I ristoranti si trasformano in negozi di alimentari a causa del coronavirus

“Sarebbe stato fantastico”, ha detto Strong alla CNN Business. “Ed è stato incredibile, per un’intera settimana.”

Così decise di iniziare a vendere i cibi e gli ingredienti che acquistava all’ingrosso a singoli clienti, trasformando essenzialmente il suo ristorante in un negozio di alimentari indipendente. L’idea è stata un successo.

“Stiamo soffiando sul prodotto”, ha detto. “È incredibile vedere persone del quartiere che conosciamo come ospiti”, ha aggiunto. “Un tempo davano un’occhiata ai piatti dei nostri barbecue a carbone, e ora si rendono conto che in città ci sono gli unici scaffali per pasta”.

Strong non è l’unico proprietario del ristorante ad aver iniziato a vendere ingredienti alimentari ai clienti.

In tutto il paese, caffè e ristoranti lo sono rimescolando per mantenere a galla le loro attività. I ristoranti che si affidavano ai clienti dei ristoranti offrono rapidamente modi per trattenere i clienti che non sono più autorizzati ad entrare nelle sale da pranzo.

La consegna è un’opzione, ma è costosa: le aziende che utilizzano servizi di terze parti come Grubhub di solito devono pagare loro una commissione, che potrebbe consumare margini già sottili.

La vendita di generi alimentari è un modo per evitare questo problema. Vendono oggetti che vendono già, in una forma diversa. L’apertura di negozi di alimentari temporanei sta contribuendo ad aumentare il numero di supermercati nel paese, il che potrebbe ridurre le strozzature di congestione o consegna. È anche un modo per provare a supportare i fornitori in difficoltà.

Oltre la consegna

Tucker Silk Mill a Easton, in Pennsylvania, non vuole fare affidamento sulla consegna.

Molti ristoranti hanno dovuto occuparsi della consegna durante questo periodo. Ma per Strong, evitare la consegna era importante. Non voleva essere in debito con quelli servizi di terzi. Per lui e per gli altri, la consegna non è mai stata una buona opzione.

Tucker Silk Mill, un caffè di Easton, in Pennsylvania, fino a poco tempo fa si è presentato come luogo di ritrovo. “Ci siamo completamente arresi [the] modello di consegna per iniziare “, ha detto il proprietario Jason Hoy. Con la consegna tradizionale sul tavolo, Hoy ha iniziato a vendere generi alimentari online, con l’opzione di ritiro dai negozi.

READ  Aggiornamenti coronavirus in tempo reale: i casi superano i 2,1 milioni in tutto il mondo

“Quello che abbiamo è un modello che possiamo controllare completamente”, ha detto, osservando che una volta che hanno iniziato a vendere generi alimentari, “la nostra attività è esplosa”.

Altri hanno creato negozi di alimentari interni per utilizzare lo spazio in eccesso.

Marc Glosserman possiede alcuni giunti per barbecue Hill Country a New York e Washington, DC. Sono grandi, fino a circa 13.000 piedi quadrati per negozio e incoraggiano i clienti a mangiare in loco.

“Non sono costruiti solo per la consegna e il ritiro”, ha detto. Glosserman ha deciso di utilizzare parte di questo spazio aggiuntivo per creare un negozio generale e vendere un inventario in eccesso al di fuori della sede principale di Manhattan. Quando le persone vengono a mangiare, possono anche prendere oggetti essenziali come carta igienica o patate.

Altri negozi di alimentari

Come le paure che circondano il coronavirus trasmissione nei negozi di alimentari salire, i negozi di alimentari personalizzati possono diventare attrazioni.

Kevin Lillis gestisce Jaxon, un caffè all’aperto nel centro di Dallas. Ha detto che i clienti locali hanno opzioni di spesa limitate.

“Non c’è molto a loro disposizione ed è meglio che non vadano a fare la spesa”, ha detto Lillis. Jaxon può ospitare 465 clienti e gli ordini da asporto e la consegna rappresentano in genere una piccola parte del business. Le consegne non compenseranno le vendite perse nei negozi, ha affermato.

Jaxon distribuisce quindi servizi di generi alimentari per i suoi clienti e prevede di vendere borse a un prezzo fisso di circa $ 60 ciascuno. Ogni busta è piena di sei uova, burro, formaggio cheddar, piselli dagli occhi neri, pane integrale, coriandolo, cavolo nero, patate, limone, lime, pancetta, pollo e altro ancora.

