di generare flussi di reddito da investimenti stranieri per contribuire a finanziare la politica economica interna”.

Il rovescio della medaglia del nuovo gruppo di proprietà è che termina l’associazione di 13 anni di Ashley con il club – il CEO del gigante dell’abbigliamento sportivo Sports Direct che è stato ampiamente ridicolizzato dai fan per mettere gli interessi commerciali prima del calcio.

Ciò include non investire abbastanza nella squadra, vendere i migliori giocatori del club e rinominare temporaneamente lo stadio del club in The Sports Direct Arena nel 2011.

Un fan protesta Mike Ashley nella partita Man City di Newcastle della scorsa stagione.

Il Newcastle, che avrebbe terminato regolarmente nella prima parte della Premier League prima di prendere possesso di Ashley, ha subito retrocessioni nel 2009 e nel 2016. I Magpies sono attualmente 13 ° in campionato con il calcio inglese sospeso nel mezzo del coronavirus.

READ  I democratici dovrebbero forzare il voto sulla supervisione dell'amministrazione delle piccole imprese

“I rapporti dei nuovi proprietari scatenano sempre dibattiti su rinnovate ambizioni e intenzioni”, ha dichiarato un membro di London Magpies, un gruppo di fan del team.

Il fan, che ha protestato contro la proprietà di Ashley, ha dichiarato a CNN Sport: “Siamo pronti a cogliere l’occasione per cui la proprietà proposta è diversa e, si spera, più in linea con le speranze dei sostenitori”.

Ma anche “non comprerà magliette se supportano apertamente o tacitamente o promuovono ciò che percepisco come interessi sauditi al di sopra di quelli del mio club”.

source–>http://rss.cnn.com/~r/rss/edition_sport/~3/rwNJ1fTjG_c/index.html

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *