Il Liverpool si è infortunato dopo aver preso una decisione “moralmente sbagliata” in mezzo alla pandemia di Covid-19

Sebbene i club – molti dei quali sono di proprietà di uomini d’affari multimiliardari – che guadagnano miliardi di dollari dall’attuale accordo sui diritti televisivi, molti hanno già preso la decisione di mettere in licenza il personale non calciatore, tutti continuando a pagare molto ai loro giocatori. siamo.

Le discussioni tra la Premier League e l’Associazione dei calciatori professionisti (PFA) sulle potenziali riduzioni dei salari dei giocatori rimangono bloccate.

Il direttore generale della Premier League Richard Masters ha scritto martedì al legislatore britannico Julian Knight, presidente del comitato Cultura, Media e Sport del ministero per difendere la decisione del club di rimuovere il personale non calciatore.

Masters ha affermato che i club di volo di punta affrontano “livelli senza precedenti” di perdite, che potrebbero ammontare a oltre 1 miliardo di sterline.

“È davvero povero”

Qualunque sia il risultato finale delle discussioni, il Liverpool è un club della Premier League la cui reputazione ha avuto un duro colpo la scorsa settimana.

A ottobre, il CEO spagnolo Liverpool El Pais ha chiesto a Peter Moore, CEO di Liverpool, che cosa distingue il suo club dai suoi rivali europei.

“Abbiamo avuto questa incredibile figura storica: Bill Shankly, un socialista scozzese che ha costruito la fondazione”, ha detto. “Ancora oggi, quando parliamo di affari, ci chiediamo: ‘Cosa farebbe Shankly?'”

Probabilmente diventerà grave dopo che è stato annunciato sabato che Liverpool – il cui azionista di maggioranza John W. Henry vale 2,5 miliardi di dollari – avrebbe usato un programma di salvataggio del governo britannico per aiutare a pagare il personale non giocatore che ha messo in congedo temporaneo.

Il Coronavirus Retention Scheme, progettato per aiutare i datori di lavoro che sono stati gravemente colpiti dal coronavirus, paga i lavoratori che sono stati in congedo l’80% del loro salario, fino a un massimo di £ 2.500 al mese.

Per un club – che ha realizzato un profitto di £ 42 milioni l’anno scorso – e il suo proprietario super ricco di utilizzare i soldi dei contribuenti per continuare a pagare il proprio personale ha causato un enorme contraccolpo e nel giro di 48 ore, Il Liverpool ha annullato la sua decisione, Moore si è scusato.

“Il club ha usato questo, il club si è commercializzato in questo modo e il CEO Peter Moore parla regolarmente del socialismo e di ciò che Bill Shankly farebbe”, ha detto a CNN Sport Gareth Roberts, del podcast di Anfield Wrap del Liverpool.

“Se hai intenzione di usare le frasi di Shankly, se hai intenzione di dire cose come” significa di più “, se hai intenzione di parlare di famiglie e famiglie LFC, allora sembra davvero contraddire tutto ciò.

“Il Liverpool ha lavorato molto, molto duramente per un periodo di tempo per fare molte cose buone nella comunità in vista come organizzazione riflessiva … e il Liverpool Football Club dovrebbe, per me, essere una parte attiva nella comunità “.

READ  Le fabbriche di carne si chiudono quando i lavoratori si ammalano

Attualmente, quattro club della Premier League utilizzano il programma governativo.

Tottenham, Newcastle, Norwich e Bournemouth sono stati presi di mira, molti si chiedono perché le squadre che condividono miliardi di dollari in base all’attuale accordo sui diritti TV debbano usare il programma di lavoro.

Al contrario e con unanime elogio, il Manchester City è diventato il primo club della Premier League ad annunciare che non avrebbe lasciato il personale in ferie.

“Rimaniamo impegnati a proteggere i nostri dipendenti, i loro posti di lavoro e le nostre attività mentre facciamo il possibile per supportare la nostra più ampia comunità in questo momento più difficile per tutti”, ha detto un portavoce della città CNN.

Considerando le critiche che questi quattro club hanno ricevuto la scorsa settimana e dopo l’annuncio del Manchester City, Roberts ha affermato che i tempi della decisione del Liverpool non avevano senso, soprattutto dal momento che né la Premier League né i suoi i giocatori avevano preso una decisione sui tagli alle retribuzioni.

“Dal punto di vista delle pubbliche relazioni e della reputazione, è anche molto povero”, afferma.

“Se la comunicazione, se la strategia attorno fosse stata un po ‘migliore, penso che avrebbero potuto evitarlo molto; sembra un pubblico [relations] quasi una crisi da loro stessi creata, perché dovevano farlo adesso?

“Hai visto tutte le squadre di calcio lanciarlo nell’erba o dire che non lo faranno affatto. Hanno vinto la loro PR adesso ed è il malvagio Liverpool e tutto il resto.”

“Qualunque cosa io dica, sto solo tornando ai tempi. Abbiamo perso una partita in casa, sono passate più di tre settimane dall’ultima volta che il Liverpool ha giocato a calcio. Non credo che dovrebbero tuffati in questa partita. ora. “

“Moralmente sbagliato”

L’annuncio iniziale è servito solo a minare gran parte del buon lavoro che Liverpool ha già svolto durante la pandemia.

Il video dei fan di Jurgen Klopp che ha dato la priorità alla salute pubblica sul primo titolo per 30 anni è stato compassionevole e sincero, mentre il capitano del Liverpool Jordan Henderson avrebbe contribuito a creare un fondo coronavirus per il SSN .

“Non è stata una decisione che, per me, rifletteva i valori di Liverpool o della gente di Liverpool in precedenza”, afferma Roberts. “Ora vorrei solo promuovere una sorta di cambiamento culturale all’interno del club, dove forse in situazioni come questa c’è un po ‘più di consultazione.

“Che in futuro pensano a come si sentiranno i tifosi e a cosa proverà la città perché il Liverpool è unico come un business come una squadra di calcio. Penso che sia per questo [the decision] era così trattenuto contro di loro perché lo dicono anche a noi.

READ  Katie Couric ha un reclamo riguardante "The Morning Show"

“Il direttore generale ci dice che è un club speciale, è diverso, i fan sono speciali, la community si sente speciale e stai prendendo una decisione aziendale difficile come questa. Alla fine, sembra moralmente sbagliato e non funziona “non corrisponde a quello che ci è stato detto. “

Questa non è la prima volta che i proprietari del Liverpool ascoltano i fan a seguito di una controversa decisione commerciale.

Nel 2016, si sono scusati e hanno annullato un aumento del prezzo del biglietto dopo che migliaia di fan hanno protestato mettendo in scena una sciopero durante una partita della Premier League.

Roberts ritiene che mentre le critiche diffuse ai proprietari e ai dirigenti del club siano meritate, meritano anche elogi per l’ascolto dei fan e l’inversione della decisione.

“Erano nelle bolle dei loro proprietari, se vuoi”, dice Roberts. “Dove stavano guardando solo i numeri, puramente le previsioni e pensando alle finanze ora e alle finanze in futuro.

“Hanno visto che ha senso e non hanno davvero pensato alle ramificazioni più ampie, non hanno pensato al potenziale problema di reputazione e ovviamente sono tornati a morderli – voglio dire che lo sono sicuramente ne sono consapevole ora.

“Penso che siano usciti da questa scatola quando hanno preso questa decisione e ora sono tornati su di essa. Si sono lasciati aperti alle critiche, hanno avuto molto e lo ottengono ancora, ma penso che sia “è stato grande da parte loro e coraggioso da parte loro di invertire questa decisione”.

Prima di annullare la decisione, Moore ha parlato con il sindaco del Liverpool Joe Anderson e con i parlamentari locali Ian Byrne e Dan Carden.

“Peter mi ha chiesto cosa ne pensassi e gli ho detto che sono favorevole all’utilizzo del congedo se ciò significa mantenere un posto di lavoro perché la massima priorità dovrebbe essere che il personale sia retribuito”, ha affermato Byrne, un fan di Liverpool per tutta la vita a The Athletic.

“Tutti erano contenti quando British Airways è andato in congedo perché ha salvato posti di lavoro, ma la realtà è che il calcio è giudicato secondo un diverso insieme di regole. Con le squadre di calcio, c’è un lato morale .

“Se il Liverpool dicesse:” Partiremo per tre mesi, otterremo un importo X dal governo, e poi lo rimborseremo più tardi “- questo è un argomento diverso.

“La vergogna per me è che questa decisione ha messo in ombra gran parte dell’eccellente lavoro che il club sta svolgendo nella comunità locale in questi tempi difficili.

“Il calcio è un obiettivo facile per il governo e alcune persone stanno ancora cercando un motivo per colpire il Liverpool. Il club ha dato loro un obiettivo aperto su di esso. Ha causato danni ma hanno fatto bene. “.

“Vogliono aiutare”

Le discussioni sui calciatori che hanno ridotto i loro salari del 30% sono crollate nel fine settimana, dopo che il PFA ha dichiarato che la proposta di scissione della Premier League potrebbe danneggiare il SSN.

READ  Kevin Love: la salute mentale "una pandemia di cui nessuno parla"

La PFA ha sostenuto che una riduzione del 30% dei salari nell’arco di un anno equivarrebbe a £ 500 milioni di tagli ai salari e, successivamente, a una perdita di £ 200 milioni di contributi fiscali al governo britannico.

Come parte della proposta, la Premier League ha dichiarato che avrebbe pagato £ 125 milioni in anticipo per aiutare le leghe ad abbassare la piramide del calcio inglese, mentre donava £ 20 milioni al NHS. .

La questione si è rapidamente politicizzata dopo che diversi legislatori britannici hanno suggerito che i calciatori della Premier League dovrebbero fare di più per aiutare finanziariamente.

Ma le discussioni tra Premier League, PFA e English Football League si sono concentrate su come guidare le squadre – molte delle quali stanno perdendo ingenti somme – durante questo periodo senza precedenti.

“Abbiamo sentito molto su questa cifra del 30%: i tagli che la Premier League vorrebbe che i giocatori accettassero per chiudere il buco finanziario se il peggio peggiorasse e la stagione non potesse finire”, Ryan Bertrand di Southampton ha detto al Guardian.

“È stato suggerito che ciò compenserebbe la perdita di entrate per le trasmissioni di circa £ 750 milioni, ma, molto semplicemente, si tratta di matematica per i manichini”.

Qualsiasi accordo non implicherebbe necessariamente un taglio salariale immediato del 30% per i migliori calciatori, ma sarebbe piuttosto una scala mobile.

Nel peggiore dei casi e senza calcio per il prossimo futuro, verrebbe applicato il differimento massimo del 30% dei salari.

Ma se il calcio dovesse tornare in una forma o nell’altra, ad esempio a porte chiuse in modo che il reddito della giornata sia sempre influenzato ma il reddito della trasmissione sia meno influenzato, questo potrebbe essere ridotto al 10%.

“Tendiamo a provare i calciatori abbastanza facilmente”, ha detto alla CNN l’ex settimana internazionale Gary Lineker. “È un gioco facile. Sì, vengono pagati molti soldi, ma sono sicuro che vogliono aiutare.

“Sono ancora molto bravi nelle comunità e sono sicuro che nei prossimi giorni i calciatori si alzeranno e saranno contati”.

“Sono sicuro che succederà, ma ci vuole tempo e tutti qui saltano sul carro. I politici tendono a farlo di tanto in tanto, soprattutto a spese del calcio”.

“Non saltiamo tutti sul cavallo del giudizio e aspettiamo e vediamo come va la settimana successiva.”

Per il momento, non è stata fissata alcuna data per la ripresa della Premier League.

Un accordo tra tutte le parti sembra essere lontano, con i giocatori apparentemente alla ricerca di garanzie sulla destinazione del denaro detratto dal loro salario.

Ma il PFA insiste sul fatto che tutti i giocatori della Premier League “vogliono e faranno la loro parte dando significativi contributi finanziari in questi tempi senza precedenti”.

Mentre le squadre della Liga e della Serie A prendono in mano la situazione e annunciano tagli alle retribuzioni in corso durante la pandemia, i produttori di club della Premier League continuano a rimanere indietro.

source–>http://rss.cnn.com/~r/rss/edition_football/~3/8Kjd-1tsntY/index.html

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *