I leader africani costretti a confrontarsi con i sistemi sanitari che hanno trascurato per anni

Ma con voli falliti e paesi in tutto il mondo bloccati a causa della pandemia di coronavirus, questi leader vengono avvertiti che devono riparare i loro sistemi sanitari.

“Non c’è spazio per i leader da nascondere”, ha detto Enabulele. “L’intera situazione dei titolari di cariche pubbliche in Africa, che usano il denaro dei contribuenti per viaggi medici all’estero con il minimo disagio, è qualcosa che si ribalterà alla fine di questa pandemia”, ha affermato Enabulele. alla CNN.

Una prospettiva terrificante

Numeri di infezione in tutto il continente, sebbene significativamente più debole rispetto ad altre parti del mondo, stanno crescendo esponenzialmente. il Organizzazione mondiale della sanità ha recentemente riferito che il numero di casi in Africa è ora oltre 11.000, con 600 morti.

La pandemia ha travolto le strutture sanitarie avanzate e gli esperti prevedono che potrebbe devastare i fragili sistemi sanitari del continente, già afflitti da finanziamenti insufficienti e controversie di lavoro.

Le macchine di soccorso come i ventilatori, essenziali per la gestione dei casi Covid-19, rimangono un lusso in alcuni paesi africani.

La Repubblica Centrafricana (CAR) ha solo tre fan per cinque milioni di persone, il Consiglio norvegese per i rifugiati (NRC) ha detto, avvertendo che un’epidemia potrebbe mettere in ginocchio la piccola nazione africana.

“Quando i paesi ricchi sono in modalità panico dichiarando che migliaia di fan non saranno sufficienti, questo dimostra quanto i paesi più poveri come la CAR non hanno alcuna possibilità di combattere Covid-19”, ha affermato il direttore nazionale del NRC in CAR, ha detto David Manan.

Cattive condizioni di vita negli ospedali causano un
La situazione è altrettanto terribile nello Zimbabwe, dove gli operatori sanitari negli ospedali di tutto il paese dichiarano di non avere forniture di base come bende e guanti per la cura dei propri pazienti.
Infermieri e dottori astenuto dal lavoro per protestare contro la carenza di dispositivi di protezione contro i coronavirus dopo che il paese ha registrato la sua prima morte il mese scorso.
La popstar ugandese è diventata politica Vino Bobi Ha detto alla CNN che il sistema sanitario di molti paesi africani non è stato in grado di gestire una massiccia epidemia di Covid-19.

“Devo ricordare alle persone che il coronavirus è più grave di quanto già assumano. Uccide molte persone in Italia, dove esiste un grande sistema sanitario. Quindi mi spaventa persino immaginare cosa possa fare in Africa se avrà pieno effetto “, ha detto Wine.

READ  La Cina si avvicina alla stazione spaziale con il nuovo lancio di un razzo

Wine ha affermato che i finanziamenti per l’assistenza sanitaria non sono stati in prima linea nella spesa pubblica in molti paesi africani perché i loro leader spesso cercano cure negli ospedali all’estero.

“È chiaro che l’assistenza sanitaria non è una priorità per molti governi africani e investono molto poco in essa. Ogni volta che sono malati o i loro bambini hanno problemi di salute, scelgono di uscire dal loro paese “, ha detto Wine.

“Ora, la pandemia di coronavirus ha spianato la strada a molti leader africani. Ha dimostrato che avrebbero dovuto investire nel sistema sanitario del loro paese, il che avrebbe giovato a loro e alle persone in questa crisi”.

I paesi africani sono gravemente minacciati se le epidemie non vengono individuate in anticipo e messe sotto controllo, afferma il funzionario del CDC

I legislatori hanno affermato che i soldi spesi per viaggi medici all’estero potrebbero essere stati utilizzati per dotare gli ospedali locali di moderne attrezzature mediche come i ventilatori, che si sono dimostrati essenziali per il trattamento di alcuni pazienti che hanno sviluppato malattie a causa di Covid-19.

Wine ha affermato che alcuni ospedali pubblici in Uganda sono diventati “trappole mortali” a causa di anni di abbandono e che alcuni cittadini, incluso se stesso, hanno dovuto pagare tasse proibitive per le cure all’estero che avrebbero potuto essere più economico in Uganda.

Tra il 2019 e il 2021, l’Uganda ha speso l’8,9% del suo bilancio nazionale in sanità, rispetto al 9,2% dell’anno precedente, secondo l’UNICEF.

“Ho dovuto spendere i miei fondi per ottenere un trattamento precoce all’estero perché la procedura non poteva essere dispensata in questo paese. Ma la maggior parte dei leader ugandesi si reca all’estero per cure minori usando i soldi dei contribuenti “, ha detto Wine.

READ  Naomi Campbell, isolata come tutti noi, ha girato la sua cover di Essence usando un iPhone

Ma Jane Aceng, Ministro della Salute dell’Uganda, ha dichiarato che la valutazione della CNN Wine sul sistema sanitario del Paese non è stata accurata.

“L’Uganda sta andando bene e lo dimostra la nostra risposta alla situazione del coronavirus. Stiamo bene”, ha detto.

Aceng ha aggiunto di avere tutte le risorse necessarie per svolgere il suo lavoro.

La nazione dell’Africa orientale è stato uno dei primi I paesi africani devono imporre rigide politiche di viaggio e di quarantena per prevenire la diffusione del coronavirus prima ancora di denunciare un caso. Finora ha segnalato 53 casi

Un impegno mancato

I leader africani hanno sistematicamente trascurato il settore sanitario del loro paese, nonostante diverse promesse per migliorarlo, hanno detto gli analisti.

Nel 2001, capi di stato di 52 paesi africani si sono incontrati nella capitale nigeriana, Abuja e impegnata a spendere il 15 percento del loro bilancio sanitario nazionale annuale.
Solo pochi paesi hanno raggiunto questo obiettivo nel continente. Includono Tanzania, Ruanda, Botswana e Zambia, Secondo l’OMS.
Il Ruanda ha raddoppiato le sue spese sanitarie per oltre 10 anni, ha affermato l’OMS nel suo rapporto del 2017. La nazione centroafricana ha anche ricevuto elogi per la sua copertura assicurativa sanitaria nazionale che è la più alta del continente

Ma la maggioranza è caduta attraverso le crepe mantenendo questo impegno.

Da quando ha firmato la dichiarazione, la Nigeria ha stanziato meno del sei percento del proprio budget per la salute e la maggior parte del denaro viene speso per gli stipendi, secondo l’organizzazione di controllo del bilancio con sede in Nigeria. Budgit.
In un articolo pubblicato dal Brookings Institute, i ricercatori hanno affermato che anche se l’Africa ha sostenuto il 23% del carico globale di malattie nel 2015, rappresentava solo l’1% della spesa sanitaria globale per lo stesso anno.

“In termini pro capite, il resto del mondo spende 10 volte di più in sanità che in Africa”, hanno detto i ricercatori.

READ  Pandemia di coronavirus: aggiornamenti in tutto il mondo

I ricercatori prevedono che potrebbe essere difficile per i paesi del continente raggiungere gli obiettivi di sviluppo sostenibile con una data obiettivo del 2030 con “l’attuale ambiente di spesa”.

Sveglia

Lo storico nigeriano-britannico Ed Keazor concorda sul fatto che la ricaduta dell’epidemia è una “bandiera rossa” per i governi di dare priorità all’assistenza sanitaria a prezzi accessibili.

Keazor, un sopravvissuto al cancro, ha dichiarato di aver preso la difficile decisione di tornare a Londra, dove ha accesso a cure a prezzi accessibili tramite il Servizio sanitario nazionale, anche se lavora in Nigeria.

& Quot; Pensavo che sarei morto: un sopravvissuto coronavirus nigeriano condivide la sua esperienza
Il regista ha dichiarato di essere venuto a Lagos per un festival di ricerca e film a marzo, ma è stato catturato in città dopo il governo nigeriano. vietato tutti i voli internazionali contenere la diffusione dell’epidemia.

Keazor afferma di aver perso un appuntamento con il suo medico nel Regno Unito a causa delle restrizioni di viaggio, e non sarebbe stato un problema se avesse potuto ottenere la stessa qualità di assistenza a livello locale.

“Se potessi ottenere la stessa qualità di assistenza qui (Nigeria) come nel Regno Unito, dove sono un contribuente e ottenere buoni servizi medici, preferirei rimanere qui perché è qui che si trovano il mio lavoro e la mia famiglia. ampliato ma sfortunatamente non c’è “, ha detto Keazor alla CNN.

Per ora, spera che la crisi sanitaria cambierà la direzione del governo nigeriano dove dice che dovrebbe essere.

“Spero che l’enormità di questo problema abbia messo in luce l’urgenza di investire in infrastrutture sanitarie per il governo e indipendentemente dal paese dopo la crisi, le nostre priorità saranno incentrate sull’assistenza sanitaria e educazione “, ha detto.

Brent Swails della CNN e Anita Patrick hanno contribuito a questa storia.

source–>http://rss.cnn.com/~r/rss/edition_africa/~3/iW_61zbURsM/index.html

We will be happy to hear your thoughts

Leave a reply

FPSGames.IT