Nel 2021, l’introduzione della legislazione Euro5 apporterà modifiche ai listini costruttori, alcuni modelli usciranno di scena e dovranno essere sostituiti da versioni conformi alle normative, e questa sarà l’occasione per presentarne alcuni Annunci.

Guardando l’attuale formazione Honda, i giapponesi Macchina giovane suggeriscono che due nuovi prodotti potrebbero arrivare in segmenti non attualmente coperti dal produttore giapponese e basati su un modello recente.

Il punto di partenza è Honda CB1000R, il nuovo caffè sportivo rinnovato per la stagione 2020 e che da buon nudo rappresenta una piattaforma di possibili modelli.
Le opzioni non sarebbero mancate, come testimoniano le proposte lanciate da Honda e alle quali hanno risposto dodici preparatori: le speciali associate erano mostra l’anno scorso a Ruote e onda da Biarritz. (Un paio si trovano nella galleria fotografica in fondo all’articolo).

All’EICMA l’anno scorso Honda ha introdotto il Concetto CB4X, basato sulla nuda CB650R, che ha ottenuto un grande successo e pochi mesi fa registrato il brevetto di questo incrocio. Di seguito il concept CB4X disegnato da Valerio Aiello.

Per associazione, è quindi ipotizzabile che Honda possa sviluppare lo stesso concetto in una classe di cilindrata superiore utilizzando il quattro cilindri CB1000R per una versione CB1000X. Il risultato sarebbe un’avventura sportiva da 998 cc e 145 cavalli che gareggerà con le varie BMW S1000XR, KTM SuperDuke GT o Ducati Multistrada. Il rendering giapponese immagina le sue forme.

La seconda ipotesi suggerita da Young Machine è la vestizione del nudo per averne uno. turismo sportivo buone prestazioni e con un discreto comfort di viaggio. Il CBR1000R insomma, potrebbe essere la rivale della Ninja 1000SX, un’interessante carenatura stradale ricavata dalla nuda versione Z1000.

READ  Borsa Italiana, commento della seduta odierna (3 settembre 2020)

Rendering di Macchina giovane

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *