Il commissario NFL, Roger Goodell, ha dichiarato che la lega era sbagliata per non aver ascoltato prima i giocatori sul razzismo

Goodell ha pubblicato un video sui social media della NFL venerdì in risposta al video “Stronger Together”, che presenta alcuni dei giocatori più famosi della lega, chiedendo alla lega di prendere una posizione ferma sulla morte di George Floyd a Minneapolis.

“Noi, la National Football League, condanniamo il razzismo e la sistematica oppressione dei neri”, ha detto Goodell. “Noi della National Football League ammettiamo che abbiamo sbagliato a non aver ascoltato prima i giocatori della NFL e incoraggiamo tutti a parlare e protestare pacificamente”, ha detto Goodell.

Goodell ha notato che è stato un momento difficile per il paese, in particolare i neri americani, e ha offerto condoglianze alle famiglie di Floyd, Breonna taylor, Ahmaud Arberye “tutte le famiglie che hanno subito violenze della polizia”.

“Senza giocatori neri, non ci sarebbe la National Football League”, ha detto Goodell. “E le proteste in tutto il paese sono emblematiche di secoli di silenzio, disuguaglianza e oppressione di giocatori, allenatori, tifosi e staff neri”.

Goodell ha detto che avrebbe contattato i giocatori e gli altri che hanno parlato di questi temi per vedere “come possiamo migliorare e andare avanti per una famiglia NFL migliore e più unita”.

Il video di La NFL è in programma giovedì e ha presentato i seguenti giocatori: Davante Adams, Jamal Adams, Saquon Barkley, Anthony Barr, Odell Beckham Jr., Ezekiel Elliott, Stephon Gilmore, DeAndre Hopkins, Eric Kendricks, Jarvis Landry, Marshon Lattimore, Patrick Mahomes, Tyrann Mathieu, Patrick Peterson , Sterling Shepard, Michael Thomas, Deshaun Watson e Chase Young.

Nel video, i giocatori, parlando all’unisono, dicono: “Quindi, per conto della National Football League, questo è ciò che noi giocatori vorremmo sentirti dire. Noi, la National Football League, condanniamo il razzismo e l’oppressione sistemica dei neri. Noi della National Football League ammettiamo di aver messo a tacere i nostri giocatori per protestare pacificamente. Noi della National Football League crediamo che la vita dei neri sia importante “.

READ  NASCAR: Bubba Wallace mostra il supporto del conducente dopo aver trovato un cappio nel suo garage

Il razzismo è stato un problema persistente nella NFL, in particolare dopo che l’ex quarterback di San Francisco 49ers Colin Kaepernick ha iniziato a inginocchiarsi prima delle partite mentre l’inno nazionale suonava per protestare contro il brutalità della polizia.

Nessuna squadra offre a Kaepernick un contratto dal 2017, che molti attribuiscono alle loro proteste. Kaepernick ha accusato i proprietari della squadra di collusione della NFL di impedirne la firma. La NFL ha negato qualsiasi collusione ma nel 2019, lo hanno fatto concluso un accordo con Kaepernick e l’ex compagno di squadra Eric Reid, che si inginocchiò con lui.
LeBron James chiama la presentatrice della Fox Laura Ingraham in difesa di Drew Brees

La risposta di Goodell arriva dopo una collaborazione di quasi un anno con Roc Nation di Jay-Z. La partnership ha creato il programma di responsabilità, un’iniziativa che fornisce borse di studio alle famiglie colpite dall’ingiustizia negli Stati Uniti. Il programma ha creato diversi annunci di servizio pubblico che sono stati pubblicati, uno dei quali presentava Meek Mill e Dreamchasers.

Un portavoce del programma NFL Inspire Change ha dichiarato alla CNN che recentemente è stato lanciato un programma di sovvenzioni legacy e che sono già state concesse tre sovvenzioni a famiglie di vittime della violenza della polizia: Botham Jean, Antwon Rose II e Danroy “DJ” Henry.

La risposta di Goodell arriva anche dopo che il quarterback dei Saints Drew Brees disse che “non sarebbe mai stato d’accordo con nessuno che non rispettasse la bandiera”. Brees ha fatto il commento quando gli è stato chiesto di esprimere la sua opinione sui giocatori in ginocchio per protestare contro la brutalità della polizia una volta che la stagione NFL inizia questo autunno.

Da allora si è scusato per i suoi commenti “insensibili” dopo aver ricevuto critiche dai suoi compagni di squadra e altri atleti.

Faith Karimi della CNN ha contribuito a questo rapporto.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *