I cittadini statunitensi in Libano rifiutano l’offerta di rimpatrio, dicendo che è “più sicuro” a Beirut

Ma il 28enne consulente umanitario del Montana ha deciso di restare. Dopo che il Libano ha chiuso i suoi confini il 19 marzo per arginare la diffusione della pandemia globale, ha iniziato ad arredare la sua terrazza sul tetto. Si rese conto che la sua permanenza a Beirut sarebbe stata indefinita.

“Ho preso questa decisione per una combinazione di motivi personali e calcoli sul virus che tutti prendiamo”, afferma Fuglei. “Penso di essere probabilmente più sicuro qui.”

Rispondendo al suo tweet, una giornalista libanese ha dichiarato: “Per una volta, non sono sicuro che l’America non sia più sicura di qui”. La madre di Sewell, Meg Sewell, rispose: “In realtà, per il momento, dovrei essere d’accordo.”

Sewell dice alla CNN che non ha mai considerato di accettare l’offerta dell’Ambasciata degli Stati Uniti.

“Da tutto ciò che ho letto, la situazione è peggiore negli Stati Uniti, in termini di numero di casi, misure preventive o loro assenza e sovraccarico del sistema sanitario”, ha detto.

“Inoltre, dato che vivo all’estero da anni, non ho un’assicurazione sanitaria negli Stati Uniti ora, quindi se tornassi e mi ammalassi avrei cercato di pagare migliaia di dollari in la mia tasca “.

I soldati libanesi, con indosso equipaggiamento protettivo, fanno la guardia all'aeroporto internazionale di Beirut il 5 aprile, prima del ritorno dei cittadini di ritorno.

La mattina del 5 aprile, l’ambasciata americana ha rimosso 95 cittadini americani dal Libano, secondo un funzionario del Dipartimento di Stato americano. Si stima che migliaia di americani vivono in Libano, molti dei quali hanno anche la cittadinanza libanese.

“Il Dipartimento di Stato non ha più priorità della sicurezza dei cittadini americani all’estero”, ha detto il funzionario alla CNN. “Ci stiamo alzando per affrontare la storica sfida posta dalla pandemia di Covid-19, ogni giorno, in tutto il mondo.”

Alla domanda sugli americani che suggeriscono che Beirut è, per una volta, più sicuro degli Stati Uniti, il funzionario ha rifiutato di commentare.

Una rapida epidemia nel paese

Daryn Howland, 27 anni, è rannicchiata nel suo appartamento a Beirut, immergendosi nel suo lavoro di consulente. “Il mio piano è di rimanere qui per un futuro indefinito”, ha detto il nativo di Boston.

“Il fatto che le cose siano così brutte negli Stati Uniti significa che è una delle prime volte in cui è più sicuro essere in Libano che negli Stati Uniti”, fa eco Howland. “Nonostante la situazione (politica ed economica libanese) … penso che le mie possibilità qui siano migliori”.

READ  Il finale di stagione 5 di Better Call Saul semina i semi dell'ultima stagione mortale

“Tutti i miei amici americani qui hanno deciso di restare”, aggiunge.

Quando il primo nuovo caso di coronavirus è stato segnalato in Libano il 21 febbraio, il paese era già inondato di crisi.

Le proteste a livello nazionale sono scoppiate contro l’élite politica del paese lo scorso ottobre, rovesciando il governo dell’ex primo ministro Saad Hariri e aggravando una crisi politica. Già sotto una crescente pressione, la valuta del paese è crollata. Il mese scorso, Beirut ha annunciato il suo primo default.

Sotto la diffusa pressione degli attivisti e dei media, il nuovissimo governo del Primo Ministro Hassan Diab ha promesso di non correre rischi con il virus, nonostante le conseguenze che qualsiasi misura potrebbe avere sull’economia già in difficoltà.
Il 10 marzo, gli operatori sanitari disinfettano i banchi e le sedie del parlamento libanese.

Otto giorni dopo questo primo caso, il 29 febbraio, il paese ha chiuso le sue scuole e università. Il 6 marzo, ha chiuso ristoranti e caffè al di fuori di diversi paesi dell’Europa occidentale, come l’Italia, per applicare tale misura. Il governo ha quindi annunciato un blocco il 15 marzo.

Nelle ultime settimane, la diffusione del coronavirus in Libano è rallentata, secondo l’ufficio libanese dell’Organizzazione mondiale della sanità. Gli operatori sanitari hanno elogiato con cautela i passi relativamente precoci del Paese per imporre il blocco.

“Non siamo in una fase in cui dobbiamo decidere chi ottiene un fan e chi no. È perché stiamo a casa e i confini sono chiusi”, ha twittato il Dr. Firass Abiad, capo dal governo Rafik Hariri. Ospedale universitario, che ha curato la maggior parte dei casi di coronavirus a Beirut. Il suo tweet è collegato a un articolo di opinione del New York Times sulla carenza di fan negli Stati Uniti.

A partire dal 9 aprile, ci sono stati più di 430.000 casi di Covid-19 e 14.000 morti negli Stati Uniti, con 576 casi e 19 morti in Libano, secondo i dati della Johns Hopkins University.

READ  Marie Kondo: raggiungere la calma grazie all'arte dell'organizzazione

Finora, poco meno di 12.000 test di screening del coronavirus sono stati condotti in Libano. Ciò equivale a circa lo 0,1% della popolazione (al contrario, sono stati testati circa lo 0,3% della popolazione britannica e l’1,1% della popolazione tedesca). Di conseguenza, il Ministero della sanità pubblica ritiene di sottovalutare la portata della sua epidemia. Ha invitato più persone a sottoporsi al test.

Il ministero libanese della sanità pubblica si è impegnato ad aumentare il numero di proiezioni a 2.000 al giorno. Indica che chiunque abbia sintomi da lievi a gravi ha il diritto di essere testato.

Stecche ribelli detenute dalla Siria per il coronavirus & # 39; tsunami & # 39; - senza sapone, acqua corrente o prospettiva di allontanamento sociale

In un recente video, il direttore generale del Ministero della sanità pubblica, Walid Ammar, ha accusato lo stigma sociale che circonda COVID-19 per i bassi livelli di screening nel paese: “Se un cittadino ritiene che la tua reazione sarà negativa, allora lui non andrà e sarà sottoposto a test “, ha detto Ammar.” Dovresti avere tutti paura delle persone che non saranno testate perché hanno paura di te. Queste sono le persone che ti infetteranno. “

Sempre più persone stanno facendo i test, ma il settore medico – che è stato duramente colpito dalla crisi finanziaria del paese – non ha le risorse per effettuare screening di massa, secondo gli operatori sanitari.

I medici affermano che i blocchi proattivi del paese hanno aiutato il settore sanitario ad evitare il pandemonio visto in molti altri paesi devastati dal virus.

“Più testiamo, meglio è, ma dobbiamo renderci conto che le nostre risorse sono limitate e devono essere utilizzate in modo strategico”, ha twittato Hassan Zaraket, virologo e assistente professore all’Università americana di Beirut. “Se avessimo perso molti casi, avremmo avuto un’esplosione al pronto soccorso e una terapia intensiva”.

Le forze di sicurezza libanesi fermano le auto in un checkpoint lungo la strada a nord di Beirut il 6 aprile, mentre le autorità applicano nuove misure per limitare il traffico di veicoli.

Anche se potrebbe essere troppo presto per dire se la diffusione del coronavirus continuerà a rallentare, Howland afferma che ha preso conforto dalle severe misure del Libano. “Il governo ha anticipato il problema e finora (il numero di casi) non è aumentato”, ha detto.

La risposta della Casa Bianca, sostiene, contrasta nettamente con quella del suo paese adottato in crisi.

Il presidente Donald Trump è stato criticato essere lenti ad agire per fermare la rapida diffusione della malattia lì. Il paese ora ha il maggior numero di casi e decessi per il virus riportato nel mondo, e un modello di punta che tiene traccia del coronavirus negli Stati Uniti ha previsto mercoledì che oltre 60.000 persone moriranno a causa di Covid-19 nel mese di agosto.

“Guardando come Trump ha gestito questa crisi … sembra proprio che le persone non siano davvero consapevoli di ciò che sta succedendo e non stanno prendendo le giuste decisioni”, afferma Howland.

Il 23 marzo, i dipendenti lavorano con maschere e guanti protettivi in ​​un negozio a Batroun, nel nord del Libano.

Paure della sofferenza a lungo termine in Libano

Altri credono che il Libano a corto di liquidità debba ancora sperimentare il peggio dell’epidemia di coronavirus.

READ  Omaggio al principe: DJ D-Nice dà il via a "Grammys Salute to Prince"

Quando la scorsa settimana la libanese-americana Hana Murr ha ricevuto un’e-mail con l’offerta di rimpatrio dell’Ambasciata degli Stati Uniti, l’ha vista come un’opportunità per fuggire da una profonda crisi economica.

“Siamo sempre stati deboli e ne saremo fortemente colpiti”, ha detto Murr. “Il governo deve ora recuperare. Stanno facendo un lavoro abbastanza decente. Sono sorpreso. Le mie aspettative erano molto basse e le hanno superate.”

Ma aggiunge: “La spirale discendente dell’economia e i pericoli posti dai coronavirus mi spaventano moltissimo e voglio uscire prima che mi venga in mente tutto”.

“Sono felice, il cuore spezzato, sollevato, depresso e cambia ogni 10 minuti”, ha detto Murr, poche ore prima di prendere l’aereo per tornare nel suo paese, la Florida.

Parlando dal suo appartamento a Beirut, Fuglei, nel Montana, ha detto che sarebbe stata tentata di tornare negli Stati Uniti se avesse avuto più fiducia nella sua leadership.

“Ad essere onesti, se avessimo ancora un’amministrazione Obama o qualsiasi tipo di fiducia, forse noi (gli americani di Beirut) ci saremmo sentiti diversamente”, ha detto. “Probabilmente avrebbero promulgato qualcosa in cui avevo un chiaro piano di assistenza sanitaria, o in cui gli alloggi erano compensati, o con una chiara serie di benefici ai quali avrei potuto tornare”, aggiunge Fuglei.

“Ho solo zero fiducia”.

source–>https://www.cnn.com/2020/04/09/middleeast/us-citizens-lebanon-coronavirus-intl/index.html

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *