Gufo salvato dopo che il soccorritore scende da 130 piedi per recuperarlo
Polizia nella città di Bad Segeberg sono stati allertati sabato pomeriggio da un locale che poteva sentire l’uccisione dell’uccello in pericolo, secondo una dichiarazione rilasciata lunedì dai vigili del fuoco.

I soccorritori hanno usato un proiettore per illuminare il pozzo e sono stati in grado di vedere l’uccello in basso, ma non sono stati in grado di attirarlo in una rete.

I test hanno dimostrato che la qualità dell’aria era scarsa a pochi metri dal pozzo, quindi hanno abbassato una bombola di ossigeno nel pozzo per aiutare il gufo a respirare.

Quindi un soccorritore che indossava un autorespiratore calò il pozzo, avvolse il giovane animale in una borsa e lo rimise sulla corda prima di seguire se stesso.

L’operazione di salvataggio è durata 3,5 ore e da allora la civetta è stata portata in un santuario di pipistrello locale, dove sarà curata.

I ruoli invertiti come cane di San Bernardo furono quelli che furono salvati dalla montagna più alta dell'Inghilterra

“Vorremmo ringraziare tutte le persone coinvolte per l’ottima collaborazione”, hanno dichiarato i pompieri nella dichiarazione.

Il giovane gufo fa parte di un gruppo che vive nella zona da molto tempo, ha aggiunto.

Gli uccelli vivono sul Kalkberg, o “Chalk Mountain”, una roccia di 300 piedi nel centro di Bad Segeberg che è sormontata dal castello in rovina.

Il gufo reale è probabilmente la più grande specie di gufo al mondo, con un’apertura alare fino a 6,5 ​​piedi, secondo la voliera nazionale degli Stati Uniti. Sono comuni in tutta Europa e in Asia.

source–>http://rss.cnn.com/~r/rss/edition_europe/~3/RutR-2pgrhU/index.html

READ  L'Università di Cambridge lancia lezioni frontali a causa di pandemia

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *