Il Kenya ha rilasciato circa 5.000 detenuti tramite sessioni di tribunale Skype di recente adozione

Il mese scorso, il paese dell’Africa orientale ha liberato 4.800 prigionieri in diverse parti del paese, secondo Anne Amadi, la segretaria della magistratura in Kenya.

Molte sessioni che hanno portato al rilascio di questi prigionieri si sono svolte praticamente tramite Skype e Zoom, ha affermato.

“Abbiamo dato priorità alla liberazione di molte persone dal carcere, in particolare i giovani autori di reati. Quelli che sono in carcere per un breve periodo e quelli che sono stati lì per molto tempo ma hanno solo sei mesi o meno per andare “ha detto alla CNN. .

“Venerdì scorso, siamo riusciti a decongestionare la prigione di circa 4800 detenuti provenienti da diverse parti del paese. Tutti i nostri 39 alti tribunali hanno rilasciato persone. La maggior parte di loro, un buon numero, via Skype o Zoom”, ha detto. aggiunto. .

Coprifuoco dal crepuscolo all’alba

Il Kenya attualmente ha 110 casi di coronavirus da giovedì. Il presidente del Kenya, Uhuru Kenyatta, ha anche dichiarato un coprifuoco all’alba il 27 marzo, limitando i viaggi nel paese dalle 19:00 alle 5:00 per limitarne la diffusione.
Nell’alta corte di Mombasa, il giudice keniota, Eric Ogola pronunciato 23 sentenze nei suoi appartamenti via Skype il 30 marzo.

Secondo un messaggio pubblicato su Twitter dalla magistratura keniota, Ogola era in videoconferenza con sospetti nella prigione di Shimo la Tewa. I sospetti si sono alternati davanti alla telecamera mentre stava leggendo il suo verdetto.

“Oggi, il giudice che presiede l’Alta corte di Mombasa, l’onorevole Eric Ogola, ha pronunciato 23 sentenze tramite la conferenza di Skype ai detenuti nella prigione di Shimo La Tewa”, ha detto il tweet.

Queste misure sono state implementate in conformità con una direttiva del governo keniota che ha scoraggiato grandi raduni di qualsiasi forma.
I tribunali di Malindi, nel sud-est del Kenya, hanno anche tenuto sessioni il 23 marzo tramite la sessione di videoconferenza su Skype, secondo media locali.
A Taita Taveta, una delle contee del paese, Farah Amin, giudice all’Alta Corte di Voi trattati 24 casi su Skype e ha ordinato il rilascio di 23 giovani delinquenti dal carcere di Wundanyi.
Il Sudafrica ha riunito senzatetto in uno stadio sportivo. Anche qui, il coronavirus divide i ricchi dai poveri
Il Kenya ha confermato il suo primo caso di coronavirus 12 marzo e da allora ha sospeso tutti gli eventi sportivi, gli incontri religiosi all’aperto e tutti i principali eventi.

Amadi afferma che quando il primo caso del virus è stato confermato nel paese, il Consiglio nazionale per l’amministrazione della giustizia (NCAJ) ha tenuto una riunione durante la quale è stato chiesto ai lavoratori del sistema giudiziario di occuparsi di come casi urgenti e lavorare da casa.

il NCAJ è un consiglio nazionale che riunisce tutti gli attori del settore della giustizia.

“Siamo d’accordo sul fatto che generalmente dobbiamo ridurre le operazioni e lavorare con personale minimo in ogni stazione … Ci rendiamo conto che i tribunali sono uno dei luoghi più rischiosi per diffondere il virus perché abbiamo a che fare con così tante persone e che abbiamo così tanti file elaborati lì da così tante persone “, ha detto.

READ  Tokyo si sta preparando per le Olimpiadi del 2021 e la Coppa del mondo di rugby

source–>http://rss.cnn.com/~r/rss/edition_africa/~3/sOm7rlb9RvE/index.html

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *