Il segreto dell’Azerbaigian per una lunga vita? Aria di montagna nel villaggio di Lerik
(CNN) – Ci sono un numero di le destinazioni in tutto il mondo famosi per la longevità dei loro residenti.
In Giappone, i vivaci centenari di Okinawa gli sono valsi il soprannome di “Land of the Immortals”. Campodimele, Italia “Villaggio dell’eternità” testimonia la dieta mediterranea. Nella soleggiata città californiana di Loma Linda, una comunità di avventisti del settimo giorno sta raccogliendo i frutti della propria vita.
C’è un angolo del globo di cui non hai mai sentito parlare così tanto e che ospita l’unico museo della longevità al mondo. È Lerik nel sud Azerbaijan.

Il paese del Caucaso meridionale ospita diverse regioni note per la produzione di residenti che vivono in età a tre cifre, tra cui Lankaran e Nagorno-Karabakh. Ma un altro, Lerik, è noto per avere la più alta concentrazione di centenari.

In questa terra color smeraldo sopra le nuvole tra le montagne Talysh, raggiunte da una curva all’altra di una strada tortuosa, la gente sembra aver scoperto il segreto di una vita lunga e sana.

Il museo della longevità

Il Museo della longevità a due sale, costruito nel 1991 e rinnovato nel 2010, contiene oltre 2.000 reperti che documentano le vite e le memorie degli abitanti più antichi della regione.

Rappresenta la durata della vita individuale con gli oggetti domestici sopravvissuti, come tre generazioni di ferri da stiro. Ci sono bauli pieni di sciarpe e camicie, brocche e scodelle d’argento, calzini lavorati a maglia meravigliosamente e tappeti tinti a mano che sono ancora colori vivaci nonostante la loro età.

E poi ci sono le lettere, scritte sia in azero che in russo – manufatti personali così vecchi che l’inchiostro inizia a sbiadire.

Forse le caratteristiche più accattivanti sono i ritratti di centenari che ricoprono le pareti del museo. Queste immagini, risalenti agli anni ’30, sono state fornite dal fotografo francese Frédéric Lachop.

Il museo e le statistiche ufficiali dell’Azerbaigian definiscono il “centenario” in un modo più vago di quanto ci si aspetterebbe: qui, significa chiunque abbia più di 90 anni.

Tuttavia, nel 1991 c’erano oltre 200 persone a Lerik registrate a più di 100 anni, su una popolazione di 63.000.

Le cifre sono state meno impressionanti da allora, che i locali attribuiscono in modo diverso all’influenza delle torri di comunicazione e all’ambiente in declino, ma potrebbero essere facilmente dovute a una tenuta dei registri più rigorosa.

Oggi ci sono 11 persone con più di 100 anni, su una popolazione locale di 83.800 persone.

READ  Il Brasile ha la prima morte per coronavirus mentre Bolsonaro chiama isteria misure preventive

La storia dell’uomo di 168 anni

Per una storia sul Museo della longevità dell'Azerbaigian

È l’uomo più anziano del mondo? Forse no.

Kamilla Rzayeva

Raji Ibrahimova, 105 anni, è l’attuale cittadino più anziano di Lerik. È una bellissima annata, ma diventa pallida rispetto all’età considerata dal centenario più famoso della regione, Shirali Muslumov, un pastore che sarebbe vissuto fino a 168 anni.

Le pagine gialle del suo passaporto affermano che è nato nel 1805 e la sua lapide indica che è morto nel 1973. Se ciò fosse vero, renderebbe la persona più anziana che abbia mai vissuto.

Sfortunatamente, all’inizio del diciannovesimo secolo, le registrazioni delle nascite avvenivano raramente in villaggi remoti come la sua città natale di Barzavu, quindi non esiste una registrazione delle nascite certificabile.

Innumerevoli lettere inviate da tutto il mondo per i suoi vari compleanni non lasciano dubbi sul fatto che avesse davvero un’età molto rispettabile, ma potrebbe essere meglio consentire un margine di errore minimo di 20 anni.

Tra quelli che corrispondevano a Muslumov, c’era il leader comunista vietnamita Ho Chi Minh, che gli aveva inviato una cartolina salutandolo con l’allegato “Caro nonno”.

Questo gene della longevità sembra funzionare in famiglia. Sua figlia Halima Qambarova, 95 anni, ha detto alla CNN Travel che, anche se potrebbe non vivere fino a 168 anni, come suo padre, almeno spera di vivere fino a 150 anni, come suo figlio maggiore. -padre, o 130 anni, come sua zia.

“Tranquillità mentale”

Quando fa freddo, la maggior parte dei centenari si trasferisce in climi più costieri Lankaran, ma Qambarova era ancora nel villaggio di Lerik de Barzavu quando CNN Travel passò accanto alla modesta casa a due piani di suo padre, circondata da enormi alberi di mele e pere (probabilmente contemporanei del suo famoso padre).

Seduta vicino alla finestra, avvolta in uno scialle, parla con un leggero accento, passando spesso alla sua lingua madre, Talysh, un dialetto parlato solo da 200.000 persone e classificato come “vulnerabile” dall’UNESCO.

Mostra il suo passaporto, che non menziona un mese o una data di nascita, solo l’anno: 1924. Può avere 95 anni, ma è completamente presente, interagendo con i suoi pronipoti e dimostrando il suo significato umorismo vivace. Quando le è stato chiesto quanti anni avesse, ha felicemente risposto “15”.

“L’immobilità dello spirito fa parte del loro segreto”, spiega la guida del museo. “Evitano lo stress, pensano alla vita in modo abbastanza filosofico, vivono un giorno alla volta, senza molta pianificazione o preoccupazione per il futuro”.

READ  Propaganda a schermo intero all'ultimo briefing del gruppo di lavoro sui coronavirus di Trump

Buona nutrizione e rimedi naturali

Per una storia sul Museo della longevità dell'Azerbaigian

Halima Qanbarova è una ragazza di 95 anni. Suo nonno sarebbe vissuto per 150 anni, suo padre con 168 anni e sua zia con 130 anni.

Kamilla Rzayeva

La giornata di Qambarova inizia all’alba; non si lascia dormire. “Mi alzo non appena apro gli occhi”, dice.

Trascorre tutto il giorno a lavorare in giardino o in casa. La sua camera da letto è piccola, con un tappeto spesso e morbido e cuscini sul pavimento. Molte persone qui preferiscono dormire sul pavimento, con solo una coperta sottile anziché un materasso, in quanto si ritiene che sia il modo più sano per riposare la schiena.

Contrariamente alla credenza popolare, i centenari di Lerik mangiano carne, ma hanno ereditato una preferenza per i prodotti lattiero-caseari freschi come shor (ricotta), burro, latte e yogurt Ayran dai centenari precedenti, per quale astinenza dalla carne era più dovuta a circostanze economiche.

La nuora di Qambarova porta un grande piatto con pere e mele del loro giardino e tè aromatico.

È a base di erbe, floreale e rinfrescante. Di ritorno al museo, la guida presenta un tavolo con le diverse erbe indigene di Lerik.

“Il segreto di una lunga vita è una buona alimentazione, i minerali nell’acqua di sorgente e le erbe che aggiungiamo al tè per prevenire le malattie, quindi le persone non devono assumere medicine semplicemente usando rimedi naturali “, spiega la guida. In effetti, Qambarova insiste sul fatto che non ha mai preso medicine.

Generazioni che vivono fianco a fianco

Oltre le sue finestre, può sembrare che il villaggio sia calmo e immobile. Ma il lavoro fisico che gli abitanti del villaggio fanno ogni giorno è immenso. Dall’alba al tramonto, lavorano nei giardini e nei campi, nonché in casa. Cuciono, lavorano a maglia e si prendono cura delle famiglie numerose.

Questo era il modo di vivere del 103enne Mammadkhan Abbasov del villaggio di Jangamiran. Seduto sul tappeto, davanti alla finestra, il centenario ha quasi completamente perso la vista e riesce a malapena a sentire suo figlio dirgli che gli ospiti sono arrivati, ma quando finalmente lo prende, inizia a cantare, a pregare e inviagli i miei migliori auguri.

Accanto a Abbasov c’è il suo pronipote – a un secolo di distanza tra loro.

Come Qambarova, Abbasov è stato un indaffarato paesano per tutta la sua vita, lavorando nei campi fino a circa sette anni fa, quando la sua vista si è deteriorata.

READ  Lewis Hamilton "buono" dopo l'isolamento dopo essere stato fotografato con Idris Elba che è risultato positivo al coronavirus

“Tutto ciò che Dio dà”

Per una storia sul Museo della longevità dell'Azerbaigian

Lerik dimostra i benefici della fresca aria di montagna.

Kamilla Rzayeva

“È sempre stato un brav’uomo e ha vissuto la sua vita nel modo giusto”, dice suo figlio.

In termini di cibo, mangia “qualunque cosa Dio dia” con una restrizione: non beve mai alcol.

Abbasov attribuisce la sua lunga vita all’attività fisica quotidiana, non fino allo sfinimento, ma abbastanza per sfidare il corpo.

Oltre alla buona alimentazione dei prodotti agricoli, ha anche bevuto litri di acqua di sorgente ghiacciata, ricca di minerali che avrebbero contribuito alla longevità.

Anche le altitudini che causano mal di testa da montagna possono essere un fattore.

L’età di alcuni di questi famosi centenari può essere ancora contestata, ma qui a Lerik la loro eredità vive attraverso persone che rispettano sempre il semplice segreto della longevità di Lerik: attività fisica, buona alimentazione, molta acqua e un atteggiamento verso la vita che dice: viviamo solo una volta, ma se lo facciamo bene, una volta è abbastanza.

Museo della longevità, 22 rue A. Asadullayev, Lerik, Azerbaigian; (025) 274-47-11

source–>http://rss.cnn.com/~r/rss/edition_europe/~3/kSnX05b-dKg/index.html

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *