Gli Stati Uniti riceveranno 750.000 test per il coronavirus dalla Corea del Sud

La FEMA, un’agenzia del Dipartimento per la sicurezza nazionale degli Stati Uniti, ha aggiudicato contratti ai produttori della Corea del Sud la scorsa settimana per fornire circa 750.000 test, secondo un portavoce degli archivi FEMA e federali.

Nel fine settimana, SolGent ha consegnato la prima spedizione di 150.000 test negli Stati Uniti. La prossima spedizione di 600.000 test arriverà il 15 aprile. Sono forniti da due società sudcoreane, SD Biosensor e Osang Healthcare.

L’intenzione, ha affermato il portavoce della FEMA, è di trasferire i test in una struttura di celle frigorifere a Louisville, Kentucky, per la distribuzione. Ai bisogni urgenti verrà data priorità, secondo un parere della FEMA ottenuto dalla CNN.

L’amministrazione Trump è stata riluttante a lodare le capacità di test della Corea del Sud.

Trump riconosciuto su Twitter fine marzo che la Corea del Sud ha avuto molto successo nei test. Ad aprile, Trump ha affermato che i test statunitensi erano più veloci e più accurati di quelli in Corea del Sud. Ma di fronte a una carenza di test e con i governatori desiderosi di aumentare la loro capacità di test, gli Stati Uniti hanno dovuto guardare all’estero.

FEMA pagherà $ 5,2 milioni a SD Biosensor per i suoi kit di test e $ 3 milioni a Osang, secondo i registri degli appalti federali. Un’altra società, il distributore di dispositivi medici con sede in Virginia, YTS Global Inc., guadagnerà altri $ 3,2 milioni per portare i bambini testati per Covid-19 nel Maryland, secondo i dati del mercato federale. I kit di test aggiuntivi spediti dall’estero “proteggeranno i cittadini statunitensi da potenziali danni biologici”, ha osservato FEMA nei registri degli acquisti dell’azienda.

Gli esperti attribuiscono il recente calo del numero di nuovi casi di coronavirus in Corea del Sud ai suoi sforzi iniziali di screening, un esempio riuscito di quello che oggi è comunemente noto come “appiattire la curva”.
Il ministro degli Esteri sudcoreano Kang Kyung-wha sembra fare riferimento ai test in arrivo in un’intervista con France 24 pubblicata online Lunedi.

Lunedì, un funzionario del ministero degli Esteri sudcoreano ha dichiarato alla CNN che il paese avrebbe inviato una spedizione di kit di prova negli Stati Uniti.

READ  Con il personale scheletro e gli showroom chiusi, i concessionari CT sperano in un rapido rimbalzo

Alla domanda se le informazioni che gli Stati Uniti avevano ordinato 600.000 kit, Kang ha detto: “Sì, in realtà, penso che siano approvate dalla FDA, approvazione preliminare per questi ultimo, rapidamente approvato a seguito di una conversazione tra il mio presidente e il presidente Trump dello scorso mese. Penso che i contratti siano stati firmati e che dovrebbero essere pronti per la spedizione al più presto. “

Nelle ultime settimane, l’amministrazione Trump ha indicato che ritirerà il supporto federale per i siti di prova.

Secondo l’agenzia, il programma dei siti di test della comunità era inteso a potenziare le capacità di test iniziali in aree critiche degli Stati Uniti. Ma dal momento che la FDA ha permesso alle persone di auto-amministrare i test di tampone nasale nei siti, la domanda di dispositivi di protezione individuale e fornitori di assistenza sanitaria qualificati sarà ridotta, ha detto un portavoce. FEMA ha detto in un comunicato stampa.

Questa decisione ha suscitato reazioni contrastanti. Mentre alcune comunità potrebbero aver bisogno del supporto federale, altre si sono già mosse verso la gestione dei propri siti.

L’amministrazione, tuttavia, da allora ha sottolineato che il governo federale continuerà ad assistere gli stati secondo necessità. “Vogliamo assicurare alle persone e alle comunità in tutto il paese che continueremo a lavorare in collaborazione con gli Stati nella misura in cui preferiscono che ne facciamo parte”, ha dichiarato il vicepresidente Mike Pence la scorsa settimana.

Yoonjung Seo della CNN ha contribuito a questo rapporto.

source–>https://www.cnn.com/2020/04/13/politics/south-korea-coronavirus-tests/index.html

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *