Il fotografo Seunggu Kim cattura le “montagne” artificiali di Seoul

Scritto da Stella Ko, CNN

Pini verdi felpati sono densamente piantati su colline rocciose fuori da un condominio a Seul. Sembrano le famose cime del Dodamsambong in Corea del Sud, ma sono solo una frazione delle dimensioni.

Questa tendenza all’abbellimento, nota come “jingyeong sansu”, cerca di ricreare le montagne più famose del paese – su scala molto più piccola – al di fuori dei complessi di appartamenti di lusso e delle ville private.

Le montagne artificiali vengono costruite dagli sviluppatori immobiliari nella speranza di migliorare il feng shui degli edifici e il valore di mercato. Alcuni residenti credono anche di portare il potere curativo della natura alle loro porte di casa.

Fotografo di Seoul Seunggu Kim ha catturato queste strutture non convenzionali dal 2011. Durante questo periodo, ha visitato una trentina di complessi di appartamenti dotati di imponenti giardini rocciosi e colline ricoperte di alberi.

La struttura rocciosa ricorda le famose cime del Dodamsambong in Corea del Sud, ma è una frazione delle dimensioni. Credito: Seunggu Kim

Dopo aver trascorso circa 20 lavori nei cantieri edili, Kim è stata spesso tra le prime persone a testimoniare il processo di allevamento in montagna più noto del paese per mesi.

Gli operai hanno prima costruito uno stampo base in polistirolo, che è attaccato o intorno all’edificio, ha detto. Quindi lo ricoprono di terra, prima di piantare fiori e alberi.

Le strutture sono spesso accompagnate da incisioni raffiguranti l’energia positiva che ogni montagna dovrebbe portare, la fertilità e l’aspirazione alla pace della mente.

“Mi sono reso conto che questo non è solo un paesaggio artificiale ma un nuovo ambiente che unisce tradizione e filosofia”, ha dichiarato Kim in un’intervista telefonica. “È interessante vedere come è diventato capitalista”.

READ  Banca mondiale: la crisi del coronavirus potrebbe spingere 60 milioni di persone nella "povertà estrema"

Il prezzo stravagante delle montagne – fino a $ 2 milioni per un design alto fino a 20 metri – significa che si trovano di solito in complessi di appartamenti di lusso. Vengono utilizzati solo materiali di alta qualità, tra cui rocce costose e bonsai, e ogni montagna è gestita da un team di esperti.

Singolo coreano

Le montagne coprono circa il 70% della penisola coreana e sono parte integrante dell’identità coreana. La mitica storia della fondazione della Corea inizia nella catena montuosa di Taebaek.

Secondo la leggenda coreana, Hwan-ung è sceso dal cielo ed è stato avvicinato da un orso che voleva essere una donna. Hwan-ung disse all’orso di mangiare aglio ed erbe per 100 giorni in una grotta. Funzionò e la donna dell’orso in seguito sposò Hwan-ung e diede alla luce Dangun, che fondò il regno nel 2333 a.C.

Mentre molti considerano la leggenda un mito, gli archeologi nordcoreani hanno affermato di aver trovato la tomba di Dangun ai piedi del monte Taebaek vicino alla capitale della Corea del Nord, Pyongyang, e hanno costruito un mausoleo sul sito. Nel 1994 per adorarlo.

Oggi, le montagne su entrambi i lati del confine tra la Corea del Nord e la Corea del Sud porterebbero fortuna e fortuna. I due paesi celebrano la fondazione della Corea – il giorno in cui il cielo si è aperto a Hwan-ung – il 3 ottobre di ogni anno.

“Esiste una convinzione sciamanica positiva nelle montagne coreane, quindi è come comprimerle e riportarle in una città dove manca la natura”, ha detto Kim. “Il mio compito è scoprire paesaggi coreani che esistono ancora nella società moderna”.

Alcuni dei disegni più popolari sono il Monte Seorak, nella catena montuosa di Taebaek nella provincia di Gangwon, e Halla sull’isola di Jeju, la montagna più alta del paese.

Anche il Monte Kumgang nella Corea del Nord è popolare, poiché i turisti sudcoreani non sono stati in grado di visitare la realtà dal 2008, a causa delle tensioni politiche.

Ritorno alla natura

La popolarità dei paesaggi artificiali suggerisce che i residenti stanno cercando di rafforzare il loro legame con la natura dopo decenni di rapida urbanizzazione. È questo tentativo di riconnessione che Kim cerca di catturare nelle sue foto, secondo il curatore Haeni Park.

“Attraverso il suo lavoro, Kim rivela la sua comprensione della realtà della nostra società, dove le persone che vivono in città che possono essere piuttosto buie si consolano, anche solo per un momento, in strutture artificiali colorate”, a- ha scritto nella sua stazione di polizia. dichiarazione per la mostra di Kim 2015 “A List of Landscapes”.

“(Le montagne finte) rappresentano un paesaggio alternativo che gli abitanti delle città hanno dovuto accettare”, afferma Kim. Credito: Seunggu Kim

Per Kim, questa natura simulata è una sorpresa, visti i limiti topografici del paese.

“La Corea del Sud ha sviluppato una cultura usa e getta compressa perché abbiamo una quantità relativamente buona di risorse ma non abbastanza tempo e spazio per spenderle”, ha detto Kim. “(Le montagne finte) rappresentano un paesaggio alternativo che gli abitanti delle città hanno dovuto accettare.”

Trova gioia

Kim ha fotografato le stesse strutture per molti anni per osservare i cambiamenti stagionali nella loro forma e colore. In primo luogo ha considerato il paesaggio “kitsch” come uno dei sintomi della rapida crescita economica in Corea del Sud. Ma da allora ha imparato ad apprezzare la bellezza delle montagne e il loro effetto “curativo”, ha detto.

READ  Più di due dozzine di banchieri nordcoreani accusati di riciclaggio di denaro per 2,5 miliardi di dollari

“A volte quando fotografo fotografie di colline finte, gli anziani vengono da me e mi spiegano il significato della montagna con tale orgoglio, come se fossero reali e possedessero”, ricorda il fotografo. “Ho trovato questo sentimento di appartenenza davvero unico.”

Kim ha detto che oggi le persone hanno dovuto trovare altri modi per godersi la natura e rilassarsi. La chiama “cultura istantanea”, e questo è il tema più ampio del suo tentativo permanente di catturare il modo in cui gli abitanti delle città sudcoreane gestiscono il loro “desiderio implacabile di trovare gioia nei momenti più difficili”.

Le sue altre serie in corso sulla vita di città in Corea del Sud presentano immagini di cittadini che cercano di aggrapparsi ai loro spazi per il tempo libero – indipendentemente da ciò che sta accadendo – come un uomo che porta a spasso il suo cane accanto a un parco allagata e una piscina affollata nel mezzo di Seoul.

Kim ha fotografato una piscina affollata vicino al fiume Han nel 2016.

Kim ha fotografato una piscina affollata vicino al fiume Han nel 2016. Credito: Seunggu Kim

Kim si vede come un osservatore o un registratore, piuttosto che un artista. Spera che le sue foto offrano una rappresentazione realistica della società capitalista sudcoreana.

“Voglio rivelare l’identità della Corea moderna: una società coreana ironica, allegra e allegra e una cultura del consumo distorta”.

We will be happy to hear your thoughts

Leave a reply

FPSGAMES.IT È PARTECIPANTE AL PROGRAMMA ASSOCIATI DI AMAZON SERVICES LLC, UN PROGRAMMA DI PUBBLICITÀ AFFILIATO PROGETTATO PER FORNIRE AI SITI UN MEZZO PER GUADAGNARE TASSE PUBBLICITARIE IN E IN CONNESSIONE CON AMAZON.IT. AMAZON, IL LOGO AMAZON, AMAZONSUPPLY E IL LOGO AMAZONSUPPLY SONO MARCHI DI AMAZON.IT, INC. O LE SUE AFFILIATE. COME ASSOCIATO DI AMAZON, GUADAGNIAMO COMMISSIONI AFFILIATE SUGLI ACQUISTI IDONEI. GRAZIE, AMAZON PER AIUTARCI A PAGARE LE NOSTRE TARIFFE DEL SITO! TUTTE LE IMMAGINI DEL PRODOTTO SONO DI PROPRIETÀ DI AMAZON.IT E DEI SUOI ​​VENDITORI.
FPSGames.IT