I festival di Coachella e Stagecoach sono stati annullati a causa delle preoccupazioni sulla diffusione del coronavirus

“Sono preoccupato per le crescenti indicazioni che COVID-19 potrebbe peggiorare in autunno”, ha dichiarato il dott. Cameron Kaiser, funzionario della sanità pubblica della contea di Riverside, in una dichiarazione che annuncia la cancellazione del festival. “Date le circostanze e il potenziale previsti, non mi sentirei a mio agio nel procedere”.

L’area del festival è autorizzata ai sensi della fase 4 del piano di riapertura del governatore californiano Gavin Newsom e richiederebbe trattamenti o vaccini per consentire l’ingresso, ha detto Kaiser.

Funzionari sanitari hanno dichiarato di essere stati in contatto con Goldenvoice, il promotore dei festival, a riguardo.

Il Festival di musica e arti della Coachella Valley e il Festival della musica country di Stagecoach erano originariamente previsti per aprile, ma rinviato a ottobre sotto la direzione dell’autorità sanitaria della contea di Riverside.

I festival accolgono ciascuno centinaia di migliaia di persone e presentano artisti di fama.

Rage Against the Machine, Travis Scott e Frank Ocean erano programmato per Coachella, così come le esibizioni di Calvin Harris, Big Sean, Lewis Capaldi, Charlie XCX, Flume, 21 Savage, Lana Del Rey e Lil Nas X.

Thomas Rhett, Carrie Underwood ed Eric Church erano stati i protagonisti di Stagecoach.

“Queste decisioni non sono prese alla leggera sapendo che molte persone ne saranno colpite”, ha detto Kaiser. “La mia prima priorità è la salute della comunità”.

READ  MTV VMA funzionerà come previsto a New York

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *