I cappellani ospedalieri colmano il divario tra pazienti e famiglie in lutto che non possono stare con loro

“È mia vocazione presentarmi ed essere presente di fronte alla sofferenza umana”, spiega Bohman, direttore esecutivo del cappellano Sojourn presso il General Hospital di San Francisco. “E proprio ora, questa sofferenza è aggravata da Covid.”

“Sono così grato per la tecnologia che abbiamo”, ha detto Bohman, che coordina telefonicamente con i familiari il sostegno spirituale che desiderano offrire ai loro cari.

“Ho disegnato foto e appunti per i pazienti in terapia intensiva per i loro familiari, in modo che quando sono svegli, vedranno un disegno della loro famiglia, anche se la loro famiglia non può fare fisicamente il disegnando per loro “.

Una nota scritta dal cappellano dell'ospedale Claire Bohman per un paziente di Covid-19

La cappellania del soggiorno lavora anche con un gruppo di cucito che crea coperte per neonati. Stanno ora donando coperte ai pazienti Covid-19 per fornire supporto e connessione.

“È spaventoso fare questo lavoro in questo momento”, afferma Bohman. “Ma non sarei altrove.”

L’amore è come stare a sei piedi di distanza

Dopo lunghe giornate di supporto emotivo in terapia intensiva, Laurent LeBien torna a casa con la sua famiglia. E piange.

“Abbiamo qualche idea di come potrebbe essere una” buona morte “,” afferma LeBien, cappellano del personale all’East Jefferson General Hospital vicino a New Orleans.

“Potrebbe essere un passaggio pacifico nel mio sonno, con i miei cari e gli amici in giro. All’improvviso, non è possibile.”

Per ridurre al minimo la diffusione del coronavirus, gli ospedali hanno posto delle restrizioni ai visitatori. Le sale d’attesa, i corridoi e le caffetterie, una volta piene della famiglia e degli amici dei pazienti, possono essere stranamente silenziose. Sebbene possano essere concesse eccezioni, molti pazienti vengono ricoverati in ospedale senza avere parenti vicini.

L'università di Chicago Medical Center un tardo pomeriggio. Raramente ci sono volte in cui questi corridoi sono vuoti.

LeBien è stato cappellano in ospedale per cinque anni. È abituato ad aiutare gli altri a trovare la loro capacità di recupero, forza e doti che li aiutano a navigare nelle circostanze più terribili. Ma ora deve farlo a sei piedi di distanza.

READ  Il tredicenne tredicenne offre solidi consigli di investimento a Wall Street | Il quotidiano online del Baltimore Times

“Ogni fibra del mio essere vorrebbe confortare questa persona, abbracciarlo, mettere una mano su una spalla”, afferma LeBien. “Sto cercando di spiegare il meglio che posso, ecco i motivi per cui non possiamo farlo.”

Ma quello che può fare è essere un “surrogato della famiglia” per i pazienti Covid e non Covid, un ruolo che LeBien considera un onore.

Organizza telefonate e incontri FaceTime tra i pazienti e le loro famiglie. Rimane in contatto regolare con i loro cari in modo che quando i pazienti si svegliano, possa offrire aggiornamenti incoraggianti. Touchstones come “tua nipote ti saluta; le tue due figlie ti stanno pensando; le persone con cui lavori hanno chiamato tua moglie e ti hanno guardato”.

Ma le chiamate più difficili che LeBien deve fare è quando un membro della famiglia è morto.

“Forse ti chiamo tra mezz’ora, e davvero non hai avuto il tempo di affrontare questo dolore, e ho detto: ‘Puoi dirmi il nome del funerale?'”

Il cappellano Laurent LeBien inserisce messaggi ispiratori nella sala di pausa del personale dell'ospedale.

Queste sono chiamate che LeBien non ha mai dovuto fare prima dell’età del coronavirus, prima che il sistema sanitario nazionale fosse sopraffatto.

Questa forte pressione sul personale ospedaliero è qualcosa che LeBien sta anche cercando di aiutare ad alleviare. Porta delle barrette energetiche e delle note ispiratrici nei locali di riposo, che vanno dalle preghiere alle lettere di incoraggiamento dei bambini delle scuole elementari.