READ  Rapporto sull'occupazione di aprile 2021: la disoccupazione aumenta dopo massicci licenziamenti in aprile

“Queste sono le cose che pensavamo le persone avessero più bisogno”, ha detto Lillis, osservando che i clienti possono scambiare articoli se lo desiderano.

Hill Country a New York vende generi alimentari ai propri clienti.

Anche le catene più grandi stanno entrando nella tendenza.

Oltre 30 sedi di Denny in Oregon e California vendono generi alimentari – tra cui prodotti di carta, formaggi, pane, carne cruda e salumi e frutta e verdura fresca e congelata – in i loro parcheggi. I clienti possono ordinare online o dalla propria auto e i dipendenti portano loro i pacchi.

“Questo nuovo servizio consente ai clienti di ottenere il cibo e le forniture di cui hanno bisogno senza compromettere i protocolli di distanziamento sociale o dover entrare in spazi ad alto contatto”, ha dichiarato la società in una nota.

Panera Bread è anche espansione nel negozio di alimentari, vendendo articoli come bagel, pane, litri di latte, yogurt e prodotti freschi. “Con scelte limitate sugli scaffali dei negozi di alimentari e la crescente necessità di limitare il numero di viaggi fuori casa, questo è un momento incredibilmente stressante quando si tratta di mettere cibo sano sul tavolo”, ha detto Niren Chaudhary, CEO di Panera, in una dichiarazione. , aggiungendo che Panera Grocery può aiutare a “fornire un migliore accesso agli articoli essenziali che sono sempre più difficili da trovare”.

Riallocazione dell’offerta

La vendita di generi alimentari è anche un modo per aiutare i fornitori di ristoranti, molti dei quali stanno lottando.

“I nostri fornitori hanno urgente bisogno di supporto”, ha dichiarato lo chef e ristoratore Fabio Trabocchi. Dei suoi sei ristoranti a Washington, DC, quattro sono chiusi. Due, Fiola Mare e Sfoglina Pasta House, sono aperti per la consegna, da asporto e generi alimentari.

Trabocchi ha dichiarato che i suoi fornitori hanno visto un calo della domanda quando i fornitori di servizi alimentari hanno iniziato a chiudere. E mentre alcuni hanno iniziato a vendere direttamente ai consumatori, altri stanno lottando per trasformare i loro modelli di business così rapidamente.

READ  L'icona televisiva australiana "Neighbours" riprende la produzione durante la pandemia di coronavirus

Prairie’s Strong ha dichiarato: “È stato molto importante per me continuare a supportare tutti i nostri fornitori”. I suoi fornitori vendono ai ristoranti e alcuni non possono rivolgersi al dettaglio perché non hanno creato questi account.

I nuovi negozi di alimentari possono anche aggirare i colli di bottiglia della catena di approvvigionamento che colpiscono i grandi rivenditori.

Drogheria venduta da Sfoglina, a Washington, D.C.

Un fornitore di frutta e verdura ha dichiarato a Strong di essere preoccupato di non poter vendere avocado che erano andati a fornitori di servizi di ristorazione. Grazie al suo negozio di alimentari, Strong è stato in grado di acquistare alcuni di questi prodotti in eccesso e venderli ai clienti.

La natura puntuale dell’ordine per le forniture si applica anche ai prezzi e agli imballaggi.

In generale, i ristoranti che sono diventati supermercati hanno aggiunto un modesto margine al costo degli articoli. “Non esiste un markup standard su questi articoli”, ha dichiarato Glosserman di Hill Country. “Li valutiamo in modo che si muovano.”

Strong non ha una licenza di pesi e misure, che viene rilasciata ai negozi di alimentari per garantire che vendano la giusta quantità di prodotto. Quindi, invece di vendere pollo per chilo, lo vende all’uccello. Divide anche sacchi di farina da 50 libbre in sacchetti di plastica e dà ai clienti un peso approssimativo.

Le operazioni si evolvono di giorno in giorno. Ma alcuni posti si stanno preparando per un cambiamento più permanente. Tucker Sill Mill in Pennsylvania ha ordinato nuovi frigoriferi e sta installando scaffali per negozi di alimentari, ha detto Hoy.

source–>http://rss.cnn.com/~r/rss/edition_world/~3/ouJJFPBF1d8/index.html

We will be happy to hear your thoughts

Leave a reply

FPSGames.IT