Gli Stati chiedono alla Corte Suprema di sospendere le norme sanitarie e abitative per gli immigrati a causa di Covid-19

La regola rende più difficile per gli immigrati ottenere lo status legale se usano benefici pubblici come Medicaid, buoni alimentari e buoni per l’alloggio. All’inizio del legislatore, un tribunale composto da 5 a 4 giudici ha affermato che la norma potrebbe entrare in vigore in tutto il paese per la durata delle controversie giudiziarie.

Il procuratore generale di New York Letitia James, insieme ai procuratori generali del Connecticut e del Vermont, ha sostenuto che durante la pandemia, la norma scoraggiava gli immigrati dall’accedere alle prestazioni sanitarie perché temevano che se si sono manifestati, questo avrebbe minacciato la loro ammissibilità per le carte verdi e il rinnovo dei visti.

La Corte Suprema ha sentito telefonicamente i casi riguardanti i documenti finanziari di Trump, la libertà di religione e il Collegio elettorale

Ha notato che molti immigrati sono “molto vulnerabili” al coronavirus perché lavorano in settori ritenuti “essenziali” in settori come l’assistenza sanitaria, il cibo e la consegna al dettaglio che continuano a funzionare durante la crisi. Ha detto che avevano maggiori probabilità di essere esposti al virus e senza test e trattamenti adeguati, più probabilità di soffrire di scarsi risultati di salute.

“Dall’entrata in vigore della norma sulle accuse pubbliche”, ha affermato James, “un numero crescente di immigrati ha iniziato ad astenersi dalla copertura di Medicaid e da altre prestazioni sanitarie finanziate da fondi pubblico, temendo che l’uso di questi benefici li renderebbe un “incarico pubblico” e metterebbe quindi a rischio la loro possibilità di ottenere lo status di residente permanente legale e, possibilmente, la cittadinanza “

La nuova petizione è l’ultima petizione relativa al coronavirus presentato alla Corte Suprema, chiedendo ai giudici di esaminare in che modo la pandemia influisce sui problemi che spesso li dividono secondo linee familiari.

READ  La protesta per riaprire l'economia taglia gli affari di Madison

Finora, i giudici si sono divisi amaramente 5-4 quando il tribunale ha accolto una richiesta dal Comitato repubblicano nazionale di bloccare una proroga dei tempi di voto degli assenti in Wisconsin a causa della pandemia. I giudici stanno attualmente esaminando una petizione da parte di sostenitori dei diritti di aborto che chiedono ai giudici di consentire l’applicazione di determinate procedure di aborto – vietate da Covid-19. E gli avvocati per i beneficiari di un’azione differita per l’arrivo dei bambini hanno presentato una mozione alla corte chiedendo ai giudici di considerare i contributi dei Dreamer al sistema sanitario sovraccarico prima di annullare il DACA.

source–>http://rss.cnn.com/~r/rss/cnn_latest/~3/UEDLzWqW_3M/index.html

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *