Il governo cinese rivela un elenco di bozze di animali che possono essere allevati per la carne

Pechino ha temporaneamente vietato tutto il commercio di animali selvatici per cibo a seguito dell’epidemia, che ora si è diffusa in tutto il mondo per infettare oltre 1,6 milioni di persone, ma la nuova legge non non è stato ancora finalizzato.

Ministero cinese dell’agricoltura pubblica il progetto di elenco di animali considerati adatto per l’uso come bestiame Le serate del mercoledì, tra cui graffette come maiali, mucche, galline e pecore, nonché “bestiame speciale” come un numero di specie di cervi, alpaca e struzzo.

Due specie di volpi, procioni e visoni possono essere allevati come bestiame ma non per la loro carne.

Non si fa menzione di specie animali sospettate dagli scienziati di aver diffuso il virus nell’uomo, come pangolini, pipistrelli e zibetti.

I cani mancano anche nell’elenco del bestiame, che, se applicato formalmente, porterebbe al primo divieto a livello nazionale del loro consumo in Cina per una vittoria dei difensori dei diritti degli animali.

“Con il progresso della civiltà umana, la preoccupazione pubblica e la preferenza per la protezione degli animali, i cani sono passati dal bestiame tradizionale agli animali domestici”, ha spiegato una spiegazione del progetto. “In genere non sono più considerati bovini nel resto del mondo. Non è consigliabile elencarli sotto il bestiame o il pollame in Cina.”

Il progetto non è stato ancora completato e il pubblico ha tempo fino all’8 maggio per fornire commenti.

La Humane Society International ha dichiarato giovedì che la proposta proposta potrebbe cambiare il gioco per il benessere degli animali in Cina.

“Dobbiamo attendere l’esito della fase di consultazione, ma questo progetto potrebbe effettivamente aprire la strada alla Cina per rimuovere ufficialmente cani e gatti dal menu”, ha detto la portavoce Wendy Higgins.

La Cina ha reso illegale il consumo di animali selvatici dopo l'epidemia di coronavirus. Ma terminare il commercio non sarà facile

Lo scoppio iniziale del nuovo focolaio di coronavirus è stato collegato a un mercato umido a Wuhan, capitale della provincia di Hubei della Cina centrale, dove una vasta gamma di animali selvatici è stata venduta per carne, tra cui serpenti, maiali -epics e procioni.

READ  La perdita di gas nell'impianto LG Polymers lascia almeno 11 morti e 280 ricoverati in ospedale

Il mercato umido è un termine ampiamente usato in alcune parti dell’Asia per descrivere i mercati che vendono carne, pesce e prodotti deperibili. Non tutti i mercati umidi vendono prodotti di origine animale.

Il consumo di animali selvatici non è comune nella maggior parte della Cina, ma esiste un commercio molto redditizio, in particolare nel sud del paese.

Quando gli animali selvatici vengono tenuti nelle vicinanze e in condizioni non igieniche, gli esperti affermano che esiste un alto rischio di diffusione del virus tra gli animali e quindi potenzialmente nell’uomo.

I ricercatori hanno ipotizzato che potrebbe essere stato un pipistrello o un pangolino che originariamente diffondeva il virus sull’uomo, ma non esiste ancora una risposta definitiva.

source–>http://rss.cnn.com/~r/rss/cnn_latest/~3/bgp1y70E4Vg/index.html

We will be happy to hear your thoughts

Leave a reply

FPSGames.IT