TORINO – Andrea Pirlo si presenta con un 3-0 alla Samp sulla sua prima panchina di Serie A. Una Juve spumeggiante, divertente e lontana anni luce dall’ingombrante squadra di Maurizio Sarri, travolge i Liguri schierati con troppe cautela di Ranieri. Nel primo tempo, il nuovo gioiello della Juventus, Kulusevski, si apre con un tiro da biliardo. Nella ripresa il tecnico ospite cerca di cambiare squadra, ma invano. La Juventus chiude con i gol di Bonucci e Cristiano Ronaldo.

Il tiro da biliardo di Kulusevski

Pirlo sorprende subito tutti schierando sulla sinistra il giovane Frabotta nel suo 3-5-2. Sulla destra c’è Cuadrado mentre davanti Kulusevski si affianca a Ronaldo, anche se Ramsey è spesso il terzo attaccante. Allenamento molto attento invece per Ranieri che esclude Quagliarella e pone Bonazzoli come suo unico consiglio. Alla Juventus esce un ottimo destro da fuori Danilo, tiro di Ronaldo che finisce di poco alto. Quindi CR7 ha un’opportunità ma Audero salva la loro. Al 13 ‘passano i bianconeri: Ronaldo viene chiuso in area, rimpallo e Kulusevski dal limite piazza un sinistro preciso dalla parte opposta, un tiro da biliardo per il suo primo gol con la Juventus in campionato. La Samp rinuncia troppo e lascia spazio alla Juventus che non rischia nulla alle spalle e, con un ottimo fraseggio, diventa addirittura pericolosa. Come al 24 ‘quando, dopo un pallone recuperato da McKennie, Ronaldo prende la traversa. Poco dopo Frabotta serve Ramsey, palla al centro dell’area e questa volta CR7 spreca con un tocco sul fondo. Un alto a sinistra di McKennie e un diagonale in basso di Depaoli completano il primo tempo.

READ  Il giocatore di basket su sedia a rotelle considera l'amputazione delle gambe dopo il cambio di regola

La Juve è endemica con Bonucci e Ronaldo

All’inizio del secondo tempo Ranieri cambia portando la sua squadra al 4-3-1-2 con gli inserimenti di Quagliarella, Ramirez e Yoshida: fuori Leris, Depaoli e Tonelli, già riservati. Ma è ancora la Juventus a rendersi pericolosa con Frabotta: Audero blocca in due tempi. Ramirez cerca di ucciderlo ma non riesce a trovare il bersaglio. La gara prosegue senza ulteriori emozioni e Pirlo inserisce De Sciglio per Frabotta e la new entry sfiora il gol con un tiro al giro. Audero respinge una punizione di Ronaldo, ma nulla si può fare al 78 ‘: corner, errore nel posticipo di Bereszynski, la palla resta lì e Bonucci imbuca qualche centimetro. Szczesny salva su Ekdal, mentre il portiere della Samp è bravissimo a bloccare un tiro di McKennie pochi minuti dopo. Dopo la sconfitta di Quagliarella con un diagonale in meno, la Juventus chiude all’88 ‘: assist di Ramsey e diagonale di destra vincente di Ronaldo.

Juventus-Sampdoria 3-0 (1-0)
Juventus (3-5-2): Szczesny; Danilo, Bonucci, Chiellini (37 ° demirale); Cuadrado (33 ‘Bentancur), Rabiot, Ramsey McKennie, Frabotta (22’ De Sciglio); Kulusevski (37 ′ st Douglas Costa), Cristiano Ronaldo. (31 Pinsoglio, 77 Buffon, 5 Arthur, 24 Rugani, 39 Portanova, 40 Vrioni, 41 Nicolussi Caviglia). Allenatore: Pirlo

Sampdoria (4-5-1): Audero; Bereszynski, Tonelli (1 ′ st Yoshida), Colley, Augello; Depaoli (1 ′ st Ramirez), Thorsby (25 ′ st Damsgaard), Ekdal, Jankto, Leris (1 ′ st Quagliarella); Bonazzoli (25 ′ Glass). (30 Ravaglia, 4 Vieira, 5 Chabot, 19 Regini, 20 La Gumina, 25 Ferrari, 28 Capezzi). All .: Ranieri
Arbitro: Piccinini di Forlì
Reti: al punto 13 ‘Kulusevski; al 33 ′ Bonucci, 43 ′ Cristiano Ronaldo
Angoli: 6-4 per la Juventus.
Recupero: 0 ′ e 2 ′
Ammoniti: Tonelli, Frabotta.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *