I prezzi del petrolio stanno diventando positivi ma il mercato rimane “rotto”

Lunedì, il petrolio statunitense che doveva essere consegnato a maggio si attesta a $ 37,60 al barile, il primo risultato negativo nella storia. Ciò significa che i produttori, che esauriscono lo spazio di archiviazione al collasso della domanda di energia, sono pronti a farlo pagare gli acquirenti per rimuovere il greggio dalle loro mani. Ciò non è mai accaduto prima per i futures intermedi del Texas occidentale, il punto di riferimento americano.
Da allora il prezzo al barile del greggio WTI da consegnare a maggio diventare positivo. Martedì si è attestato a $ 10,01 al barile, in calo dell’84% dal suo recente picco di gennaio.

Il contratto è stato chiuso martedì, il che significa che il commercio è stato leggero e la maggior parte degli investitori si rivolge a giugno. Ma questo non è solo un caso di strane meccaniche di mercato. Anche il prezzo di un barile di petrolio greggio WTI da consegnare il mese successivo è precipitato. È sceso del 43% a $ 11,57 al barile. Martedì il petrolio è sceso a $ 6,50.

I future sul greggio Brent, il benchmark globale, sono scesi sotto i $ 19 al barile martedì per raggiungere il loro livello più basso dal 2002, in calo di quasi il 26%.

“[I’m] Shell ha scioccato “, ha dichiarato Bjornar Tonhaugen, responsabile dei mercati petroliferi di Rystad Energy. Normalmente c’è una certa volatilità alla fine di un periodo di contratto. Ma ciò indica che il mercato petrolifero è” ufficialmente rotto “mentre lo stoccaggio si sta accumulando, ha detto. Preoccupazione speciale per lo spazio rimasto a Cushing, Oklahoma, il centro di consegna WTI.

Gli effetti del greggio a buon mercato avranno un impatto sull’economia. Anche in un ambiente petrolifero di $ 20, 533 compagnie petrolifere statunitensi di esplorazione e produzione file per fallimento entro la fine del 2021, secondo Rystad Energy.

Il problema non scompare. Nessuno può dire quando riprenderà la domanda di petrolio. E anche dopo il completamento dei blocchi, Tonhaugen impiegherà molto tempo a riavviarsi, ha affermato Tonhaugen. Problemi simili potrebbero sorgere alla scadenza del contratto di giugno tra un mese.

READ  ESPN trasmetterà gare di marmo, sputando ciliegie e altri strani sport questo fine settimana

“C’è molto petrolio e non c’è molto spazio per metterlo in questo momento, quindi nessuno vuole prendere in consegna”, ha detto Randy Giveans, analista di Jefferies.

Mentre lo stoccaggio onshore si riempie, Giveans ha seguito un boom dello stoccaggio galleggiante in cui commercianti e produttori possono nascondere il petrolio per consegnare in un secondo momento a un prezzo più elevato.

Negli ultimi 10 anni, i commercianti o i produttori spenderebbero in genere $ 25.000 al giorno ad aprile su un supercisterna o VLCC, che può immagazzinare 2 milioni di barili di greggio, secondo Giveans. Il prezzo è salito a circa $ 150.000 al giorno, sei volte di più, ha detto.

“Abbiamo visto più contratti [for floating storage] nelle ultime quattro settimane che negli ultimi quattro anni messi insieme “, ha detto Giveans.

L’incredibile sconvolgimento nei mercati petroliferi è un segno dell’entità della pandemia di coronavirus, poiché le scorte si sono stabilizzate. Gli effetti potrebbero essere avvertiti per mesi e anni a venire.

“Ricorda molto un momento nel mezzo[19]80 dove si è verificata esattamente la stessa situazione: troppa offerta, troppo poca domanda e prezzi del petrolio sono rimasti bassi per 17 anni “, ha detto alla BBC l’ex capo della BP John Browne.

source–>http://rss.cnn.com/~r/rss/cnn_latest/~3/7eTLTqj1Mis/index.html

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *