Il Boeing non tornerà presto alla normalità

“Se oggi sei una compagnia aerea, il tuo ultimo obiettivo è comprare aerei, il tuo obiettivo principale è la sopravvivenza”, ha dichiarato Ron Epstein, analista aerospaziale presso la Bank of America Merrill Lynch.

Notizie che Boeing prevede riprendere la produzione ha contribuito a sollevare la sua quota del 14% venerdì. Ma ciò non cambia il fatto che finora quest’anno Boeing ha avuto quattro volte di più ordini per i nuovi aerei cancellati – 196 – perché ha registrato nuovi ordini. Altri 160 ordini sono stati rinviati e non sono più registrati nel suo portafoglio ordini.
E mentre la maggior parte degli aerei cancellati sono Boeing 737 Max nei guai, che era terra da marzo 2019 di più due incidenti mortali che ha ucciso 346 persone, il problema è molto più ampio di questo problema di sicurezza. È il fatto che le compagnie aeree non avranno bisogno di nuovi aerei per un futuro prevedibile.

Della flotta globale di 26.000 aerei di linea, quasi 17.000, o il 64%, sono ora parcheggiati negli aeroporti di tutto il mondo, secondo il servizio di localizzazione Cirium.

“Nessuno ruba” disse Epstein. “Più va avanti, maggiori sono le possibilità che le compagnie aeree non debbano acquistare aerei”.

A causa di problemi di salute, restrizioni di viaggio e ordini di soggiorno a casa in seguito all’epidemia di coronavirus, la domanda di viaggi aerei è “essenzialmente zero“Secondo una dichiarazione rilasciata questa settimana da United Airlines. Ha tagliato il programma di maggio del 90% e ha avvertito che la domanda di viaggio dovrebbe rimanere depressa nel 2021. Altre compagnie aeree stanno effettuando tagli simili e lanciando avvertimenti simili.
Boeing (BA) rivale Airbus (EADSF) ha annunciato la scorsa settimana che poteva consegnare solo 122 dei 182 jet costruiti durante il trimestre, riflettendo “le richieste dei clienti di ritardare le consegne, nonché altri fattori legati alla pandemia di COVID-19 in corso “. Ha inoltre ridotto i suoi piani di produzione futuri di circa il 30%.

Boeing non ha ancora annunciato quanto presto costruirà gli aerei quando la produzione riprenderà la prossima settimana, ma anche gli esperti prevedono che i tassi di produzione diminuiranno.

READ  Perché gli Stati Uniti hanno il maggior numero di decessi Covid-19 nel mondo

Le consegne saranno molto più basse

Epstein e altri esperti affermano di non aspettarsi che le consegne scendano a zero, anche se sono fortemente ridotte dall’attuale crisi. Le compagnie aeree hanno già predisposto finanziamenti per molti aerei in prossimità della consegna. E i nuovi aerei sono più efficienti da usare rispetto a quelli più vecchi, sebbene con prezzi del carburante significativamente più bassi, questo vantaggio è ridotto.

“Acquistate un aereo da 15 a 20 anni, non per i prossimi sei mesi”, ha dichiarato Chris Denicolo, analista del credito presso Standard & Poors.

La buona notizia per Boeing e Airbus è che entrambi hanno un enorme arretrato. Boeing aveva in sospeso 5.400 ordini alla fine di marzo e Airbus circa 7.500. Anche se ciascuno ha cancellazioni dell’ordine pari a un quarto di questo portafoglio ordini, avranno abbastanza ordini di aeromobili da continuare a crescere per diversi anni, mentre la domanda di viaggi e aerei dovrebbe riprendersi.

“La maggior parte delle industrie ucciderebbe per avere ordini per i prossimi 5-6 anni”, ha detto Denicolo.

Tuttavia, secondo le stime di Laurent Rouaud, co-fondatore del consulente aeronautico Avwork Partners, le consegne in tutto il settore dovrebbero scendere dal 50% al 60% quest’anno. Le consegne combinate da Boeing e Airbus erano già in calo del 22% nel 2019 a causa della crisi di 737 Max. Una caduta di ulteriori 600 jet ridurrebbe in modo significativo i flussi di cassa delle due compagnie quando realizzano la maggior parte delle loro entrate quando una compagnia aerea prende in consegna un jet.

Perché Boeing riavvierà la costruzione di jet

Allora perché Boeing sta costruendo di nuovo aerei a reazione? in primo luogo, per aiutare a supportare i suoi fornitori, molti dei quali sono stati gravemente danneggiati dai problemi di Boeing con il 737 Max, che ha temporaneamente sospeso la produzione a gennaio. Man mano che i lavoratori inizieranno a costruire più aeromodelli la prossima settimana, un team separato si preparerà a riprendere la produzione del 737 Max, sebbene Boeing non si aspetti che i regolatori del trasporto aereo mondiale approvare del tutto il suo volo entro la metà di quest’anno.

READ  A mio figlio, nato ai tempi dei coronavirus e dei cambiamenti climatici

“Penso che parte di ciò sia mantenere in salute la catena di approvvigionamento”, ha affermato Denicolo. “Più va avanti, i fornitori più piccoli, quelli di cui tu e io non abbiamo sentito parlare, potrebbero essere fuori mercato, il che potrebbe causare maggiori problemi in futuro. Ciò potrebbe ritardare il riavvio della produzione.”

Il CEO di Boeing, Dave Calhoun, ha riconosciuto che le preoccupazioni dei fornitori sono state un fattore nel recupero della produzione.

“Per ogni dollaro speso da Boeing, circa 70 centesimi vanno direttamente ai nostri fornitori”, ha detto giovedì ai dipendenti quando ha annunciato la ripresa del lavoro. “Il nostro team continua a concentrarsi sui modi migliori per ottenere flussi di cassa attraverso la nostra attività e la nostra catena di fornitura fino a quando i nostri clienti acquistano nuovamente gli aerei. Continuiamo a credere fermamente nel futuro dell’aviazione e Boeing come leader del settore e siamo pronti a contrarre prestiti per quel futuro. “

Boeing prevede di riavviare le fabbriche dello stato di Washington la prossima settimana

Ma mentre Boeing sta facendo il possibile per aiutare i fornitori a riprendere la produzione, si sta preparando contemporaneamente per i prossimi anni delle vacche.

La compagnia lo è offerta rimborsi e migliori prestazioni pensionistiche per ridurre volontariamente il personale prima di passare a licenziamenti involontari.

La compagnia aveva circa 161.000 dipendenti all’inizio del 2020, due terzi dei quali lavorano nella divisione aeromobili commerciali. Epstein stima che il 20-25% di questi lavori sia a rischio.

“Siamo in acque inesplorate”, ha detto Calhoun ai suoi dipendenti Boeing giovedì. “L’impatto di questo virus globale cambierà la nostra attività negli anni a venire”.

source–>http://rss.cnn.com/~r/rss/cnn_latest/~3/5o6TJEf-wRY/index.html

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *