Gli Stati Uniti sono già in recessione, dicono 45 economisti

Gli economisti prevedono una brusca e breve recessione per la prima metà del 2020, poiché la pandemia di coronavirus “limita gravemente l’attività economica”, secondo l’indagine della National Association for Business Economics.

La crescita economica è probabilmente scesa del 2,4% nel primo trimestre, secondo NABE, e scenderà del 26,5% nel secondo trimestre.

Il mercato del lavoro americano sarà anche colpito quando l’epidemia di coronavirus chiuderà le imprese. Il NABE afferma che il tasso di disoccupazione dovrebbe raggiungere il 12% entro la metà dell’anno, mentre gli Stati Uniti potrebbero perdere 4,58 milioni di posti di lavoro nel secondo trimestre.

Questa perdita di posti di lavoro peserà sulla spesa, uno dei principali motori dell’economia americana. La spesa per consumi rappresenta circa il 70% della crescita economica.

Nonostante il brutale rallentamento, gli economisti sono ottimisti sulla ripresa dell’economia nella seconda metà del 2020, con una crescita di quasi il 6% entro la fine dell’anno.

“La previsione mediana suggerisce che le condizioni miglioreranno entro la fine dell’anno con il supporto di uno stimolo fiscale e monetario aggressivo”, ha dichiarato il presidente della NABE Constance Hunter.

La Federal Reserve giovedì ha annunciato ulteriori $ 2,3 trilioni in prestiti a piccole imprese e consumatori. La mossa si basa su molti altri programmi di prestito delle banche centrali e riduce i tassi di interesse a zero per sostenere l’economia degli Stati Uniti.

source–>http://rss.cnn.com/~r/rss/edition_world/~3/F0NEms72YE8/index.html

READ  La leggenda del Liverpool Kenny Dalglish risulta positiva al coronavirus

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *