Gli espatriati acquistano la casa dei loro sogni nella campagna giapponese

(CNN) – Kimberly e Paul Fradale vivevano a Tokyo, lavorando in scuole internazionali, quando si tuffarono in molti sogni di espatriati americani: acquistare una grande casa di campagna per una canzone e riportarla al suo antico splendore.

Entrambi sono cresciuti nel paese: Kimberly, che è americano-giapponese dalla parte di sua madre, è cresciuto nelle zone rurali dell’Alaska e l’infanzia di Paul è stata trascorsa nelle zone rurali di New York.

Alla ricerca della casa dei sogni economica

In un paese noto per i prezzi di proprietà esorbitanti, l’acquisto di una grande casa di campagna (o “kominka”) in Giappone rimane conveniente.

Per gentile concessione di Paul Fradale

“Puoi acquistare una casa con un terreno modesto per un minimo di $ 20.000 USD, a seconda della posizione. Alcune città mantengono persino elenchi di case libere o quasi gratuite, sperando di portare nuove famiglie”, afferma Paolo.

Non ci sono restrizioni per gli stranieri che acquistano terreni o proprietà nel paese e non è richiesto il visto di cittadinanza o di residenza. Detto questo, senza un visto di lavoro o uno status di residente permanente, ottenere un prestito può essere difficile. Gli acquirenti stranieri generalmente scelgono di pagare in contanti per questo motivo.

“Con così tante case disponibili per così poco, tuttavia, i soldi non dovrebbero essere un problema”, afferma Paul.

I Fradales, che vivono e lavorano in Giappone tutto l’anno, hanno aspettato di ottenere lo status di residenti permanenti prima di acquistare la loro casa. Non volevano lasciare il Paese ogni tre mesi per rinnovare un visto turistico in caso di perdita di posti di lavoro inaspettata.

Hanno anche speso molto più denaro di quanto avrebbero potuto – circa $ 250.000 – ma la loro casa di 130 anni aveva circa tre quarti di acro di terra, un giardino completamente maturo con un ciliegio. giganteschi edifici giapponesi e annessi come un “kura”, un tipo di negozio con mura di terra.

Perché le vecchie case di campagna vengono abbandonate

I Fradales affermano che la maggior parte dei giovani giapponesi ha scarso interesse per una vecchia casa, soprattutto lontano dalla città, senza comodità moderne.

In Giappone, dicono, le case sono considerate usa e getta. Ma respingono questo stato d’animo.

“Vecchie e grandi fattorie come la nostra sono state costruite per durare, per ospitare generazioni di famiglie e questo dimostra”, afferma Paul.

“Le case in Giappone non guadagnano valore nel tempo; è vero il contrario. Il valore della nostra proprietà è solo nella quantità di terra. La casa principale ha un valore di qualche migliaio di dollari, beh che è fatto di materiali che non possono essere letteralmente acquistati “, afferma Paul.

In particolare, le giovani famiglie non sono interessate a vivere in una “kominka” (letteralmente “vecchia casa”) perché sebbene siano spaziose, offrono poca privacy: tutte le porte sono in carta shoji o fusuma (panno coperto con un panno) porta scorrevole).

“Se qualcuno russa, per esempio, l’intera casa può sentirlo. Se avessimo dei bambini, un kominka non sarebbe un’opzione”, afferma Kimberly.

Possono anche avere freddo.

“Anche con l’aggiunta di una stufa a legna, abbiamo ancora diverse mattinate e serate invernali dove possiamo vedere il respiro in casa”, afferma Kimberly.

READ  +215 in 24 ore. Mai così tanto in un giorno. Quasi metà della Sardegna

la casa di caccia

Il flagello di Fradales Annunci immobiliari per anni, Paul ha persino controllato le viste aeree nelle mappe di Google ogni volta che hanno trovato una prospettiva decente. Quindi avrebbe cercato le funzionalità chiave che desiderava di più.
Paul e Kimberly Fradale davanti al loro tradizionale

Paul e Kimberly Fradale davanti al loro tradizionale “kominka”.

Per gentile concessione di Paul Fradale

La lista dei desideri di Paul:

-Un fiume a breve distanza in bicicletta ma non così vicino che le inondazioni sarebbero un rischio

-Un tempio vicino in modo che possano sentire le campane

-Un negozio di prodotti locali / mercato degli agricoltori

-Colline o montagne nelle vicinanze

-A kura (magazzino) sulla proprietà

-Un giardino maturo

– Abbastanza terra per i vicini di essere abbastanza lontano

-Una città abbastanza grande da avere un ospedale, negozi di alimentari e un negozio di articoli per la casa

-Una città non così grande che il traffico sarebbe un problema

-Una città relativamente piatta, quindi andare in bicicletta sarebbe facile

In confronto, la lista dei desideri di Kimberly – acqua corrente, elettricità e impianto idraulico – era estremamente modesta.

Trova il kominka dei loro sogni

“Siamo stati lontani dalla costa. Per quanto io ami e manchi l’oceano, il terremoto / tsunami del 2011 ha ripagato questa nozione”, afferma Paul.

Invece, hanno controllato le mappe dei pericoli della città e della città per vedere dove c’era il rischio di frane, inondazioni e tornado.

Dopo aver esaminato più di 30 case di persona, hanno finalmente trovato quello che avrebbero acquistato.

Il processo di acquisto

Per Paul, la loro futura casa era l’amore a prima vista.

“Quando abbiamo messo piede sulla proprietà, me ne sono innamorata. Potevo facilmente immaginare come sarebbe stata in definitiva. Kimberly era molto meno colpita. Le sue parole quando andammo a incontrare l’agente erano: “Ricorda, il volto del poker! Non sembra interessato! ‘”

“Le dimissioni di Kim sono dolorosamente chiare”, ha detto Paul della foto, scattata prima che la casa fosse pulita.

Per gentile concessione di Paul Fradale

Ma non appena entrò in casa, Paul vide un “ Kaidan Tansu ”, un comò che fungeva anche da scala, un portello nascosto nel soffitto e porte scorrevoli costituite da un’unica solida lastra di olmo . Fu allora, disse, che “gridò come una bambina”.

“Ci è stato detto che il venditore ha avuto un’offerta da uno sviluppatore per acquistare la proprietà, radere la casa e costruire una dozzina di piccole case lì, ma sperava che qualcuno volesse mantenere la vecchia casa”, ha detto Paul.

Un piccolo shock per i Fradales: in Giappone, l’acquirente, anziché il venditore, generalmente sostiene tutti i costi di chiusura. Il proprietario, a sua volta, consegna una casa vuota, pulita del suo contenuto.

“Di solito un proprietario è tenuto a pulire a fondo la casa, ma ho potuto vedere che c’erano molti oggetti d’antiquariato interessanti mescolati tra la quantità infinita di cose, quindi abbiamo ottenuto una riduzione del prezzo per tener conto di ciò” disse Paul.

Un tesoro (e una scatola di scarafaggi)

Da quando la casa è arrivata con tutto il suo contenuto, la pulizia è diventata una caccia al tesoro.

READ  L'economia francese ritorna alla crescita

“Per noi, ciò significava che il primo anno di proprietà era poco più che una selezione di cento anni di storia, come afferma la proprietà di una famiglia”, afferma Paul.

Una scatola aveva solo involucri di caramelle, tutti accuratamente appiattiti e impilati.

“Una scatola ha emesso un rumore sospetto, quindi l’ho portata fuori per aprirla. Era piena di niente tranne centinaia di scarafaggi, che si sono rovesciati come qualcosa in un film dell’Indiana Jones”, ha detto Paul.

La scatola successiva, tuttavia, conteneva rare vecchie foto e cartoline della seconda guerra mondiale. Un’altra scatola era piena di vecchi gioielli, tra cui una collana di perle. C’era persino un vecchio cassettone con un kimono vintage.

I Fradales erano particolarmente interessati alle foto, ai documenti e agli oggetti d’antiquariato storici, che offrirono di restituire al proprietario in diverse occasioni.

“Ho condiviso alcuni dei giornali e altri manufatti di guerra con i miei studenti di storia. Questi articoli hanno contribuito a rendere gli eventi più personali e tangibili “, afferma Kimberly.

“Ci sono membri della famiglia allargata nella città vicina, li stiamo contattando per vedere se vorrebbero certe foto; abbiamo conservato foto e documenti storici che conserveremo”, hanno detto i Fradales.

Hanno anche preso in considerazione l’idea di consegnare i manufatti a una società storica o addirittura di trasformare parte della loro casa in un museo in miniatura che presenta una storia del Giappone all’inizio del XX secolo, raccontata da una famiglia e dalla loro casa.

Ricordi di guerra

“Abbiamo trovato un vecchio orologio realizzato nella Germania nazista, con una svastica in rilievo su di esso; l’abbiamo donato a un orologiaio in una città vicina”, dice Paul.

C’erano anche vecchie monete cinesi, lettere per la casa e una bandiera giapponese in miniatura che doveva essere indossata da un soldato nella battaglia per fortuna, con messaggi incoraggianti.

Hanno anche trovato giornali della seconda guerra mondiale con storie del generale Tojo che ridevano del numero di morti forze alleate.

“Alcuni documenti non sono lusinghieri (ad esempio i giornali) per il Giappone, quindi siamo consapevoli che non tutti sarebbero felici di vederli pubblicati ovunque. Pensiamo che la storia non debba mai essere cancellata con calce, ma non dovrebbe nemmeno essere strofinato su quello di nessuno “. faccia “, dice Paul.

Tradizioni natalizie

“Ogni casa tradizionale giapponese ha un” butudan “, afferma Kimberly. Un “Butudan” è un santuario buddista interno per i familiari defunti.

Il santuario di Fradales venne con i nomi, le lettere e le foto di quelli della famiglia del precedente proprietario, risalenti a diverse generazioni.

Ai Fradales fu detto che dovevano semplicemente sbarazzarsene, ma Kimberly non riuscì a farlo: “Non riesco ancora a buttarli fuori. Ogni vacanza estiva apro le porte e vanno in giro con noi. J “Spero che approvino l’attenzione che abbiamo dato al posto.”

Commercio di vicinato

I vicini di casa di Fradales nelle campagne, la maggior parte dei quali pensionati di 70 anni, hanno accolto con favore i nuovi arrivati.

“Ci hanno visto salire ogni fine settimana e durante tutte le nostre vacanze, lavorando dall’alba al tramonto per pulire la casa e il cortile. Come le persone ovunque, ai giapponesi piace cercare un estraneo e vederci entrambi attaccare questo posto … ci ha fatto venire nuovi arrivati ​​”così pazzi” nel quartiere “, dice Paul.

I vicini hanno donato pietre e piante, tra cui una felce secolare e un bonsai, per aiutarli ad abbellire i loro giardini.

A loro volta, i Fradales donano ogni anno il bambù che strappano dal cortile. Poiché il bambù è una sorta di prelibatezza stagionale in Giappone, i vicini accolgono con piacere.

“Quest’anno, ad esempio, abbiamo avuto oltre 50 persone e le scaviamo e le portiamo con tutti i vicini. Invariabilmente, più avanti nella settimana, vari vicini lasceranno cadere birra, caffè, cavoli o altri prodotti, o fatti in casa, piatti di riso in ringraziamento per i germogli “, dice.

“Siamo fortunati ad essere atterrati in un posto dove i vicini sono gentili e aperti. In cambio, forniamo infinite ore di divertimento”, ha detto Kimberly.

Omaggio ai mestieri tradizionali

Poiché le persone in tutto il mondo stanno lottando per trovare un modo per ridurre il loro impatto sull’ambiente, i Fradales credono che il ripristino delle case di campagna, pur adottando arti e mestieri tradizionali, rappresenti un modo per Il Giappone – e in effetti il ​​mondo – ad andare avanti.

“Il Giappone una volta era conosciuto in Occidente come una fonte di beni a basso costo che funzionava bene. Il Giappone ha visto prima la Corea del Sud, poi la Cina, aumentare e poi corrispondere a questa affermazione”, ha detto Paul.

“I valori che hanno contribuito alla costruzione di questa casa sono gli stessi di quelli di ombrelli di carta fatti a mano, teiere di rame martellato, bacchette laccate o tatami di qualità. Ogni articolo è realizzato con cura e si ritiene che durano più di una generazione se curati. “Sono realizzati con il massimo rispetto per i materiali da cui provengono e con grande considerazione per coloro che li useranno”, afferma Paul.

Ripristinare il giardino è stato

Ripristinare il giardino è stato “estenuante”, anche se gratificante, per i Fradales.

Per gentile concessione di Paul Fradale

Bellezza nel mezzo della serratura

Il ritiro nel paese di Fradales è stato un gradito sollievo durante il coronavirus.

“Poiché la crisi di Covid ci ha isolati tutti, questa casa e questa proprietà sono state fonte di infinito conforto sotto forma di speranza …[right now] le rane stanno per iniziare le loro canzoni serali e l’azalea lascia il posto all’ortensia. C’è ottimismo nel vedere crescere la natura “, afferma Kimberly.

Paul è d’accordo e afferma che l’acquisto della loro casa di campagna è stata la decisione giusta.

“In tutto il mondo ci sono case storiche che hanno bisogno di amore. Consiglio vivamente di lasciare il tuo paese d’origine, essere davvero coinvolto in una nuova cultura e raccogliere una sfida come questa. non commettere errori, può essere un lavoro straziante, ma è molto gratificante “, ha detto.

We will be happy to hear your thoughts

Leave a reply

FPSGAMES.IT È PARTECIPANTE AL PROGRAMMA ASSOCIATI DI AMAZON SERVICES LLC, UN PROGRAMMA DI PUBBLICITÀ AFFILIATO PROGETTATO PER FORNIRE AI SITI UN MEZZO PER GUADAGNARE TASSE PUBBLICITARIE IN E IN CONNESSIONE CON AMAZON.IT. AMAZON, IL LOGO AMAZON, AMAZONSUPPLY E IL LOGO AMAZONSUPPLY SONO MARCHI DI AMAZON.IT, INC. O LE SUE AFFILIATE. COME ASSOCIATO DI AMAZON, GUADAGNIAMO COMMISSIONI AFFILIATE SUGLI ACQUISTI IDONEI. GRAZIE, AMAZON PER AIUTARCI A PAGARE LE NOSTRE TARIFFE DEL SITO! TUTTE LE IMMAGINI DEL PRODOTTO SONO DI PROPRIETÀ DI AMAZON.IT E DEI SUOI ​​VENDITORI.
FPSGames.IT