“L’amore è la linea di fondo. L’amore è ciò che conta. Indipendentemente da tutte le principali religioni, da qualche parte, una delle loro pietre miliari è che ami il tuo prossimo”, dice LeBien. “Che momento per noi di essere in grado di farlo.”

READ  I pazienti recuperati da coronavirus sono di nuovo positivi. Puoi essere reinfezione?

“Non posso toccarti, ma posso sentirti”

La morte ha servito come fermalibri mercoledì per Stephanie Welsh.

La sua mattinata è iniziata con lei, quando è stata chiamata a sostenere una madre che non sapeva ancora che suo figlio era morto. E poi più tardi, quando un uomo per celebrare presto il suo 65 ° anniversario di matrimonio perse la moglie.

“Quando glielo abbiamo detto, dopo essersi registrato, si è rotto”, ha detto gallese, cappellano dell’Università di Chicago Medicine.

“Non potevo lasciare che quell’uomo di 80 anni crollasse senza, almeno, mettermi una mano sulla spalla per dargli conforto.”

Non era sola, disse. Il dottore fece lo stesso.

Welsh supporta le unità di terapia intensiva cardiaca e chirurgica dell’ospedale, l’unità di ustioni e il centro di nascita familiare, nonché la sua gamma di servizi di trauma. Oltre ad essere una guida spirituale, i cappellani spesso aiutano le persone a navigare nel funzionamento interno di un ospedale. Ma possono anche essere amici.

Il distanziamento sociale a lungo termine può essere traumatico. Ecco cosa aspettarsi e cosa fare

Prima del coronavirus, il gallese non esiterebbe a offrire un abbraccio a coloro che ne hanno bisogno. In questi giorni, deve smettere.

“Diventa molto difficile offrire compassione solo con le parole e non dare un tocco morbido quando è ovvio che è qualcosa di cui un individuo ha bisogno”, afferma Welsh. “Devo costringermi a fare qualcosa che è assolutamente contrario a quello che sono.”

Mentre un caldo abbraccio non è più un’opzione sicura, il gallese ha trovato altri modi per offrire supporto. Organizza telefonate e incontri FaceTime tra i pazienti e le loro famiglie. E si siede con loro per testimoniare della loro esperienza.

“Non posso toccarti, ma posso sentirti. Posso ascoltarti”, dice Welsh. “Posso ascoltare il paziente e normalizzare i suoi sentimenti di perdita … In questo momento posso esprimere il suo dolore e aiutarlo a capire:” Guarda, quello che senti è OK sentire. “”

READ  Il raduno di approvazione di Donald Trump è sparito

Le lotte emotive create dall’allontanamento fisico possono essere schiaccianti. Ma se ci pensiamo, dice Welsh, offre temi importanti.

“Trascorrere del tempo a pensare a questa pandemia, penso che uno dei temi sarà la mancanza di vita e l’importanza di non dare la vita per scontata. E l’importanza di non prendere quelle che ti sono vicini per scontato. “

source–>http://rss.cnn.com/~r/rss/cnn_latest/~3/wJomMG0f82M/index.html

We will be happy to hear your thoughts

Leave a reply

FPSGAMES.IT È PARTECIPANTE AL PROGRAMMA ASSOCIATI DI AMAZON SERVICES LLC, UN PROGRAMMA DI PUBBLICITÀ AFFILIATO PROGETTATO PER FORNIRE AI SITI UN MEZZO PER GUADAGNARE TASSE PUBBLICITARIE IN E IN CONNESSIONE CON AMAZON.IT. AMAZON, IL LOGO AMAZON, AMAZONSUPPLY E IL LOGO AMAZONSUPPLY SONO MARCHI DI AMAZON.IT, INC. O LE SUE AFFILIATE. COME ASSOCIATO DI AMAZON, GUADAGNIAMO COMMISSIONI AFFILIATE SUGLI ACQUISTI IDONEI. GRAZIE, AMAZON PER AIUTARCI A PAGARE LE NOSTRE TARIFFE DEL SITO! TUTTE LE IMMAGINI DEL PRODOTTO SONO DI PROPRIETÀ DI AMAZON.IT E DEI SUOI ​​VENDITORI.
FPSGames.IT