Il ragazzo della lontana tribù amazzonica muore, sollevando la paura dell’impatto di Covid-19 sugli indigeni

Il ragazzo di 15 anni, uno Yanomami del villaggio di Rehebe sul fiume Uraricoera, è morto giovedì, secondo il Ministero della Salute brasiliano.

Era stato nel reparto di terapia intensiva del Roraima General Hospital di Boa Vista, la capitale dello stato di Roraima, dal 3 aprile. L’ospedale non ha rilasciato la sua causa di morte, ha detto il ministero della salute.

L'epidemia di morbillo minaccia la tribù amazzonica isolata

Il ministro della sanità brasiliano ha dichiarato che il ragazzo è risultato positivo per Covid-19 durante una conferenza stampa mercoledì.

“Oggi abbiamo avuto un caso confermato nello Yanomami, che ci preoccupa molto”, ha detto. “È una preoccupazione del governo per la salute dei nativi”.

Gli Yanomami vivono nelle foreste pluviali e nelle montagne del nord del Brasile e del sud del Venezuela, secondo Survival International, un’organizzazione che cerca di proteggere i diritti degli indigeni. La tribù più grande e relativamente isolata del Sud America, circa 38.000 Yanomami sono oggi, dice il sito web dell’organizzazione.

L’Istituto Socio-Ambientale (ISA) ha affermato che il virus si era diffuso tra gli Yanomami da minori che erano entrati illegalmente nel territorio indigeno.

“Oggi, senza alcun dubbio, il vettore principale per la diffusione di COVID-19 all’interno del territorio indigeno di Yanomami è costituito da oltre 20.000 minori illegali che entrano ed escono dal territorio senza alcun controllo”, ha dichiarato il funzionario. ISA in un comunicato stampa pubblicato sul suo sito web. .

“Gli Yanomami, come molte altre popolazioni indigene, sono tra i gruppi più vulnerabili agli effetti di COVID-19 e dovrebbero essere urgentemente protetti, a rischio di genocidio con la complicità dello stato brasiliano.”

READ  La Cina terrà una riunione annuale del parlamento dopo due mesi di ritardo con il rallentamento di Covid-19

L’Associazione delle popolazioni indigene del Brasile (APIB) ha affermato che il ragazzo è stato il terzo indigeno a morire da Covid-19 in Brasile.

Il Brasile ha registrato oltre 18.176 casi confermati di Covid-19 e più di 957 morti venerdì, secondo Centro universitario Johns Hopkins per la scienza e l’ingegneria dei sistemi.

source–>https://www.cnn.com/2020/04/10/world/yanomami-amazon-coronavirus-brazil-trnd/index.html

We will be happy to hear your thoughts

Leave a reply

FPSGames.IT