Il Belgio è senza un governo con pieni poteri da più di 600 giorni: un record, anche per un Paese che negli ultimi anni ha attraversato diverse crisi politiche. L’assenza di un governo con pieni poteri – e quindi l’impossibilità di aumentare la spesa pubblica – diventa un grosso problema, ha scritto Politico, soprattutto a causa della crisi causata dall’epidemia di coronavirus e degli interventi che richiede. Ora, i due partiti con il maggior numero di seggi in parlamento, i nazionalisti fiamminghi ei socialisti francofoni, hanno trovato una sorta di accordo: ma non verrà votato fino alla seconda metà di settembre, quando il parlamento belga si riunirà dopo le elezioni. vacanze estive.

La crisi è iniziata nel dicembre 2018, quando l’allora Primo Ministro Charles Michel si è dimesso a causa delle tensioni interne legate principalmente al tema dell’immigrazione, e dopo la New Flemish Alliance (N-VA), un Partito separatista fiammingo di destra, ha lasciato il governo. Le elezioni successive si sono svolte nel maggio 2019, ma non hanno prodotto la maggioranza. Iniziarono quindi diversi negoziati infruttuosi, durante i quali Sophie Wilmès, del partito di Michel, fu nominata primo ministro ad interim. Nel marzo 2020, per gestire l’epidemia di coronavirus, re Philippe ha nominato Wilmès a capo di un governo di minoranza, che non ha mai ricevuto la fiducia del parlamento e che continua ad operare senza pieni poteri.

Il Belgio è quindi un Paese senza governo a pieno regime da più di 600 giorni: ha superato il record precedente, 541 giorni, registrato nel 2010.

– Leggi anche: Cosa sappiamo del vaccino russo

READ  Boris Johnson says 'I was too fat' in UK launch to tackle obesity

Uno dei motivi principali della crisi politica belga è la difficoltà di riunire i partiti appartenenti alle due comunità in cui è diviso il Paese: i fiamminghi e i valloni.

Il Belgio, infatti, è diviso in due: al nord vivono circa due terzi della popolazione, i fiamminghi di lingua olandese. Nel sud vivono i Valloni, che parlano francese e rappresentano circa un terzo della popolazione. Il resto dei belgi vive a Bruxelles, una regione ufficialmente bilingue ma che ne fa una sorta di isola francofona in territorio fiammingo. Negli ultimi decenni, il nord fiammingo si è industrializzato e ha superato il sud francofono in quasi tutti i principali indici di sviluppo. I due popoli hanno tradizioni e usi diversi e un’identità molto sviluppata. Ci sono scuole, ospedali, partiti politici che si rivolgono esclusivamente a fiamminghi e valloni.

– Leggi anche: In che lingua parlano i giocatori belgi?

La complessità del Belgio ha contribuito negli ultimi anni a provocare diverse crisi politiche, come quella in atto, ma allo stesso tempo ha permesso di attenuarne la gravità: lo Stato belga infatti delega molti importanti poteri ai governi regionali e locali. , che anche in assenza di guida federale continuano ad esercitare le loro funzioni. Per questo, oggi come nel 2010Molti si chiedono se il fatto di non avere un governo a tutti gli effetti in Belgio sia davvero un problema, in quanto “l’attualità” è garantita dall’esecutivo uscente e la spesa dell’apparato di governo è ridotta al minimo. Durante la crisi del 2010, ad esempio, l’economia nazionale è cresciuta del 2% e la disoccupazione è diminuita.

Secondo PoliticoTuttavia, ci sono almeno quattro ragioni per cui l’assenza di un governo federale sarebbe un grosso problema in Belgio, soprattutto con l’epidemia di coronavirus in corso, che richiede una forte leadership politica.

READ  L'autista di autobus francese Philippe Monguillot muore dopo un attacco alle regole della maschera

Il primo riguarda il bilancio dello Stato. Il parlamento belga, infatti, dal 2017 non approva un vero e proprio budget e, secondo le leggi in vigore, il governo che si occupa di “attualità” può spendere solo un dodicesimo delle spese sostenute l’anno precedente. ogni mese. Dall’inizio dell’epidemia, tuttavia, il parlamento belga ha trovato di volta in volta soluzioni per affrontare la crisi, consentendo all’attuale governo guidato da Sophie Wilmès di adottare politiche più ampie di quelle ufficialmente inserite nel suo ufficio. . Come in molti altri paesi europei, la crisi causata dal coronavirus è stata particolarmente grave anche in Belgio: secondo i dati Eurostat di luglio, nel primo trimestre del 2020, il deficit del Belgio è aumentato più di qualsiasi altro paese del ‘Unione europea. tranne Malta.

La seconda ragione riguarda l’impossibilità per il governo belga di adottare un vasto piano di ripresa dopo il COVID-19, che richiederebbe importanti riforme, soprattutto in campo economico. Sebbene varie responsabilità economiche in Belgio siano affidate ai governi regionali – quelli della regione di Bruxelles, delle Fiandre e della Vallonia – il governo federale mantiene un importante ruolo di coordinamento. Questo ruolo è necessario per definire i programmi economici nazionali, ma anche alla luce degli impegni presi il mese scorso dai leader dell’Unione Europea. sul fondo di stimolo.

– Leggi anche: Il contratto del fondo di recupero

Il terzo motivo per cui ha scritto Politico, è legata alla perdita di attrattività delle cariche governative che, sempre più ridotte, attraggono meno persone di talento e di valore. Questo sembra essere un problema a lungo termine, soprattutto perché alcuni ministeri, come quelli per la mobilità e il digitale, stanno già soffrendo di una significativa perdita di rilevanza, perché non rientrano nella categoria dei ministeri legati alla gestione della crisi causata dall’epidemia.

READ  Le stelle dimenticate dell'età d'oro della fotografia maliana

Il quarto e ultimo motivo è legato alla mancanza di una riforma strutturale delle pensioni, che non può essere avviata senza un governo con pieni poteri. In Belgio, come nel resto d’Europa, il sistema pensionistico è sotto pressione a causa del progressivo invecchiamento della popolazione, senza contare che negli ultimi 20 anni l’ammontare dei fondi destinati alle pensioni è aumentato di due volte più veloce del PIL. Nel 2014, l’allora governo di Michel ha aumentato l’età pensionabile da 65 a 67 anni dal 2030, ma la misura potrebbe non risolvere il problema della vita lavorativa in Belgio, 33 anni, 6 anni, ben al di sotto. la media dell’Unione Europea, 35,9 anni.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *