I mercati asiatici crollano dopo che le preoccupazioni per il virus statunitense hanno aumentato le vendite di Wall Street

Giappone Nikkei 225 ((N225) il commercio è sceso dell’1,8% all’inizio del commercio, mentre la Corea del Sud Kospi ((KOSPI)perso il 2,7%. Hong Kong Hang seng ((HSI) e la Cina Composito di Shanghai ((SHCOMP) scambiati rispettivamente all’1,2% e allo 0,6%.

Anche i futures sul petrolio sono diminuiti. Il petrolio USA è calato del 2% durante le ore di negoziazione asiatiche venerdì, continuando il calo dell’8% giovedì. Il West Texas Intermediate è stato scambiato l’ultima volta a $ 35,61 al barile. Il Brent, il benchmark globale, ha perso l’1,1% a $ 38,10 al barile, continuando il calo del 7,6% giovedì.

Le perdite sono arrivate dopo che le azioni statunitensi sono cadute giovedì, il loro giorno peggiore dal 16 marzo.

La pandemia ha già causato un picco di disoccupazione negli Stati Uniti con la chiusura di alcuni settori dell’economia. Una seconda ondata di infezioni potrebbe costringere molte aziende a chiudere nuovamente dopo la riapertura.

“La paura di un aumento del tasso di infezioni da Covid-19 è il principale motore di questa vendita”, ha scritto Tai Hui, capo stratega del mercato asiatico per JP Morgan Asset Management, in una nota di ricerca pubblicata venerdì.

I mercati petroliferi, nel frattempo, stanno rispondendo ai timori di crescenti infezioni nella più grande economia mondiale del consumo di petrolio, secondo Stephen Innes, capo stratega del mercato globale presso AxiCorp.

Ha aggiunto che il recente sentimento negativo è stato “aggravato” dai commenti del presidente della Federal Reserve Jerome Powell, che ha avvertito mercoledì che il futuro economico del paese è molto incerto.

I futures azionari statunitensi hanno registrato un lieve rialzo delle negoziazioni dopo il normale orario di lavoro. Dow ((INDEBITO) i contratti a termine sono aumentati di 266 punti, pari all’1,1%. S&P 500 ((SPX) i contratti a termine sono aumentati dello 0,9%, Nasdaq ((COMP) i contratti a termine sono aumentati dello 0,8%.

– Anneken Tappe e Tami Luhby hanno contribuito a questo rapporto.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *