India: le persone possono vedere le vette himalayane mentre il blocco riduce l’inquinamento atmosferico

(CNN) – I residenti dello stato del Punjab nell’India settentrionale reagiscono con ammirazione alla vista di Himalaya catena montuosa, che è ora visibile più di 160 chilometri a causa della riduzione dell’inquinamento atmosferico causato da bloccare il coronavirus del paese.

Gli indiani a Jalandhar e dintorni hanno pubblicato online le foto delle opinioni delle loro case, sostenendo che non vedono le vette himalayane da decenni.

“Per la prima volta in quasi 30 anni (I) ho potuto vedere chiaramente l’Himalaya a causa del blocco dell’India che pulisce l’inquinamento dell’aria. Semplicemente fantastico”, ha scritto Manjit Kang.

Il fenomeno è reso possibile da un drammatico miglioramento della qualità dell’aria nelle ultime settimane, dopo la chiusura delle industrie, le automobili hanno lasciato la strada e le compagnie aeree hanno cancellato i voli in risposta al Pandemia di coronavirus.
Delhi ha subito una riduzione del 44% dei livelli di inquinamento atmosferico di PM10 il primo giorno delle sue restrizioni, il Central Control Control Pollution of India fondare. Lo standard PM10 misura particelle sospese nell’aria di diametro pari o inferiore a 10 micron.

Il rapporto afferma che, in totale, 85 città in tutta l’India hanno visto un minore inquinamento atmosferico nella prima settimana di isolamento nazionale.

Nel frattempo, la qualità dell’aria a Jalandhar, che si trova a oltre 160 chilometri dall’Himalaya, è stata giudicata “buona” a livello nazionale. indice per 16 dei 17 giorni dall’annuncio del blocco nazionale.

Al contrario, lo stesso periodo di 17 giorni dell’anno scorso non ha registrato un solo giorno di “buona” qualità dell’aria – e nei primi 17 giorni di marzo di quest’anno, solo tre giorni hanno visto un “buona” qualità dell’aria.

Il periodo segnò quindi una ventata involontaria ma gradita di aria fresca per le città sovraffollate e inquinate del paese. L’India è la patria di 21 delle 30 aree urbane più inquinate al mondo, secondo i dati compilati nel rapporto globale sulla qualità dell’aria di IQAir AirVisual 2019, con sei dei primi dieci.

Sono operativi solo i servizi essenziali, tra cui acqua, elettricità, servizi sanitari e antincendio, negozi di alimentari e servizi municipali. Tutti gli altri negozi, stabilimenti commerciali, fabbriche, officine, uffici, mercati e luoghi di culto furono chiusi e gli autobus e le metropolitane interstatali furono sospesi.

Mentre la famosa catena montuosa è più visibile che nella memoria recente, è anche più deserta.

source–>http://rss.cnn.com/~r/rss/edition_asia/~3/pZSnEAga4PY/index.html

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *