Google darà $ 1.000 a ciascun dipendente del WFH. Il suo responsabile del benessere spiega perché

In qualità di manager del benessere e della resilienza di Google, Lauren Whitt ha la responsabilità di garantire che i dipendenti di Google rimangano sani e abbiano accesso alle risorse di salute mentale e benessere in questi tempi incerto.

E non è un compito da poco.

Ci sono 10 membri dei team globali di benessere e salute mentale che lavorano con tutti i dipendenti Google in tutto il mondo.

Per facilitare il passaggio al lavoro da casa, l’azienda ha offerto formazione e corsi virtuali. E ha spostato alcuni dei suoi noti benefici online. Di recente, Google ha offerto a tutti i dipendenti un’indennità di $ 1.000 da spendere in attrezzature per aiutare a configurare le aree di lavoro domestiche.

CNN Business ha parlato con Whitt dei recenti sforzi per il benessere di Google durante la pandemia. Ecco cosa ha detto su ciò che Google sta facendo per promuovere la salute e il benessere mentale ((Questa intervista è stata modificata per chiarezza e durata):

Quale ruolo svolgono i manager nella salute mentale della loro squadra? E cosa possono fare per assicurarsi che i loro dipendenti stiano bene?

Chiediamo loro di verificare il benessere della loro squadra, di chiedere come sta la loro squadra. In nessun caso vogliamo che i nostri manager siano terapisti, consulenti, consulenti di salute mentale. Vogliamo che controllino “Come va il tuo benessere?” ‘Come state?’ “Come va la vita per te adesso?” E se ci sono segni o indicazioni che potrebbero esserci qualcosa, per essere in grado di collegare il Googler alla ricchezza di risorse e alla suite di servizi che abbiamo.

L’ultima cosa che chiediamo ai manager di fare è indirizzare intenzionalmente la propria modellistica dei comportamenti di benessere.

Tutti abbiamo manager, sappiamo tutti che spesso vedremo cosa fanno i nostri manager prima di sentire cosa ci dicono di fare. Ecco perché chiediamo ai manager di dare l’esempio e di mostrare benessere, distacco e recupero nella propria vita.

Il passaggio dal lavoro in un ampio spazio di lavoro con molti vantaggi di essere sempre a casa può essere difficile. In che modo aiuti i lavoratori ad adattarsi alla loro nuova realtà?

Sono rimasto così colpito dagli sforzi di base dei googler per creare una comunità e creare così tante connessioni tra ciò che hanno fatto in ufficio e ciò che fanno a casa.

READ  L'hotel australiano vieta l'emù turbolento per comportamenti scorretti

Quando siamo lì, molti uffici hanno centri fitness e questi allenatori hanno seguito questi programmi e corsi online e li stanno facendo praticamente in modo che i googler possano ancora allenarsi a casa con le persone con cui hanno lavorato in ufficio usando brocche di latte e diverse cose folli che sono in giro per casa.

Tutti ci manca il fantastico cibo che abbiamo avuto nei caffè di Google e molti dei nostri team di caffè e chef stanno iniziando a offrire corsi virtuali online, quindi come possiamo cucinare corsi in modo che possiamo imparare alcune di queste abilità uniche e divertenti.

Abbiamo gruppi di googler che praticano la meditazione virtuale e corsi di consapevolezza – programmi chiamati “gPause”. Abbiamo un supporto peer-to-peer per la salute mentale attraverso il nostro Blue Dot Community così tante cose che succedevano negli uffici, le portiamo virtualmente.

Raccontami della decisione di Google di offrire $ 1.000 ai dipendenti per allestire i loro uffici domestici. Quanto è importante l’area di lavoro?

Per noi essere in grado di fornire risorse per i googler di impostare la workstation più produttiva a casa in modo che abbiano l’opportunità di separare “Quando sono in questo spazio, sono concentrato sul mio lavoro e sono concentrato su queste cose, e quando mi allontano da questo spazio, sono in grado di allontanarmi dal lavoro, sono in grado di connettermi con la mia famiglia, i miei amici, i miei animali domestici, le persone nella mia comunità al di fuori di questa casella di lavoro “è veramente importante.

La routine e le abitudini che abbiamo avuto in ufficio sono così importanti per noi per tradurle e definire nuove routine e nuove abitudini nello spazio di lavoro e nella configurazione del lavoro che abbiamo a casa.

Questo è davvero essenziale per noi nel lungo periodo, oltre che dal punto di vista della salute, garantendo che abbiamo le migliori opportunità per sedie ergonomicamente corrette, occhi per i monitor e anche quel tipo di opportunità.

READ  Operazione antiterrorismo su un volo Ryanair: arrestati un italiano e un kuwaitiano. L'aereo intercettato e scortato dai caccia della RAF

Ci sono alcune aree di benessere su cui ti stai concentrando di più al momento?

Continuiamo a investire in questo concetto di resilienza, la capacità di riconoscere come essere presenti al momento, affrontare il compito da svolgere e concentrarci su ciò che puoi fare oggi?

Continueremo i nostri messaggi ergonomici sugli allineamenti appropriati del tuo spazio di lavoro, sull’avere una sedia adatta e che supporta la schiena, sull’ergonomia e sull’essere in grado di alleviare alcuni di questi mal di schiena e problemi ai muscoli scheletrici.

Penso che stiamo guardando al futuro, come sarà la salute e il benessere. Come continueremo a sostenere i googler nel loro ambiente familiare e al loro ritorno al lavoro per garantire che il movimento sia una priorità, che il sonno sia la priorità numero uno per noi e che l’alimentazione continuerà ad essere importante per loro Googler, indipendentemente da dove lavorano.

Dici che costruire la resilienza è importante in un momento come questo. Come aiutate i dipendenti a svilupparlo?

Abbiamo trascorso alcuni anni davvero assicurandoci di disporre delle risorse e degli strumenti per consentire ai googler di concentrarsi sulla loro salute mentale e ottenere il supporto di cui hanno bisogno in questo spazio.

Circa due anni fa, abbiamo iniziato a cambiare e dire “OK, abbiamo questi strumenti e risorse disponibili, qual è il prossimo passo?” Come possiamo ora concentrarci davvero sulla capacità di affrontare lo stress, riprenderci dalle avversità e capire che possiamo riprenderci in modo da poterci riprendere da sfide difficili?

Abbiamo iniziato un check-in in autunno, lo chiamiamo T.E.A. [Thoughts, Energy, Attention] registrazione. Il nostro T.E.A. il controllo è fondamentalmente: dove sono i tuoi pensieri, dov’è la tua energia e dov’è la tua attenzione? E quando guardiamo questi tre … è tempo di intraprendere un progetto difficile? est [your energy] debole? Devi saltare su e giù? Devi scappare? Hai bisogno di fare un pisolino? E dov’è la tua attenzione? Qual è l’unica cosa su cui puoi concentrarti oggi che puoi controllare, che puoi influenzare, che ti darà scopo, scopo e ottimismo per oggi?

Cosa sta facendo Google per aiutare a combattere il burnout, soprattutto ora che tutti sono a casa e al lavoro più difficile da bilanciare?

In questo momento, uno dei nostri principali messaggi sul burnout è quello di essere intenzionali sul recupero e il resto e sulla capacità di spegnere le cose, di concentrarsi su attività non professionali. In questo modo, i Googler si rendono conto che recuperando e staccando se stessi, sono in grado di tornare al lavoro o risolvere questo problema con una prospettiva rinnovata e rinnovata.

READ  Coronavirus, Pelosi del parrucchiere senza maschera | Trump attacca il presidente della Camera

Spesso affrontiamo la conversazione sul burnout con modi molto intenzionali e pratici di allontanarti dal tuo computer ogni 90 minuti, per uscire, anche se hai solo bisogno di fare flessioni o saltare jacks o alzarti tra le riunioni e spostarsi e scuoterlo. , quali sono questi modi per cambiare la tua concentrazione durante e durante il giorno.

Anche per noi continua a incoraggiare i googler a prendersi le vacanze, ad allontanarsi dal lavoro, anche se in molti casi non si può viaggiare, in modo da poter investire nell’utilizzare tali vacanze come tempo di recupero.

Parlami della pre-pandemia del programma Blue Dot di Google e di come si presenta ora.

Il programma Blue Dot è la nostra comunità di salute mentale tra pari. Abbiamo iniziato questo programma diversi anni fa perché i googler volevano essere in grado di parlare di cose difficili, ma non pensavano necessariamente che fosse clinico. Volevano solo la prospettiva dei loro coetanei, qualcuno che l’aveva vissuta, che era stato dove erano.

Questo gruppo ha ruotato in modo davvero impressionante. Operano negli uffici virtuali, abbiamo diversi posti online in cui puoi virtualmente connetterti tramite le videochiamate di Google Meet per poter parlare di queste cose.

Sebbene il componente faccia a faccia di questo programma sia cambiato, lo hanno seguito virtualmente attraverso gli strumenti di Google e continuano a innovare davvero attorno a nuove idee per essere in grado di connettersi e supportarsi a vicenda e coloro che desiderano aderire al ‘venire su.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *